Litiga con una delle figlie e i cani la sbranano, morta una 44enne inglese

L'attacco ha lasciato sgomenti i vicini di casa della donna, uccisa dai suoi animali domestici che mai avevano dato segni di aggressività. I medici intervenuti per soccorrerla non sono riusciti a salvarle la vita

È morta a causa delle ferite riportate dopo che i suoi animali domestici l'hanno sbranata viva. È accaduto a Elayne Stanley, una donna di 44 anni residente a Widnes, in Gran Bretagna. Secondo quanto riportato da Il Messaggero, i vicini di casa hanno raccontato che i suoi animali, due mastini di nome Billy e Dj, in passato, non avevano mai mostrato segni di aggressività.

Ancora non è stata chiarita la dinamica dell'assalto da parte dei cani, ma Bev Hall, un amico 39enne della donna, che vive vicino a lei, ha raccontato che l'amica era a casa insieme alle sue tre figlie e stava litigando con una di loro. "Stavamo bevendo un tè quando abbiamo sentito la ragazza che correva in strada e urlava che i cani stavano attaccando la madre", ha raccontato l'uomo. Che ha poi aggiunto: "Abbiamo lasciato tutto e ci siamo precipitati nel loro appartamento. La porta del soggiorno era chiusa e non riuscivamo a entrare. Si sentivano i cani ringhiare e graffiare. Abbiamo fatto di tutto per distrarli. Quando è arrivata la polizia, i cani sono stati chiusi fuori, in giardino. I medici hanno tentato di tutto per salvare Elayne, ma non c'è stato nulla da fare".

Secondo quanto raccontato dall'uomo, gli agenti hanno dovuto abbattere uno dei due animali, che si comportava in modo particolarmente aggressivo e tentava di attaccare gli agenti, mentre l'altro è stato sedato. "Non ho mai immaginato che quei cani potessero avere reazioni violente", ha continuato l'amico. Che ha concluso: "I miei bambini hanno persino dormito stesi su di loro usandoli come cuscini, non ci posso credere. L'unica cosa che ho notato è che Elayne aveva iniziato a chiudere le tende perché abbaiavano quando passavano le persone, ma non avevo mai capito che potessero essere così aggressivi".

Un altro vicino ha raccontato di aver sentito la voce di una ragazza chiamare uno dei due cani: "Non so cosa abbia provocato l'aggressione. Ho sentito gente dire che c'era una discussione tra la donna e la figlia e che questo potrebbe averli innervositi". L'ispettora Ian Whiley, che si sta occupando del caso, ha dichiarato: "Comprendiamo che le persone della comunità si sentiranno preoccupate quando sapranno cosa è successo, ma vorrei rassicurare i residente che stiamo facendo tutto il possibile per stabilire le circostanze dell'incidente. I nostri pensieri vanno alla famiglia della vittima".

Commenti
Ritratto di Nahum

Nahum

Sab, 28/09/2019 - 19:24

Io nesso di causalità tra i due eventi mi sfugge