Isis, nuovi appelli per compiere attentati durante il Ramadan

L’omicidio durante il Ramadan non è considerato come una violazione della Sacra Scrittura, ma un obbligo in rispetto alla nuova rivisitazione moderna della teologia islamica

Analizzare la mentalità radicale jihadista che considera l’omicidio come giustificato e divinamente ispirato durante il mese sacro del Ramadan. La reinterpretazione della teologia islamica ad opera dell’Isis risale al 2014, durante i primi sermoni di Abu Mohammed al-Adnani, portavoce del gruppo e del califfo autoproclamato Abu Bakr al-Baghdadi. Il linguaggio jihadista non va inteso come letterale, ma interpretato ed incastonato in un preciso contesto con un chiaro obiettivo strategico. Nella sua prima apparizione pubblica in una moschea nella città irachena di Mosul, al-Baghdadi gettò le basi della nuova mentalità radicale islamista sostenendo la liceità e la natura obbligatoria della jihad nel Ramadan. Il discorso di al Baghdadi decontestualizzava le classiche prescrizioni del Corano per garantire un supporto religioso ad omicidi e missioni di martirio.

“Gli atti virtuosi (omicidi) durante il Ramadan varranno mille volte più di qualsiasi altro periodo dell’anno. Questo è il mese in cui il profeta ha ordinato agli eserciti di combattere contro i nemici di Dio. E Dio ama chi uccide i nemici in suo nome”.

Un semplice passaggio che di fatto elevò la jihad durante il Ramadan ad obbligo per i musulmani. L’omicidio dei non credenti, che è sempre di ispirazione divina, durante il Ramadan acquisiva un valore ulteriore poiché avrebbe moltiplicato le ricompense spirituali. La Sacra Scrittura Islamica è stata così stravolta da messaggi che invocano a “guadagnare il massimo beneficio durante il Ramadan”.

La reinterpretazione della teologia islamica

Il Ramadan, nono mese dell'anno secondo il calendario islamico, è il periodo per eccellenza nell’Islam dedicato al digiuno per la prima rivelazione del Corano al profeta Maometto. L’osservanza annuale è considerata come uno dei cinque pilastri dell'Islam e obbliga i musulmani ad astenersi dal comportamento peccaminoso e dal combattere se non per autodifesa. Secondo la Scrittura islamica, i premi spirituali del digiuno si moltiplicano durante il Ramadan mentre saranno perdonati i peccati precedenti. Per i veri musulmani praticanti sparsi per il mondo, il Mese Santo si onora con pace e profonda introspezione. L’Isis, tuttavia, si definisce come il ramo puro dell’Islam nella sua forma più vera. L’omicidio durante il Ramadan non è considerato come una violazione della Sacra Scrittura, ma un obbligo in rispetto alla nuova rivisitazione moderna della teologia islamica. Poiché sono le azioni terrene che garantiscono le ricompense divine, l’omicidio durante il Ramadan ha pienamente senso. È questa la base teologica alla base degli attacchi durante il Ramadan, da al-Adnani definito come “il mese di conquista”. Se l'Occidente non capisce come l'Isis elabora e decontestualizza la teologia islamica, non sarà mai in grado di combatterlo efficacemente.

Fare ribat durante il Ramadan

In preparazione del Ramadan del 2014, l’Isis iniziò ad utilizzare in diversi messaggi ed articoli pubblicati su Rumiyah la parola ribat. Quest’ultima inserita gradualmente nei testi, è stata poi associata al Ramadan per un binomio linguistico divenuto costante. Non si trattava, così come erroneamente inteso, di semplice propaganda con riferimento al Medioevo islamico. Con il termine Ribat ci si riferisce ad un avamposto di frontiera ai confini del mondo islamico. Una struttura fissa quindi, in grado di assolvere ad un duplice scopo di natura spirituale e militare. Frasi come “Fare Ribat”, nella raffigurazione moderna della jihad con la scrittura islamica classica, iniziarono a ripetersi costantemente nei testi e nei messaggi dei terroristi. Poiché la legittimità dell’Isis tra i suoi seguaci si basa sulla rivendicazione delle dottrine islamiche, contestualizzare il Ramadan a momento di lotta divina contro i nemici di Dio aveva pienamente senso.

Cosa accadrà entro le prossime settimane

La fase preparatoria

Secoindo calendario lunare, il Ramadan inizierà il prossimo 16 maggio e si concluderà il 15 giugno con l’inizio delle celebrazioni per l’Eid al-Fitr, una delle feste più importanti della religione islamica che sancisce proprio la fine del digiuno. I primi appelli delle sigle pro-Is per compiere attentati durante il prossimo Ramadan sono stati pubblicati nelle ultime 48 ore. Tali messaggi delle sigle pro-is dovrebbero aumentare di intensità nelle prossime settimane in quella che potremmo definire come fase preparatoria. I terroristi utilizzano una guerriglia mediatica sfruttando diverse piattaforme social e coltivando una rete globali di simpatizzanti per amplificare i messaggi ufficiali e pubblicare i propri contenuti filo-islamici. Dopo la caduta di Raqqa, i Media Operative sparsi per il globo hanno intensificato la produzioni dei messaggi per sopperire alla ridotta produzione mediatica ufficiale. La macchina mediatica dell’Isis è stata progettata per garantire una persistenza temporale anche dopo la fine del ramo principale. L'identità del gruppo è fondamentale per la formazione, l'assunzione e il funzionamento delle organizzazioni terroristiche. Le narrazioni strategiche impiegate dalle organizzazioni terroristiche seguono una precisa struttura progettata per mostrarsi idealizzata e non contraddittoria. Obiettivo della propaganda è il rafforzamento dell'identificazione negativa di coloro che non sono conformi agli ideali del gruppo.

Gli attacchi durante la Notte del Destino

Un modello stagionale di violenza

E' il messaggio dell'Isis ad avere l'autorità necessaria per innescare attacchi pianificati e su larga scala. I messaggi pro-is (comunque rivendicati) si rivolgono ai "soldati", coloro che sono stato ispirati senza aver mai avuto un contatto diretto con il nucleo centrale dell'organizzazione.

Così come avvenuto in precedenza il messaggio ufficiale dello Stato islamico è atteso a ridosso degli ultimi dieci giorni del Ramadan, prima della Notte del Destino. Non a caso, gli attentati avvenuti a Medina, Dacca e Baghdad nel 2016 si verificarono negli ultimi dieci giorni del Ramadan. Secondo le Sacre Scritture nella Notte del Destino o Laylat al-Qadr, il Profeta Maometto ricevette per la prima volta il messaggio divino nella sua interezza. E' chiamata così perché in essa Allah decreta il destino della creazione per l’anno a venire. In realtà si ignora quale giorno fosse, ma è solitamene indicata come una delle notti dispari dell’ultima decade del Ramadan. Lo scorso anno il portavoce dello Stato islamico Abu al-Hassan al-Muhajir (che non possiede la preparazione ed il carisma del suo predecessore) rilasciò su Telegram una messaggio audio di incitamento per compiere attentati durante “il mese sacro della jihad” in Europa, Russia, Stati Uniti, Australia ed Iran (l’Isis ritiene i musulmani sciiti come apostati). Il messaggio è stato diffuso il 12 giugno scorso, a dodici giorni dalla fine del Ramadan. Secondo le tradizioni islamiche, nella Notte del Destino i peccati saranno perdonati. Nella reinterpretazione della teologia islamica ad opera dell’Isis, l'omicidio negli ultimi dieci giorni del Ramadan è considerato un atto devozionale. I seguaci dell’Isis credono di osservare l'Islam nella sua forma più efficace.

Come i terroristi hanno trasformato il Ramadan in un mese di guerra

Il Profeta Maometto ottenne la prima vittoria musulmana della storia in quella che è nota come la Battaglia di Badr, durante il Ramadan del 624. Contro ogni probabilità, quella vittoria assicurò la sopravvivenza della neonata comunità di credenti. Durante il Ramadan del 630, Maometto conquistò anche la Mecca. I jihadisti sfruttano tali riferimenti storici manipolandoli per fini politici. Abdullah Azzam, il padre della jihad moderna, nei suoi testi affermava che "trascurare la jihad è come abbandonare il digiuno e pregare. Solo con la jihad il musulmano può raggiungere il più alto dei ranghi. Il credente vede la vita terrena come una prigione ed ambisce a raggiungere Allah".

L’eliminazione fisica delle figure principali del movimento non interrompe la profondità strategica digitale. La sfera di influenza della strategia del terrorismo è nel campo psicologico. Qualsiasi tipo di vittoria non si basa sulla conquista fisica del territorio, ma sulla volontà di piegare la forza di volontà ed il desiderio di combattere del nemico. La visione del mondo salafita jihadista è sia transnazionale che transgenerazionale: l'ideologia non può essere sconfitta militarmente

Commenti

VittorioMar

Lun, 30/04/2018 - 12:17

..SE LA "NATO" CONTINUA A BOMBARDARE LA SIRIA (CON LA TURCHIA...GB..FRANCIA) CON IL SILENZIO COMPLICE DI TUTTI I PAESI ADERENTI ALLA NATO ,SE CI SONO DELLE RITORSIONI POSSIAMO DIRE : CE LO SIAMO ANDATI A CERCARE E PROVOCATO ??..AVETE AVVERTITO ,IL QUASI PREMIO NOBEL, MOGHERINI CHE LA NATO E' IN GUERRA ??..E LA UE ?...CHI MUORE E' UN SIRIANO NON ASSAD ..!!

steacanessa

Lun, 30/04/2018 - 12:18

Islam di pace. Quanti belinoni ignoranti credono che ciò sia possibile! Maometto si è servito della religione da lui inventata per avere un esercito forte per asservire chi non la pensava come lui. Dopo il messaggio di pace, di uguaglianza, di tolleranza di Gesù è stato un ritorno alla barbarie.

CidCampeador

Lun, 30/04/2018 - 12:34

CVD chiara e netta dimostrazione dell'incompatibilita' dell'islam con il vivere civile

Vostradamus

Lun, 30/04/2018 - 13:38

Si chiama ammoooore. È la religione dell'ammoooore, che vi vuole sgozzati. Ma voi non fateci caso, e rinunciate alle vostre pensioni per mantenerli in albergo, mi raccomando. Non vorrete, per caso, che vi diano del razzista, vero? Se non vi garba di farvi sgozzare dai trogloditi, siete razzisti.