Africa, è strage degli albini: li uccidono e vendono i corpi

I resti mortali degli albini verrebbero smerciati nell’Africa subsahariana perché considerati, dagli stregoni animisti, in possesso di “poteri taumaturgici”

Il 13 giugno è la Giornata Internazionale in difesa degli albini, ma è anche un’occasione per denunciare le violazioni dei diritti individuali subiti in diversi angoli del globo dalle persone caratterizzate da tale anomalia della pigmentazione. L’Onu ha così tuonato: “Gli atti discriminatori e violenti contro gli albini si manifestano proprio in quei Paesi in cui la maggioranza della popolazione è di colore”.

Di recente, le Nazioniunite hanno condannato con particolare forza la vera e propria strage di soggetti colpiti da albinismo in corso nell’Africa subsahariana, in particolare in Malawi, Tanzania e Zimbabwe. Gli ultimi rapporti stilati dall’organizzazione internazionale forniscono infatti un quadro raccapricciante del trattamento riservato dalla maggioranza nera di questi Paesi ai connazionali che scontano, nel proprio organismo, l’assenza o il funzionamento difettoso dell’enzima tirosinasi, preposto alla sintesi della melanina. Proprio nel continente nero, la presenza di soggetti affetti da tale anomalia congenita è molto alta, per lo più a causa delle frequenti unioni tra consanguinei praticate in varie fasce della popolazione locale.

Le persone munite di carnagione chiara verrebbero considerate dagli stregoni animisti “soggetti maledetti” e “portatori di disgrazie”, ma, una volta morti, le parti del corpo degli individui emarginati acquisirebbero “poteri taumaturgici”. Ad esempio, i pezzi del corpo delle bambine appartenenti a tale minoranza vengono ritenute dagli stregoni locali ingredienti fondamentali per realizzare “pozioni contro l’Aids”. Di conseguenza, la popolazione nera dell’Africa subsahariana starebbe conducendo una spietata “caccia all’uomo”, finalizzata a smembrare i soggetti che presentano una totale o parziale deficienza di pigmentazione scura nella pelle, nei bulbi oculari o nei capelli.

Sempre l’Onu ha quindi denunciato ultimamente il fatto che la convinzione delle potenzialità benefiche dei resti mortali degli albini avrebbe dato vita a un imponentemacabro commercio. In Malawi, Tanzania e Zimbabwe, pezzi del corpo di queste persone vengono infatti smerciate nei villaggi a un prezzo pari a 500 euro, una cifra già di per sé esorbitante per quelle economie, mentre alla loro pelle viene addirittura attribuito un valore “stellare”: dai 1500 fino ai 7mila euro. In Malawi, in particolare, il culmine del commercio delle membra di persone dal pigmento chiaro si registrerebbe periodicamente, a detta delle Nazioni Unite, in coincidenza con le elezioni politiche. Secondo l’istituzione internazionale, che si rifà alle informazioni fornitele dall’Apam (Associazione malawiana per la difesa delle persone affette da albinismo), ogni volta che si svolgono in tale Paese le votazioni generali, migliaia di individui colpiti dall’anomalia in questione vengono “massacrate al fine di assicurare al Paese benessere e coesione politico-sociale”. Sarebbero gli stessi esponenti dei partiti malawiani a pagare a peso d’oro i resti mortali degli appartenenti alla minoranza dalla carnagione chiara, con l’intento di attirare su di sé la “benevolenza degli spiriti”.

Il rapporto stilato dall’Onu in concomitanza con le celebrazioni per la Giornata Internazionale in difesa degli Albini prosegue rimarcando il fatto che, nell’Africa subsahariana, i genitori di bambini soggetti a carenza di melanina, per proteggere questi ultimi dai raid omicidi promossi dagli stregoni animisti, devono restare costantemente chiusi nelle rispettive abitazioni a vegliare i loro figli. Di conseguenza, le mamme e i papà di persone albine devono rinunciare a uscire di casa e ad andare a lavorare nei campi, pregiudicando così la sopravvivenza economica dell’intero nucleo familiare. Altri genitori, al contrario, pur di assicurarsi un lauto guadagno preferiscono “vendere” i loro piccoli ai cacciatori di albini.

La barbarie in corso nel continente nero contro gli individui che scontano anomalie nella sintesi della melanina verrebbe, denuncia sempre l’organizzazione internazionale, “tollerata dai tribunali locali”. Tale dura affermazione dell’Onu è stata subito rilanciata dal sito Internet Osservatoriodiritti.it, specializzato in inchieste e analisi sul rispetto nel mondo delle liberà fondamentali dell’uomo. Il portale web ha appunto ribadito, in merito alle violenze contro la minoranza non-di colore perpetrate nell’Africa subsahariana: “Fino ad oggi sono stati pochissimi i procedimenti giudiziari, che danno un' impressione di impunità verso i soggetti autori dei crimini ai danni degli albini”.

Coloro che, nel contesto geografico in questione, riescono a sfuggire alle persecuzioni, sono comunque destinati a una morte in giovane età, mancando nel continente nero i preparati adatti a proteggere la pelle degli albini dalle forti radiazioni solari che si registrano a quelle latitudini. La pressoché totale assenza, nei dispensari farmaceutici di Malawi, Tanzania e Zimbabwe, di creme solari ad alta protezione, di conseguenza, condanna gli appartenenti a questa minoranza a morire tra i 30 e i 40 anni di età di cancro alla pelle. A tale proposito, Patrizia Floder Reitter, firma del quotidiano La Verità, ha commentato: “Per le forniture delle creme salva-vita si aspettano donazioni internazionali. Intanto, nel mondo milioni di neri pagano cifre esagerate per sbiancarsi la pelle”.

Dopo avere condannato il trattamento barbaro riservato agli albini dalle società dell’Africa subsahariana, le Nazioni Unite hanno puntato il dito contro i Paesi occidentali e la Cina. Ad avviso dell’istituzione globale, neanche al di fuori del continente nero gli individui affetti da carenza di melanina sarebbero infatti immuni da “forti discriminazioni”. In Europa e in America, costoro sarebbero appunto costantemente “guardati con sospetto, derisi ed emarginati”, mentre nella nazione asiatica molti bambini colpiti da albinismo verrebbero “abbandonati” dai rispettivi familiari.

Commenti
Ritratto di Soloistic69

Soloistic69

Gio, 13/06/2019 - 12:53

Questi sono i cavernicoli che riempiono le nostre strade e che la Boldrina vorrebbe integrare...

19gig50

Gio, 13/06/2019 - 13:14

Dovremmo accettare questo stile di vita ... eh boldrina?

Ezeckiel

Gio, 13/06/2019 - 13:18

1000 e passa anni di missionari e il risultato è questo

Aegnor

Gio, 13/06/2019 - 14:03

Culture superiori che solo le intellighenzie sinistrate possono comprendere, per noi ignoranti non scolarizzati sono efferatezze di subumani

Ritratto di teseiTeseo

teseiTeseo

Gio, 13/06/2019 - 14:18

E continuiamo a importare MedioEvo pensando di far evolvere la società occidentale... Il crepuscolo della ragione.

maricap

Gio, 13/06/2019 - 14:28

L'afrika agli Afrikani, e che se la sbrighino da soli. Troppo facile mettere al mondo milioni di individui, che poi gli altri devono mantenere.

Ritratto di navajo

navajo

Gio, 13/06/2019 - 14:32

Secondo l'ONU In Europa e in America, gli albini sarebbero appunto costantemente “guardati con sospetto, derisi ed emarginati”? Ma questi si sono bevuti quel poco di cervello che hanno, ma che cxxxo dicono?

agosvac

Gio, 13/06/2019 - 15:02

Egregio navajo, dubito fortemente che qualcuno dell'ONU sia dotato di poco cervello: non ce l'hanno del tutto.

dredd

Gio, 13/06/2019 - 15:32

Selvaggi

aswini

Gio, 13/06/2019 - 15:35

mettiamo il cuore inpace, purtroppo questa sarà la nuova cultura imperante, grazie ai dementi che appoggiano queste barbarie

Blueray

Gio, 13/06/2019 - 15:48

Il problema di questi bambini è acuito dalla folle ignoranza e arretratezza della popolazione e dalla mancanza dei diritti umani. Il futuro di questo continente, se mai ne avrà uno, passa attraverso una imponente campagna di denatalizzazione dell'Africa, presupposto ineludibile per migliorare il livello di vita e di cultura degli autoctoni. Se l'Onu continuerà a favorire principalmente le migrazioni farà sia il danno dei Paesi europei che quello degli africani che rimangono, i quali continueranno a moltiplicarsi a dismisura incapaci di autoregolamentarsi.

effecal

Gio, 13/06/2019 - 15:53

Che meravigliosa civiltà

effecal

Gio, 13/06/2019 - 15:55

Questa è una grande civiltà, i sinistri sono infatuati da tutta questa cultura

Ritratto di Galahad12

Galahad12

Gio, 13/06/2019 - 16:47

Dimostrano chiaramente di essere RAZZISTI

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 13/06/2019 - 18:28

L’onu ha così tuonato..più che tuonato scorreggiato....

ziobeppe1951

Gio, 13/06/2019 - 18:42

È da un po’ che non leggo la DEMENTE...una sola terra

Ritratto di mailaico

mailaico

Gio, 13/06/2019 - 22:14

potrebbe anche essere vero. Peccato che non lo facciano coi sentinelli che scrivono sul giornale.