L’America fa marcia indietro: "Blackwater e Abu Ghraib, così abbiamo fomentato l’Isis"

La stampa americana prende le distanze dalla politica estera della Casa Bianca degli ultimi anni e accusa: "Con i crimini di guerra si è fomentato l'estremismo"

Viene dalla Cnn, il più importante network americano, una dura critica alla politica estera seguita dalla Casa Bianca negli ultimi anni. Molti osservatori internazionali hanno notato come l'Isis si richiami direttamente ai crimini, veri o presunti, perpetrati dagli eserciti occidentali ai danni della popolazione irachena o mediorientale.

Di più: Loretta Napoleoni, nel suo Isis, lo Stato del terrore, scrive: "Lo Stato islamico (...) ha analizzato la macchina della propaganda che le amministrazioni statunitense e britannica hanno utilizzato per giustificare l'attacco preventivo in Iraq nel 2003". In sostanza, l'Isis guarda ai modelli occidentali e sfrutta i nostri eccessi per creare consenso tra i musulmani più integralisti.

È notizia di questi giorni che i 4 uomini della Blackwater, che uccisero 14 iracheni e ne ferirono 17 il 16 settembre del 2007, sono stati condannati chi a 30 anni e chi all'ergastolo. Quel giorno, i contractors erano impegnati nella scorta di un diplomatico americano. Si sentirono sotto tiro e cominciarono a far fuoco con armi automatiche e lanciagranate. Erano in piazza Nisur. Nel centro di Baghdad. Fu un massacro.

I contractors si sono difesi dicendo che, poco più avanti, ci sarebbe stata un'imboscata. Verità o menzogna? Non si sa. Quel che è certo è che i fatti di piazza Nisur sono ancora nel cuore di molti iracheni e alimentano l'odio antiamericano.

A questa vicenda si aggiunge anche il caso della prigione di Abu Ghraib: prima luogo della violenza di Saddam e poi degli eccessi di guerra americani.

Il nocciolo della questione è: l'Isis è certamente il volto più tristemente lucido dell'islam radicale, ma è anche il frutto di scelte di politica estere sbagliate. Come scrive la Cnn: "Il buon governo è l'antidoto più efficace al settarismo".

Commenti

AndreaT50

Gio, 16/04/2015 - 09:59

Ci sono arrivati finalmente! E adesso?

carpa1

Gio, 16/04/2015 - 10:03

Obama, non dire caxxxte! Questi pseudo islamici sono solo dei bastardi indipendentemente da Blackwater e Abu Ghraib, ed usano la loro religione a proprio uso e consumo ingannando i loro stessi correligionari.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Gio, 16/04/2015 - 10:58

Tranquilli, fra poco diranno che le scie chimiche sono vere e che l'area 51 è proprio una base UFO. Tutto pur di giustificare il pensiero sinistroide e deresponsabilizzare l'Islam.

Massimo25

Gio, 16/04/2015 - 11:03

Arrivano un pò in rtardo come al solito gli americani.Come bambinoni creduloni che credono sempre a fata Morgana anche se nera....sono 60 anni che ne fanno di tutti i colori..

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Gio, 16/04/2015 - 11:48

Sembrerà una cosa strana se dico di preferire Putin all'abbronzato???? Premetto che non sono un kompagno.

Ritratto di SAXO

SAXO

Gio, 16/04/2015 - 12:53

il terrorismo di qualsiasi matrice,sia islamica che non, di nuova e vecchia generazione creato ad hoc dalla farisocrazia oligarca internazionale serve per nascondersi dietro le malefatte di governo dei paesi occidentali e non ,creare caos per destabilizzare i sistemi di regime eletti popolarmente,dietro la confusione si nascondono i progetti di espansione geopolitica,razzie economiche ,finanziarie,monopoli controllati ,dittature falsamente democratiche per imporre dominio economico e ideologico.Chi e contro viene additato come nemico del modello del nuovo ordine mondiale

ES

Gio, 16/04/2015 - 13:05

Ancora diamo retta a quanto dicono gli USA ceri che il loro presidente sia in controllo di tutto. E' una sceneggiata anche questa come da noi qualche recente teatrino fomentato da Strasburgo. Gli americani, poi, sono come dei bambini. Animati da una logica binaria che impedisce loro di comprendere e accettare talvolta i "grigi", si accorgono sempre di aver sbagliato molto dopo. Ma, sono certo, l'ISIS non ha niente a che fare con gli episodi rimarcati. Che obama pensi invece alle cavolate fatte o avallate per le cosiddette "primavere arabe". ci mancherebbe pure di addosare un casino geopolitico a quattro miXXXoni contractors che siano o guardiani di una prigione. Cose da pazzi!