"I negoziati sul Ttip sono falliti de facto"

Il ministro tedesco: "Gli europei non possono accettare le richieste degli Usa"

I colloqui sul tanto contestato accordo di libero scambio fra Unione europea e Stati Uniti, noto come Ttip (Transatlantic Trade and Investment Partnership), sono "di fatto" falliti.

Ad annunciarlo è stato il vice cancelliere e ministro dell'Economia tedesco, Sigmar Gabriel, in un'intervista all'emittente Zdf. "I negoziati con gli Usa sono falliti de facto perché noi europei non vogliamo assoggettarci alle richieste americane", ha affermato Gabriel, "Nulla si muove sulla questione".

Il commercio e gli investimenti con il partenariato transatlantico (Ttip) creerebbero la più grande zona di libero scambio al mondo con circa 800 milioni di persone. I negoziati Ttip sono in corso da tre anni, con l'obiettivo di raggiungere i contorni di un accordo prima che il presidente Barack Obama lasci il suo incarico alla fine del 2016.

Commenti

alox

Dom, 28/08/2016 - 15:30

L'EU ha altri grossi problemi...per esempio di ESISTENZA! Provare per credere (Brexit!)...Paura? L'Italia commercia con gli USA in lungo ed in largo da decenni e sugli scaffali USA non solo Barilla e De Cecco Prosciutto e Parmigiano ma anche prodotti locali...senza parlare di FIAT, Ferrari, Maserati etc etc

sberlo

Dom, 28/08/2016 - 16:02

sarebbe stato come voler fare entrare le volpi nel pollaio. L'unica cosa che manca all'Europa è il petrolio e il gas, potrebbe darcelo la Russia, ma noi gli appioppiamo le sanzioni...

lorenzovan

Dom, 28/08/2016 - 16:12

ci e' andata di lusso..l'uscita della GB ha aiutato moltissimo...erano loro il cavallo di txxxa degli USA in Europa..bloccando tutte le riforme necessarie per un corretto funzionamento ed uno sviluppo che anase oltre la misura delle cozze e delle pesche

potaffo

Dom, 28/08/2016 - 16:14

Finalmente una buona notizia!

CALISESI MAURO

Dom, 28/08/2016 - 16:55

quindi uno stop momentaneo alla distruzione degli stati nazionali, a favore delle multinazionali, che fanno gli interessi di una piccola elite.... che gia' ha l0 80% delle ricchezze al mondo. Be una buona notizia, ma c'e' sempre l'inganno... di frottoli e' pieno il momndo

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 28/08/2016 - 17:23

Per ora siamo salvi.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 28/08/2016 - 19:39

Bloccati i negoziati ... cribbio! è finito il ballo del Tip Tap

Ritratto di drazen

drazen

Dom, 28/08/2016 - 20:12

Meno male! Altrimenti saremmo stati condannati a mangiare il Parmesan fatto con i trucioli di legno e a bere il vino chimico!

VittorioMar

Dom, 28/08/2016 - 21:26

...prima di rallegrarci aspettiamo Novembre!....se dovesse vincere la Clinton,il ballo ricomincia!....e addetti ai lavori lo danno per scontato,parlando anche, che ha imparato l'arte del "PIZZO"!......e poi i mafiosi siamo noi!!

persio

Lun, 29/08/2016 - 00:20

"[...] perché noi europei non vogliamo assoggettarci alle richieste americane" Questa frase è talmente inconcepibile se pronunciata da un politico europeo da risultare addirittura deflagrante. Solo per questo Sigmar Gabriel acquisisce immediatamente un'aura di eroismo. Siamo talmente avvezzi a leader europei che chinano la testa e si umiliano, e ci umiliano, davanti al Grande Capo Bianco di Washington, che questo Gabriel, per quella semplice frase, appare un titanico campione dell'Europa. Non so che fine farà per averla pronunciata, i servi non perdonano i servi che alzano la testa: li fa apparire ciò che sono. Mi auguro che possa continuare il suo lavoro.

swiller

Lun, 29/08/2016 - 01:06

La più bella notizia del secolo non saremmo invasi dalle porcherie alimentari e altre vaccate made in USA essere assoggettati a wuesto paese significa la fine delle piccole e medie aziende italiane ed europee che già sono in grande sofferenza per i folli risultati del mercato libero ela gestione incoscente della politica europea.

Ritratto di vraie55

vraie55

Lun, 29/08/2016 - 02:01

presto falliranno USA e UE

vince50_19

Lun, 29/08/2016 - 08:12

lorenzovan - Credo che il Brexit abbia lasciato campo libero alla Germania di far diventare l'Ue ancor più germanocentrica. Con lo scopo, di sora Merkel, di salvare le proprie chi... da assalti di certi poteri sovrannazionali made in Usa, a discapito di paesi membri della Ue da rottamare comunque. Se non ci sarà un vero equilibrio fra gli stati membri, una politica economica adeguata secondo le esigenze dei predetti e contro chi ci vuole distruggerci, questa Ue è destinata a fallire. Questo perché la Ue avrebbe dovuto nascere prima come unione dei popoli, non e per effetto di una ristretta consorteria di banchieri in odore di massoneria che ambiscono lucrare a più non posso e che del resto se ne fregano altissimamente.

Beaufou

Lun, 29/08/2016 - 08:49

E menomale che sono falliti. Erano un tentativo americano per aggirare le più stringenti norme europee sulla qualità, a tutto vantaggio dell'economia yankee, che si sa è molto più approssimativa di quella europea. Ottima notizia.

vince50_19

Lun, 29/08/2016 - 10:26

Avevo fatto un altro commento ma non lo vedo: riprovo. Dubito che l' "obamino globalizzatore" si sia arreso sic et simpliciter. Se diventerà presidente (Bi)Hillary la solfa riprenderà in questa Ue creata proprio da certo consesso americano che ama tanto l'odore dei soldi (altrui). Assisteremo, se la Clinton vincerà, sicuramente ad una trasformazione "da obamino in hillaryno" del noto citazionista e amante degli aforismi. Tra l'altro il brexit sta facendo guadagnare proprio quelli che se ne sono andati, mentre la furba angela - http://www.linkiesta.it/it/article/2014/07/08/i-cinque-trucchi-con-cui-la-germania-bara-sui-conti/22089/ - e il suo diligente studentello sono molto, molto attapirati. Vedo un futuro oscuro sia per la Ue che per l'Italia, anche se spero di sbagliare. Grazie anticipate per la pubblicazione.