"Impossibile formare gli imam". Ecco lo studio che smonta l'islam moderato

Rapporto choc sugli imam che predicano in Francia: "Sfuggono a qualsiasi controllo e rifiutano i corsi di deradicalizzazione". Ma Hollande sogna ancora un islam moderato

Alla fine anche la gauche francese dovrà arrendersi all'evidenza. "È impossibile formare gli imam", hanno convenuto l'islamologo Rachid Benzine e i docenti universitari Catherine Mayeur-Jaouen e Mathilde Philip-Gay in un rapporto consegnato nelle mani dei ministri dell'Interno e dell'Educazione francesi, Bruno Le Roux e Najat Vallaud-Belkacem. Viene così a cadere il sogno di François Hollande di plasmare un islam di Stato deradicalizzando gli aspetti più estremi degli insegnamenti di Maometto.

Il rapporto, di cui Le Figaro riporta i contenuti e che in Italia è stato tradotto da Tempi, getta inquietanti ombre sulle guide spirituali dell'islam. Secondo il team di studiosi che hanno scritto le 72 pagine di analisi, infatti, il risultato è tutt'altro che incoraggiante. Per prima cosa, appare chiaro che gli oltre 1.800 imam che predicano in Francia "sfuggono a qualsiasi controllo" e, soprattutto, criticano apertamente la formazione universitaria in islamologia che, nelle intenzioni del governo francese, dovrebbe avere l'obiettivo di deradicalizzare gli imam più estremi. E ancora: gli imam che partecipano ai corsi di formazione contestano anche la "lettura universitaria del Corano".

A fronte di tutte queste resistenze, al termine del rapporto consegnato al governo Hollande, gli studiosi sconsigliano la formazione degli imam aprendo "una facoltà di teologia islamica pubblica" o consegnando "diplomi nazionali". "Non fa parte della vocazione dello Stato controllare gli istituti di formazione teologica", argomentano gli autori del report proponendo piuttosto di favorire il conseguimento del diploma universitario su "fatto religioso e laicità". Tuttavia, come fa notare Tempi, non conoscendo bene il francese, gli imam non se ne tengono alla larga. Tanto che gli studiosi si chiedono se, prima di investire sulla formazione religiosa, al governo Hollande non convenga "insegnare il francese" ai musulmani.

Nel rapporto sugli imam che predicano in Francia viene analizzato, infine, un aspetto che non può essere sottovalutato. Al governo viene consigliato, in più di un'occasione, di chiedere ai "responsabili del culto musulmano di determinare un contenuto comune degli insegnamenti religiosi per creare una certificazione interna al mondo musulmano". Una richiesta destinata a cadere nel vuoto visto che nell'islam non esiste una figura religiosa che possa parlare a tutti i fedeli musulmani.

Commenti

orso bruno

Dom, 19/03/2017 - 14:37

Islam moderato: il sogno dei buonisti imbecilli.

Ritratto di Valance

Valance

Dom, 19/03/2017 - 14:38

E ci voleva uno studio? Non sarebbe forse opportuno introdurre un test d’intelligenza obbligatorio e serio per tutti i membri del governo come pure per i dirigenti degli enti statali? In Francia, come in Italia, avrebbe l’effetto di una salutare bomba al napalm.

orso bruno

Dom, 19/03/2017 - 14:39

Islam moderato. il sogno dei buonisti imbecilli.

Ritratto di Legio_X_Gemina_Aquilifer

Legio_X_Gemina_...

Dom, 19/03/2017 - 15:11

I Nazisti hanno indicato la strada: è quella che bisogna seguire con l'islam, che sia radicale o no, perché, diversamente, saremo noi Occidentali a diventare gli Ebrei di allora.

Algenor

Dom, 19/03/2017 - 15:18

L'Islam moderato é come il Progressismo razionale: un utopia.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Dom, 19/03/2017 - 15:28

IL PROBLEMA É UN PAPA CHE INVITA A PORGERE L´ALTRA GUANCIA, un papa che é la espressione del cristianesimo piú vile che si prostra davanti alla ottusitá ignorante e prepotente ... Una "cultura" che corrompe il vero messaggio di dignitá del cristianesimo (Cristo mai fu un vigliacco come questo papa). Una "cultura" arrogante dalla parte dei prepotenti che é solo propedeutica alla distruzione dei veri valori nobili di una autentica civiltá.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 19/03/2017 - 15:57

L'hanno capito solo adesso che sfuggono a qualsiasi controllo? Provate a chiedervi il perchè? Non ci arrivate?

venco

Dom, 19/03/2017 - 16:04

Gli imam che vengono in Europa sono preparati e pagati dai sauditi, guarda caso i sauditi sono anche grandi finanziatori della massoneria e dei governi americani che han fatto guerre dal 2001.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 19/03/2017 - 16:15

Qualcuno, in Germania, anni fa, aveva avuto una preveggenza sovrannaturale...

Ritratto di ..repubb£iQetta..

..repubb£iQetta..

Dom, 19/03/2017 - 16:33

l'islam moderato è come il politicante onesto, una leggenda metropolitana

rocchetti

Dom, 19/03/2017 - 16:34

L'islam è chiaramente incompatibile con tutte le costituzioni degli stati europei e quindi dovrebbe essere PROIBITO, e poi NON è una religione ma una SETTA, il cui culto dovrebbe essere severamente vietato a causa della predicazione di guerra e morte che propone.

Ritratto di abj14

abj14

Dom, 19/03/2017 - 16:41

Tareq Oubrou, Rettore della moschea di Bordeaux dixit : "Il Corano si legge integrandolo nel contesto storico specifico durante il quale è stato scritto, cioè l'impero arabo (622 – 1258). Liturgicamente parlando, il Corano si legge dunque in arabo. Tradurre il Corano in francese sarebbe interpretarlo. ORBENE, L'INTERPRETAZIONE DEL CORANO NON È CORANO. Per contro, nulla impedisce di pensare il testo in francese, in particolare, nella preghiera (n.d.r. bontà sua)" - - - Vabbuò.

lilli58

Dom, 19/03/2017 - 19:10

evviva ... hanno scoperto l'acqua calda!

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Lun, 20/03/2017 - 11:37

abj14: perché il Tanak (Pentateuco) nelle Sinagoghe in Francia si legge in ebraico o in francese?

Ritratto di abj14

abj14

Lun, 20/03/2017 - 14:20

Omar El Etc Etc 11:37 – Non lo so e non mi interessa; potrebbe invece interessarmi se un ebreo mi dicesse che traducendo un loro testo in francese vorrebbe dire interpretarlo e che quel testo, se interpretato, non è più valido.