Illusionista scomparso da due anni: scheletro trovato ammanettato a un albero

L'uomo potrebbe aver sperimentato un nuovo trucco, finito in tragedia. Ma gli investigatori non escludono neanche le ipotesi del gioco erotico o dell'omicidio

Sono stati trovati, dopo due anni dalla sua scomparsa, i resti dell'illusionista Ivan Klyucharev, l'"Harry Houdini" russo. L'uomo è stato rinvenuto ammanettato all'albero di un bosco, a 80 miglia da Mosca.

Sarà una telecamera trovata vicino allo scheletro ad aiutare gli inquirenti nelle indagini. Sono infatti ancora sconosciute le circostanze della sua morte.

A scoprire il corpo del 30enne, scomparso nel maggio del 2017, è stato un uomo che passeggiava nel bosco. "Ho visto prima il cranio ancora coperto da una felpa e il suo scheletro era coperto di foglie", ha raccontato.

Le ipotesi sulla morte

Come riporta il Messaggero, l'illusionista potrebbe aver sperimentato un nuovo trucco: accanto al corpo, sono stati trovati cinque paia di manette, tre catene metalliche e sei lucchetti. Ma il tentativo di liberarsi dai ganci, per lui è stato fatale. Gli investigatori però non escludono neanche le ipotesi del gioco erotico o dell'omicidio.

Commenti

manfredog

Ven, 19/04/2019 - 13:30

...mah..forse l'illusionista si era illuso un po' troppo!! Poverino. mg.