L'attentatore di Parigi è Youssef il Belga o Karim Cheurfi?

Per alcuni media il killer è Youssef el Osri, originario del Belgio. E anche nella rivendicazione dell'Isis si parla di lui. Ma la polizia perquisisce la casa di Karim Cheurfi

L'uomo che questa sera ha sparato a una vettura della polizia sugli Champs Elysées, nel cuore di Parigi, potrebbe essere Youssef el Osri.

Lo dicono i media belga, secondo cui i servizi del Belgio avevano avvisato quelli francesi proprio dell'arrivo dell'uomo nella capitale francese: "Individuo molto pericoloso in viaggio verso la Francia", aveva scritto nel messaggio l'intelligence belga. Nella perquisizione della sua casa ad Anversa, infatti, gli 007 gli avrebbero trovato un biglietto del treno in partenza proprio oggi da Thalys a Parigi. Nell'appartamento sono state trovate anche armi e passamontagna.

Nonostante sia stato ucciso nella sparatoria, non è chiaro se si tratti proprio di lui. L'identità del terrorista di Parigi "è stata stabilita", ma non verrà diffusa "per non compromettere le indagini in corso", ha precisato il procuratore Francois Molins. Molte fonti sostengono che si tratta di un soggetto già attenzionato dai servizi e classificato con la lettera "S", quella che indica i soggetti radicalizzati a rischio terrorismo islamico

. Inoltre l'attacco è stato rivendicato dall'Isis, che ha indicato come aggressore tal Abu Yusuf al-Beljiki, il che confermerebbe che il killer sarebbe originario del Belgio.

Secondo Le Parisien, però, il principale sospettato sarebbe il 39enne Karim Cheurfi, l'uomo a cui è intestata l'auto usata per l'assalto e dell'appartamento perquisito. Nel 2003 era stato condannato a 20 anni di reclusione per aver tentato di uccidere volontariamente tre uomini. Nel 2005 la pena gli era stata ridotta in appello a 15 anni. Tutto era iniziato nel 2001 a Roissy-en-Brie (Seine-et-Marne), quando l'uomo circolava su un'auto rubata armato di pistola: sparò prima a conducente e passeggero di una vettura che aveva tamponato e poi a un poliziotto che lo faceva uscire dal cellulare con cui veniva trasportato.

Quello che è certo al momento è che il suo obiettivo erano proprio gli agenti. E che lo stesso Youssef el Osri diceva su Telegram (sistema di messaggistica simile a WhatsApp) di voler uccidere dei poliziotti.

Commenti
Ritratto di Ausonio

Ausonio

Ven, 21/04/2017 - 01:18

bella risorsa. Anche apprezzabile dal punto di vista estetico. Altro che Botticelli... ora abbiamo questi esteti. Risorse.. frateli

blackindustry

Ven, 21/04/2017 - 05:15

Ben pasciuto, con tutti i diritti umani di sinistra mentalita', ecco il risultato ad allevare serpi in seno. Le serpi vanno schiacciate in testa, le remore le si lasci ai preti che piagnucolano per mestiere, pagati.

Ernestinho

Ven, 21/04/2017 - 08:33

Questo qui girava tranquillamente dopo che aveva già tentato di uccidere! Misteri della politica europea!

Ritratto di settimiosevero

settimiosevero

Ven, 21/04/2017 - 08:49

in risposta alla Vs. domanda: è un bastardo islamico indipendentemente dal nome, fratello mussulmano di quelli che a migliaia sono stati fatti sbarcare sulle nostre coste.

istituto

Ven, 21/04/2017 - 08:49

Youssef NON è il BELGA ma l'ARABO e Karim NON è FRANCESE ma l'ARABO. Tutti i media a dare cittadinanza europea a questi che altro non sono che ARABI, mai Francesi,mai Belgi, mai Italiani, mai Spagnoli,mai Inglesi. Questi non sono neanche europei. Chiamiamoli se con#p la loro vera origine e natura.

cabass

Ven, 21/04/2017 - 09:19

Youssef oppure Karim, e chi ne dubitava... Di sicuro non è né François né Louis.

Ritratto di bobirons

bobirons

Ven, 21/04/2017 - 09:22

Immigrato da molto tempo e legalmente ? Forse addirittura nato in Europa, quindi non terrorista di recente sbarco. Tesi, apparentemente, in favore dell'akkoglienza indiscriminata. Ma qualcuno saprebbe dire cosa accadrà fra una, due o più generazioni di questi esaltati che tanto benevolmente accogliamo, sosteniamo ... e non riusciamo ad integrarli, un po' per nostra incapacità, molto, moltissimo perché la loro cultura non prevede l'integrazione ma solo la promozione del loro credo, sociale, culturale, religioso.

Ritratto di bobirons

bobirons

Ven, 21/04/2017 - 13:02

@ istituto - Mi permetto una correzione: i due in questione, probabilmente dell'area geografica che spazia dalla Libia fino al Marocco, NON SONO arabi. Infatti gli autoctoni di dette zone appartengono ad etnie locali, dai senussi libici ai berberi magrebini. Sono islamici, questo si, forse arabizzati soprattutto a causa del Credo che nel caso specifico produce anche identificazione culturale, ma arabi NO ! Fra l'altro non sono neppure semiti ma un miscuglio fra caucasici, camitici ed ottomani per via delle numerose e diverse colonizzazioni, dai romani, via i Vandali, gli ottomani ed i sud europei.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Ven, 21/04/2017 - 13:52

bobirons: te lo dico io. Se gli occidentali la smettono di portare guerre e distruzione a scopo di rapina nell'areale islamico la cosa andrà a scomparire. Quelle parti del mondo si riassesteranno e tutto rientrerà nella normalità. Ma se un Trump vuole "L'America di nuovo grande", se Putin vuole "La Russia di nuovo grande", se madame Le Pen vuole "La Francia di nuovo grande" e così di seguito le cose andranno molto male. E per tutti, anche per europei e americani!