Quello "smartphone" di 2mila anni fa ritrovato nella tomba

Gli archelogi hanno scovato un manufatto antico, sepolto in una tomba affianco allo scheletro del defunto. La somiglianza con i moderni smartphone è impressionante

Colore nero e forma rettangolare. A vederlo così sembrerebbe un Iphone o uno degli ultimi modelli si smartphone in vendita nei negozi di elettronica. Invece, il particolare oggetto è stato scoperto dagli archeologi in una tomba in Russia, sepolto insieme a uno scheletro che risale a duemila anni fa.

Secondo le analisi effettuate dal team di ricercatori, infatti, le ossa ritrovate vicino alla necropoli di Ala-Tey, nei pressi della diga Sayano-Shushenskaya, risalirebbero a 2.137 anni fa. Nessun iphone, quindi. Probabilemte, a detta delle prime osservazioni degli archeologi, lo strano oggetto sarebbe un cimelio molto caro al defunto: è probabile che i suoi parenti abbiano deciso di seppellirlo insieme al morto, per lasciarglielo sempre accanto. L'oggetto è stato realizzato, come spiega il Daily Mail, in gemma nera e arricchito con intarsi contenenti pietre preziose.

Lo scheletro trovato nella tomba apparteneva a una donna e una delle ipotesi avanzata dagli archeologi è che il manufatto misterioso fosse un accessorio usato dalla donna, forse una fibbia della cintura, di quelle usate in Russia, nell'era di Hunnu. "La sua era l'unica cintura decorata con monete cinesi di wuzhu che ci ha aiutato a datare il reperto rinvenuto", ha detto Pavel Leus, che ha guidato il team di archeologi negli scavi in Russia.

Commenti

manfredog

Mar, 10/09/2019 - 22:57

...di sicuro sarà stato della Nokia!! mg.