I curdi: "Padre Dall'Oglio è ancora vivo"

Il sacerdote si troverebbe in una delle ultime sacche in mano al Califfato. Con lui anche John Cantlie e un'infermiera australiana

Padre Paolo Dall'Oglio potrebbe essere ancora vivo. Lo rivelano fonti curde al Times. Con lui ci sarebbe anche il reporter John Cantlie e altri due ostaggi occidentali, rapiti alcuni anni fa in Siria. I jihadisti dello Stato islamico vorrebbero usarlo come moneta di scambio per cercare un accordo con le forze curde che li circondano e trovare un accordo per ritirarsi senza correre ulteriori rischi.

Non è la prima volta che giungono notizie positive sul sacerdote italiano. Già nel 2014, fonti mediorientali accendevano la speranza sulla sua sorte.

Chi è padre dall'Oglio

Padre Paolo, 62 anni, era stato rapito il 29 luglio del 2013, mentre si trovava a Raqqa, all'epoca la capitale dello Stato islamico. Nessuno ha mai rivendicato il suo rapimento: né l'Isis né i gruppi jihadisti. Per un breve periodo si pensò addirittura che il sacerdote fosse prigioniero in un carcere del Califfato nella provincia di Aleppo, come riportato da AdnKronos international. Dall'Oglio ha passato gran parte della sua vita in Siriaa, a Dei Mar Musa, dove guidava una comunità monastica dedita al dialogo religioso.

Con lo scoppio della rivoluzione nel 2011, padre Paolo si schierò dalla parte dei ribelli e per questo venne duramente accusato dal governo di Bashar al Assad. Il sacerdote si diresse così nel Kurdistan iracheno per poi rientrare in Siria ed essere infine rapito.

Chi è John Cantlie

È uno dei pochi superstiti della furia dello Stato islamico. Cantlie era arrivato in Siria per raccontare il conflitto insieme a James Foley, che venne poi brutalmente decapitato da Jihadi John nell'agosto del 2014.

Per rimanere vivo, il reporter si è prestato al Califfato, realizzando diversi video in cui incensava il modello dello Stato islamico e accusava la politica dell'Occidente in Medio Oriente. L'ultimo filmato risale al 2016 e Cantlie si trovava a Mosul, in Iraq. Ora si troverebbe in Siria, in una piccola fetta di terra controllata dalle bandiere nere al confine con l'Iraq. Proprio negli ultimi mesi, in questa zona si è registrata un'imponente avanzata dei curdi, appoggiati dall'aviazione e dall'artiglieria americana.

Commenti

steacanessa

Gio, 07/02/2019 - 09:23

Fate bene a ricordare il santuomo. Il suo capo abusivo flirta con quelli che lo hanno rapito.

Ritratto di moshe

moshe

Gio, 07/02/2019 - 12:49

Se c'è da pagare, fate tirare fuori i soldi al ciarlatano di bianco vestito !!!!!

justic2015

Gio, 07/02/2019 - 20:29

Che bella notizia finché ce vita ce speranza se ci saranno richieste di denaro di sicuro sarà francescesco a sborsare oppure lo stato che proteggi i cittadini nulla facenti.