Difesa missilistica completata: ​Israele svela la "Fionda di David"

Gli Stati Uniti hanno sviluppato o finanziato congiuntamente tutti e tre i livelli di difesa missilistica di Israele. Il problema della strategia di logoramento Enormous overkill.

Il David Sling Weapon System, sviluppato congiuntamente da USA ed Israele, è operativo. La capacità operativa del sistema di difesa missilistica è stata annunciata ieri, durante una solenne cerimonia presieduta dal primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ed alla presenza dei rappresentanti del direttore della Missile Defense Agency statunitense, il vice ammiraglio James D. Syring.

“Chi cercherà di minacciare la nostra esistenza sarà colpito. Deteniamo la migliore tecnologia del settore e continueremo ad essere pionieri in questo campo. In un momento di ristrettezza economica, il governo ed il popolo di Israele sono grati per il supporto continuo da parte degli Stati Uniti”.

Il David Sling Weapon System è stato sviluppato congiuntamente dalla israeliana Rafael e dal suo partner statunitense Raytheon. Il David’s Sling è il più moderno sistema integrato di difesa entrato in servizio. L’ultima versione è ritenuta in grado di intercettare anche i missili da crociera ed i droni. Gli Stati Uniti hanno sviluppato o finanziato congiuntamente tutti e tre i livelli di difesa missilistica di Israele: Iron Dome (corto raggio), David's Sling (medio raggio) ed Arrow (lungo raggio).

Israele: la negazione dello spazio aereo

L’architettura Iron Dome e David's Sling, precedentemente nota come Short-Range Ballistic Missile Defense, utilizza lo stesso radar sviluppato da Elta Systems. La differenza sostanziale tra i due sistemi è la testata del missile. A differenza della testata esplosiva del Tamir dell’Iron Dome, il David's Sling è armato con il missile a due stadi Stunner della famiglia hit-to-kill, progettato cioè per distruggere le minacce con l’energia cinetica da impatto. L’Iron Dome ha un raggio d’azione tra i 4 ed i 75 chilometri. Il David's Sling può ingaggiare bersagli in entrata da un minimo di 40 ad un massimo di 300 chilometri.

L’Arrow Weapon System è progettato per rilevare, identificare, rintracciare, discriminare ed eliminare un obiettivo che viaggia rapidamente attraverso lo spazio. Il 19 gennaio scorso, l'aviazione israeliana ha dichiarato la capacità operativa iniziale del nuovo sistema di intercettazione Arrow-3.

Volando quasi il doppio dell’Arrow-2, la versione 3 del sistema, pesante la metà del precedente vettore, è progettata per identificare i missili balistici iraniani. Rispetto al precedente sistema, l’Arrow-3 aumenta di quattro volte la capacità di distruggere le minacce avanzate. Può essere lanciato in anticipo dopo il rilevamento delle minacce ed impegnare obiettivi ad altitudini maggiori al di fuori dell'atmosfera terrestre rispetto ai sistemi precedenti.

Lo scorso settembre, Stati Uniti ed Israele hanno siglato un nuovo programma di assistenza militare pari a 38 miliardi di dollari nei prossimi dieci anni. L’attuale memorandum, fissato a 3,1 miliardi di dollari l'anno, scadrà nel 2018. È il più grande accordo di assistenza militare estero mai siglato nella storia degli Stati Uniti. A partire dall’esercizio di bilancio 2019, gli Stati Uniti garantiranno finanziamenti per 3,8 miliardi di dollari l’anno. Il nuovo Memorandum Of Understanding, scadrà nel 2028. Israele chiedeva aiuti militari con budget ritoccato a 4,5 miliardi di dollari l’anno. I 38 miliardi di dollari saranno cosi divisi: 33 miliardi in forniture militari ed i restanti cinque per la difesa missilistica. Fino ad oggi, l’intero asset missilistico di difesa di Israele veniva finanziato separatamente dal Congresso su base annua per oltre 600 milioni di dollari. Nel nuovo programma di assistenza militare, Israele sarà obbligata a reinvestire le somme ottenute nell’industria americana. Cancellata, quindi, la possibilità, ancora in vigore, di investire parte delle somme ottenute dagli Usa nelle industrie israeliane. Il programma di assistenza militare non può essere rinegoziato.

Enormous overkill

Israele, probabilmente, è l’unico paese protetto interamente da un sistema di difesa ABM, Anti-ballistic Missile System, in grado di discriminare una minaccia. E’ certamente uno dei più costosi al mondo. Gli intercettori della rete di difesa di Israele, lanciati sempre in coppia per evitare malfunzionamenti, hanno dimostrato la loro efficacia, ma tali caratteristiche hanno un prezzo esorbitante, se paragonato alle minacce come i razzi Qassam. Il divario economico si fa ancora più evidente qualora un intercettore del costo di milioni di dollari, venisse lanciato contro un drone. Episodio già avvenuto e confermato dal Pentagono. Quella che inizia ad essere definita Enormous overkill, è una strategia di logoramento che prevede l'adattamento della tecnologia civile a buon mercato e facilmente reperibile da scagliare contro i costosi sistemi di fascia alta progettati per la guerra convenzionale tra stati. Se venisse applicata su larga scala, la strategia Enormous overkill potrebbe portare un paese sull’orlo del dissesto finanziario.

Commenti
Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Lun, 03/04/2017 - 13:50

all'origine di tale tecnologia vi e' il famoso sistema Spada e Dardo del quale la Marina Militare Italiana fu dotata fin dagli anni ottanta. Ovviamente sistema di difesa e contrattacco italiano.

pierodeola

Lun, 03/04/2017 - 14:12

Chissà come potranno difendersi da mssili russi alla velocità di 22 volte la velocità della luce.

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Lun, 03/04/2017 - 15:18

pierodeola: 22 volte la velocitá della luce??? ma dove le leggi queste notizie: su topolino ??? Va a scuola e studia. La velocitá della luce non puó essere superata. Non lo dico io, lo dice Einstein sulla Teoria della Relativitá.

nunavut

Lun, 03/04/2017 - 15:20

@ pierodeola 14:12 Missili russi che viaggiano a 22 volte la velocità della luce ??? dove li hanno acquistati ?

Citefer

Lun, 03/04/2017 - 16:43

MA RIDATE LA TERRA AI PALESTINESI PIUTTOSTO E VEDRETE CHE CERTE COSE NON SERVIRANNO.............

Giorgio Rubiu

Lun, 03/04/2017 - 17:12

# pierodeola - Forse voleva dire "22 la velocità del suono" e, in questo caso, sono perfettamente intercettabili. La velocità della luce non solo non è mai stata superata ma credo che non si nemmeno mai stata raggiunta se non dalla luce stessa. Filorusso va bene, però...

cir

Lun, 03/04/2017 - 17:56

citifer , quelle bestie piuttosto fanno la terza guerra mondiale !!

cir

Lun, 03/04/2017 - 17:56

citefer , quelle bestie piuttosto fanno la terza guerra mondiale !!