Israele si prepara a una Pasqua di terrore

Stasera al via la ricorrenza, con un rischio attentati (come sempre) altissimo

Gerusalemme - È Pasqua di terrore. Ieri l'orribile fantasma si è presentato di nuovo, stavolta ai confini, in Egitto, Netanyahu ha subito condannato la strage di cristiani copti, e promesso, come già avviene, un'alleanza contro il terrore. Gli attacchi sono avvenuti proprio negli ultimi momenti delle preparazioni per la serata dell'apertura della Pasqua ebraica che comincia stasera e che per una settimana intera ricorda, cancellando il cibo normale dalla mensa, la fuga degli ebrei dall'Egitto. Stavolta sono stati gli egiziani a pagare il prezzo dell'odio islamista: dal Sinai è stato facile per l'Isis passare alle città dove il boccone dei civili è più tenero e più facile, specie quando si tratta di cristiani copti. I copti sono forse i più antichi cristiani del mondo e tale è diventata l'abitudine a vederli perseguitati e massacrati (come nel dicembre, quando donne e bambini furono fatti a pezzi in una chiesa del Cairo).
L'odio terrorista per i copti non fa notizia, c'è un'abitudine collaborazionista, come per l'omicidio sistematico di mezzo milione di sunniti da parte di Assad e, naturalmente, per il terrorismo in Israele. Un esempio: durante le ore in cui tutto il mondo insorgeva per l'attacco che a Stoccolma ha fatto 4 morti, nell'West Bank un'auto guidata da un terrorista palestinese si è lanciata su due giovani soldati: Elchai Teharlev, 20 anni, che stava portando il caffè ai suoi compagni, è stato ucciso, e un altro ragazzo è stato ferito. Sabato scorso un ufficiale di polizia e due civili sono stati attaccati con un coltello a Gerusalemme. In queste ore si avverte la popolazione, laconicamente, che i giorni di Pasqua sono una leccornia speciale, sia gli ebrei sia i cristiani sono in pericolo, le forze dell'ordine sono mobilitate, l'ingresso dall'Autonomia Palestinese bloccata.
Si è avuto sentore sui giornali italiani degli attacchi a Gerusalemme? Niente affatto: Israele, in questa Pasqua di libertà per l'ennesima volta si trova solo. In questo Paese che è il numero 11 nell'elenco dell'Onu che studia la soddisfazione di popoli (gli americani sono il numero 14) si combatte, dalla nascita, un'immane lotta di sopravvivenza dal terrorismo e la gioia per l'incredibile avventura della costruzione dello Stato ebraico, che fa di questo Paese l'episodio più felice della vita del popolo ebraico da quando, nel 70 dopo Cristo con la distruzione di Gerusalemme, iniziarono la diaspora e le persecuzioni in tutto il mondo. È un'avventura miracolosa: in Israele un incredibile 44,4% della popolazione è stato vittima o ha parenti e amici vittime di attacchi terroristici nei primi 19 mesi della seconda Intifada. Ma se nel 2002, nel mezzo di quella fase, il 92% disse di aver paura per sé o per la propria famiglia, il 76,6% disse che «comunque sapremmo cosa fare» e il 78,2 che «ci sarà sempre qualcuno intorno pronto ad aiutarmi in caso di difficoltà».
È vero: il senso di solidarietà e la quieta percezione del terrorismo non come di un episodio casuale e episodico ma qualcosa a cui essere sempre fisicamente e moralmente preparati, è un risultato di settant'anni di assedio terrorista e un esempio per tutti Paesi che cominciano purtroppo a sorseggiare questo amaro calice. I confini di Israele sono nel corso di questa Pasqua ancora più elettrici del solito, i terroristi sul confine egiziano, fra cui Hamas, hanno visto avanzare una stagione molto pericolosa quando Trump ha stretto la mano a al Sisi e a Adbullah di Giordania, e hanno subito risposto. Assad dopo l'attacco ai suoi Sukoy ha ora un atteggiamento imprevedibile, non a caso in queste ore i confini del Golan sono stati rafforzati, e certamente gli Hezbollah sono agitati. Nelle loro mani i 100mila missili puntati su Israele, mentre al sud Hamas tiene la popolazione civile sotto tiro. Eppure questa generazione è la più fortunata della storia ebraica, e tale si sente: intorno al tavolo si festeggia il fatto di essere capace per la prima volta nella storia di combattere, di attuare sui nemici una straordinaria deterrenza per quanto l'odio islamico sia potentissimo e i palestinesi seguitino a educare la loro gente alla distruzione degli ebrei. «Ma cosa c'è di diverso?» chiede ogni anno il bambino che canta la canzone con cui si apre il seder. Molto è cambiato, molto davvero nella storia degli ebrei.

Commenti

Keplero17

Lun, 10/04/2017 - 09:27

Non me ne può interessare di meno.

8

Lun, 10/04/2017 - 09:39

La Pasqua deve ancora iniziare, ma come in una sorta di profezia autoavverante già parlano di "Pasqua di terrore". Incorreggibili, sono arrivati a predisperarsi pur di raccogliere commiserazione quali vittime eventuali di una attacco terroristico virtuale. La celebrazione di una Festa dovrebbe esprimere gioia di vita.

Ritratto di OdioITedeschi

OdioITedeschi

Lun, 10/04/2017 - 10:03

Attentati che si fanno da soli (incolpando gli altri) per ricevere la solidarietà del resto del mondo, come d'altronde hanno sempre fatto!

paviglianitum

Lun, 10/04/2017 - 10:17

I COMMENTI DEI VERMI NAZISTI SOPRA SONO INQUALIFICABILI

gls

Lun, 10/04/2017 - 10:28

keplero17, 8, OdiolTedeschi: commenti insulsi. ho vissuto da cristiano 4 anni in Israele, e se potessi vi tornerei immediatamente. buona Pasqua

Cheyenne

Lun, 10/04/2017 - 10:35

FORZA ISRAELE !

Keplero17

Lun, 10/04/2017 - 10:56

Cara giornalista il tuo odio per gli hezbollah è motivato solo dal fatto che nel 2006 hanno sconfitto l'esercito israeliano durante l'invasione del Libano. Se non fosse stato per loro adesso l'isis dilagherebbe in tutta la Siria ed il Libano dando forza al radicalismo dei tagliagole che seminano morte per tutta l'Europa. Sai com'è io vivo qui in occidente.

cir

Lun, 10/04/2017 - 11:00

keplero, odio i tedeschi , 8 , pieno appoggio al vostro pensiero .

cir

Lun, 10/04/2017 - 11:24

ed il gran rabbino disse : il Talmud recita : ‘dalla nascita l’israelita deve cercare di svellere gli sterpi dalla vigna, cioè sradicare ed estirpare i cristiani dalla terra poiché non può essere data a Dio Benedetto maggior letizia che quella di adoprarci a sterminare gli empi ed i cristiani da questo mondo.’ (dalla copertina del volume di H.De Vries De Heekelingen – ‘Il Talmud e i non Ebrei’ – Edizioni ‘All’Insegna del Veltro’ , Parma 1991).