Da Londra schiaffo a Bruxelles: "Lasciamo la Convenzione dei diritti umani"

Dopo i proclami anti Brexit di Obama, gli euroscettici rilanciano la campagna per l'uscita dall'Ue. E il ministro dell'Interno assesta un duro colpo alla Ue

La Gran Bretagna deve restare nell'Unione europea. Ma, comunque vada il referendum del 23 giugno, dovrebbe "lasciare la Convenzione europea dei diritti umani" per tutelare la propria sicurezza nazionale in materia di immigrazione. Parola di Theresa May, ministro dell'Interno e fedelissima del premier David Cameron. Affermazioni che stridono con quelle del presidente Stati Uniti Barack Obama che oggi stesso ha richiamato ancora una volta il tema dell'accoglienza agli immigrati a margine di un vertice con i leader di Germania, Italia, Francia e Regno Unito.

Dopo i proclami anti Brexit di Barack Obama a Londra gli euroscettici britannici rilanciano la campagna per l'uscita dall'Ue e puntano, ancora, sull'emergenza immigrazione. A farsene portavoce è oggi il ministro della Giustizia, Michael Gove, sostenitore del divorzio da Bruxelles in dissenso da Cameron che paventa una invasione di stranieri se il regno non lascerà il Club dei 28. Gove evoca sul Times una politica di "immigrazione libera per tutti" in seno all'Unione europea facendo balenare l'incubo che gli immigrati possano arrecare "un danno diretto e grave" agli equilibri del sistema sanitario britannico (Nhs). "Restando nell'Europa comunitaria - argomenta il ministro - la Gran Bretagna non potrà controllare i confini neppure di fronte all'ondata d'ingressi che deriveranno dalla possibile adesione di Paesi quali la Macedonia, il Montenegro, la Serbia, l'Albania e magari la Turchia".

Di altro parere la collega titolare dell'Interno, pure considerata un "falco" sul dossier immigrazione, ma convinta che la permanenza nell'Ue possa dare al Regno Unito più "influenza" sulla questione. Il problema, a suo dire, è a Convenzione europea dei diritti umani. La presa di posizione della May è durissima, ma tutt'altro che campata per aria. Alla Convenzione il ministro dell'Interno rinfaccia, per esempio, di aver ritardato per anni l'estradizione del predicatore qaedista Abu Hamza. "Per questo - sentenzia la May - se vogliamo riformare le leggi sui diritti umani in questo Paese non è l'Ue che dobbiamo lasciare, ma la Convenzione europea e la giurisdizione della sua Corte". Dura la replica del ministro ombra laburista alla Giustizia, lord Charles Falconer, che ha definito queste intenzioni "spaventose" e ha accusato la May di essere "ignorante e illiberale". È pronta a sacrificare, ha commentato, decenni di reputazione della Gran Bretagna in difesa dei diritti dell'uomo a "un miserabile calcolo" di politica interna e all'ambizione di succedere a Cameron come leader del Partito Conservatore.

Commenti

Iacobellig

Lun, 25/04/2016 - 19:08

FA BENE. SICUREZZA CUI DOVREBBERO PENSARE ANCHEVTUTTI GLI ALTRI PAESI, ITALIA COMPRESA. QUI NON SI TRATTA DI MIGRAZIONE MA DI INVASIONE DI MASSA!!!

Ritratto di Giano

Anonimo (non verificato)

Carlo36

Lun, 25/04/2016 - 19:55

Solo i traditori del proprio paese, della propria cultura e della propria civiltà vogliono restare in una Europa che ha tradito i propri popoli. Non era questa L'Europa promessa da Adenauer, Schumann e De Gasperi.

Ritratto di RindoGo

RindoGo

Lun, 25/04/2016 - 20:28

In Italia solo dire una cosa del genere porterebbe ad essere messi alla berlina o al cospetto della Santa Inquisizione. Menomale che la strada la sta aprendo una Nazione senza passato fascista, come la nostra, che può non più esprimere certi concetti, nemmeno a costo della propria sopravvivenza. Per una volta "Che Dio straBENEdica gli Inglesi".

Aleramo

Lun, 25/04/2016 - 20:35

Dal Risorgimento in poi, e passando per due guerre mondiali, l'Italia ha sempre ottenuto ragione quando ha seguito l'Inghilterra, mai quando ha seguito la Germania.

Ritratto di RindoGo

RindoGo

Lun, 25/04/2016 - 20:45

Errata Corrige. In Italia solo dire una cosa del genere porterebbe ad essere messi alla berlina o al cospetto della Santa Inquisizione. Menomale che la strada la sta aprendo una Nazione senza passato fascista come la nostra, che non può più esprimere certi concetti, nemmeno a costo della propria sopravvivenza. Per una volta "Che Dio straBENEdica gli Inglesi".

Ritratto di a-tifoso

a-tifoso

Lun, 25/04/2016 - 20:53

@carlo36. Ma lei crede davvero alle parole di Adenauer, Schumann e De Gasperi? il piano Kalergi era nato almeno 30 anni prima del Trattato di Roma!!! Pensa lei che se quei 3 avessero detto, "tra 50 anni saremo invasi da mezza Africa e Asia" sarebbe passato tale trattato? Qui, quando ci svegliamo al mattino, quelli che hanno programmato tutto hanno finito la cena, mi creda.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Lun, 25/04/2016 - 21:02

Qualunque cosa vogliano fare gli italiani, potranno farla solo dopo aver RIPRISTINATO il loro DIRITTO a scegliere i loro rappresentanti, non prima di aver PRESO A CALCI le mosche cocchiere attuali, Papa compreso.

Ritratto di Loudness

Loudness

Lun, 25/04/2016 - 21:13

Evvai... si cambia...

unz

Lun, 25/04/2016 - 22:56

il primo fine di ogni politico e magistrato dovrebbe essere quello di mettere al primo, al secondo, e al terzo posto nella sua azione la sicurezza dei propri cittadini/datori di lavoro.

gattogrigio

Lun, 25/04/2016 - 23:25

Forse quello di cui ci si dovrebbe rendere conto è che queste convenzioni (anche quella internazionale sui profughi) sono dell'inizio degli anni 50. Sono state scritte in un mondo molto diverso (direi, cinicamente, più disciplinato nonostante ciò che questa disciplina comportava per molti paesi) e per numeri nettamente inferiori. Ostinarsi a volerle applicare come se nulla fosse cambiato è un non senso il cui unico risultato sarà la loro totale abrogazione di fatto. Purtroppo alle anime belle evidentemente va bene cosi.

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Mar, 26/04/2016 - 06:02

Queste sono veramente persone serie, da sempre sono da ammirare. Mi auguro che al referendum, riescano ad uscire da questa specie di EU, in modo che altri paesi seguano questo esempio.

timoty martin

Mar, 26/04/2016 - 08:23

Hanno ragione. Nemmeno io mi riconosco più in quella Europa nella quale ho creduto e posto tante speranze. L'Italia faccia altrettanto.

Ritratto di giangol

giangol

Mar, 26/04/2016 - 08:53

questo è ancora più chiaccherone e coniglio del nostro abusivo fiorentino

buri

Mar, 26/04/2016 - 10:36

Ma perché Obama non si occupa dei problemi americani invece di immischiarsu sempre negli affari degli altri, ritiene forse di non aver combunato abbastanza guai dal 2011 ad oggi?

Raoul Pontalti

Mar, 26/04/2016 - 12:33

Come confondere la zuppa inglese con la zuppa di pesce...La Convenzione sui diritti umani è alla base del Consiglio d'Europa non della UE, mentre quella sui rifugiati sui rifugiati è una convenzione ONU e Dublino III non è una convenzione ma un Regolamento CE.