L'Ue invasa dagli immigrati prova a difendere Schengen

Incontro a Bruxelles con Svezia, Danimarca e Germania: "I controlli saranno mantenuto lo stretto necessario". L'Ue prova così a resuscitare Schengen. Ma il trattato è già fallita da tempo

Bruxelles prova a difendere la libera circolazione tenendo in vita il fallimentare trattato di Schengen. Ma l'esperimento è già morto da tempo. Aldilà dei convenevoli sulla necessità di "salvaguardare" Schengen, nella riunione di oggi i ministri di Germania, Svezia e Danimarca hanno convenuto che "le misure eccezionali che devono essere prese", vale a dire i controlli di frontiera reintrodotti a seguito della crisi dei migranti, devono essere "mantenuti lo stretto necessario" per poi tornare alla "normalità". Normalità che difficilmente potrà essere ripristinata se l'Unione europea non riuscirà ad arginare l'invasione di immigrati.

La Commissione europea ha chiesto ai responsabili politici dell'immigrazione di Svezia, Danimarca e Germania che i controlli alle frontiere appena decisi siano temporanei, che si debba tornare alla normalità "il più presto possibile" e che occorre "spirito di cooperazione tra gli Stati". Il risultato del minivertice che si è svolto oggi nella capitale belga tra il commissario all'immigrazione Dimitris Avramopoulos, il ministro svedese all'Immigrazione Morgan Johansson, il ministra danese all'Immigrazione e all'integrazione Inger Stojberg e il segretario di Stato tedesco agli affari interni Ole Schroder è una bieca presa di posizione per tenere in vita un malato terminale: il trattato di Schengen che, a conti fatti, non esiste più. L'appello della Commissione Ue è infatti stato raccolto dai Paesi membri ma senza impegnarsi sulla durata della stretta alle frontiere. "La Danimarca - ha messo in chiaro il ministro danese - non vuole diventare la destinazione finale per migliaia di rifugiati".

La decisione di tenere sotto controllo il ponte di Oresund, che collega Danimarca a Svezia, è l'ultimo anello dell'ormai lunga catena per frenare l'immigrazione da sud e sud-est. L'area della libera circolazione delle persone, un pilastro dell'Unione europea, si sta restringendo. In sei paesi le regole di Schengen sono sospese: Norvegia, Svezia, Danimarca, Francia, Germania e Austria. I controlli servono a frenare i flussi di clandestini o per rafforzare la sicurezza anti-terrorismo. "Con le decisioni unilaterali - ha avvertito Avramopulos - si sta smontando l'intera costruzione europea senza risolvere il problema dell'immigrazione". Per la Germania, però, la decisione danese non crea problemi particolari. Solo l'Italia resta a guardare. Il ministro dell'Interno Angelino Alfano ha respinto l'ipotesi di ristabilire i controlli ai confini con la Slovenia.

Il messaggio della Commissione è che i controlli alle frontiere interne nello spazio Schengen devono durare "solo il tempo strettamente necessario". Il ritorno alla normalità potrà essere assicurato da un controllo maggiore dei confini esterni. E, sebbene la Johannson abbia garantito che i controlli "non dureranno più a lungo dello stretto necessario", la Svezia dopo aver aperto le porte a 115mila richiedendi asilo negli ultimi quattro mesi inizia ad avere seri problemi nella gestione dei flussi. Anche perché, come ha ammesso Schroeder, l'accordo sulle redistribuzione dei rifugiati "non sta funzionando". Ad oggi ne sono stati ricollocati meno di 300 su un totale previsto di 160mila.

Annunci
Commenti

istituto

Mer, 06/01/2016 - 14:37

Se siamo INVASI come fa ad essere mantenuta lo stretto necessario? Non arrivano quattro gatti...

Ritratto di gangelini

gangelini

Mer, 06/01/2016 - 14:45

E' da anni che si consiglia di aiutare i migranti dai porti di partenza, identificandoli; poi in massima sicurezza si possono trasferire in Europa e distribuirli in modo equo; costa molto meno e ci riducono i problemi. Ma l'Europa latita e i politicanti europei parlano, parlano, parlano senza senso ..... però sempre meno del nostro Matteo Pifferaio Magico.

Tuthankamon

Mer, 06/01/2016 - 14:46

La "linea di azione" (e sono ottimista a chiamarla così) della UE è tipica di un'organizzazione internazionale NON di un governo federale. Qualcuno potrebbe chiedere qual è il problema. Il problema è proprio questo: la maggioranza di noi non sa di cosa si tratta e questo è deleterio, perchè non capiamo dove siamo inseriti, tra l'altro con una estrema debolezza politica nostrana, checchè ne dica Renzi. L'accordo di Schengen è morto e sepolto almeno per quel che era. Alfano fa molto male a dire che incrementiamo "i controlli anti-terrorismo" (somiglia alla "guerra integrata" di D'Alema che fece ridere anche i polli) e non sospendiamo Schengen, è una contraddizione in termini!

Ritratto di stufo

stufo

Mer, 06/01/2016 - 14:51

Tranquilli, romperanno solo a noi, vedasi questi ultimi giorni a chi si recava in Francia.

Ritratto di Rames

Rames

Mer, 06/01/2016 - 15:05

Viviamo in un Europa debole purtroppo.Non credevo fino a qualche anno fa.Adesso tutto è chiaro.Europa sei debole e fragile e completamente infantile.

michetta

Mer, 06/01/2016 - 15:42

Ricordo benissimo, quando il ponte di Oresund, non esisteva affatto! Abitavo in quel di Stockholm ed ogni volta che con la macchina, dovevo tornare in Italia, mi toccava sobbarcarmi circa tremila chilometri, fino a Roma. Ricordo, anche, che tra Trelleborg (vicino a Malmoe in Svezia) e Travemunde (vicino Lubecca in Germania), esisteva un traghetto notturno che, portava macchine e persone, dall'altra parte. Poi, nel 2000 hanno costruito quel po' po' di ponte (Ah, l'evoluzione moderna...)! Oggi, senza di esso, gli Svedesi, non avrebbero avuto quest'altra epidemia, che oltre i "raggare", li hanno fatti decadere a livelli mediocri. Anche loro! Povera Europa....

venco

Mer, 06/01/2016 - 15:48

Ma se si abbattono i muri interni, come era stato fatto, certo che bisogna alzarne di esterni, senza muri vuol dire anarchia e caos.

VittorioMar

Mer, 06/01/2016 - 16:17

...un tempo si diceva:CHIUDERE LE PORTE PER NON FAR SCAPPARE I BUOI....ORA CHE I BUOI SONO ENTRATI LE VOGLIAMO CHIUDERE!!!...si fa sempre il contrario...

Blueray

Mer, 06/01/2016 - 16:20

Riporto il comma 2 dell'art.2 del Trattato di Lisbona per chiarire perché i tempi non erano e non sono maturi per la libera circolazione: "L'Unione offre ai suoi cittadini uno spazio di libertà, sicurezza e giustizia senza frontiere interne, in cui sia assicurata la libera circolazione delle persone insieme a misure appropriate per quanto concerne i controlli alle frontiere esterne, l'asilo, l'immigrazione, la prevenzione della criminalità e la lotta contro quest'ultima." Le misure definite appropriate per 1)controlli frontiere esterne, 2)asilo, 3)immigrazione, 4)prevenzione criminalità, 5)lotta contro quest'ultima, sono allo stadio larvale, e tutt'altro che appropriate. Ergo è stato messo il carro davanti ai buoi, e ora si paga pegno. Grazie Ue covo di intelligentoni spennapopoli!

Renee59

Mer, 06/01/2016 - 16:41

L'Isis stará sicuramente ridendo di questi sciocchi traditori senza cervello.

Renee59

Mer, 06/01/2016 - 16:45

Comunque, prima o poi finiranno le risorse che stanno furbescamente finanziando i partiti che appoggiano tale invasione, allora vedremo.

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 06/01/2016 - 17:15

RIPROVO!!!! Ricordate cosa diceva L'HALF-ANO quasi 2 anni fa?? "Non vogliono rimanere in Italia vogliono andare al Nord" Ecco adesso che il "SUO" Nord ha chiuso le porte, aspettiamo di sentire cosa s'INVENTERÀ!!!lol lol Suerte Italiani che con soggetti come questo a S/governare ne avete bisogno.

smoker

Mer, 06/01/2016 - 18:49

Fuggono dalle bombe e dalla fame (così alcuni affermano) ma non rinunciano a figliare in continuazione.

lamwolf

Mer, 06/01/2016 - 18:58

L'Europa è una monnezza alla quale non crede più nessuno solo gli stolti e i comunisti ci credono.

Cheyenne

Mer, 06/01/2016 - 19:52

l'europa non esiste più. Consiglierei a paesi dell'est di andarsene e di fare blocco con putin. Qua governano ladroni, froci e incompetenti e l'ex chiesa cattolica, oggi chiesa comunista

Ritratto di bracco

Anonimo (non verificato)

Royfree

Mer, 06/01/2016 - 23:03

Diventeremo uno zoo e le nostre donne povere puttane. Grazie Europa.

geronimo1

Gio, 07/01/2016 - 09:17

Il disegno e' chiarissimo!! IL PD e gli altri partiti "simili" (il famoso pensiero unico dei DEM americani!!) di Europa sperano di creare nuovi serbatoi "eterni" di voti in modo da rendere irreversibile il loro establishment!!!!!! Le Destre ridotte a tracce trascurabili..!!!!!! E' il loro sogno da sempre!!!! Non capiscono (i Pidioti...) che non salveranno certamente il loro beato cu.o dalla situazione che loro stessi hanno creato!!!!!!! Vi ricordate i capponi di Renzo ????????

Iacobellig

Gio, 07/01/2016 - 09:37

RIPRISTINARE SUBITO I CONTROLLI AI CONFINI. NON È CONSENTITO A NESSUNO DI INVADERE TERRITORI ALTRUI. È POSSIBILE FARLO SOLO PER TURISMO O IN POSSESSO DI CONTRATTO DI LAVORO NEL CASO LA PERMANENZA DURI OLTRE I LIMITI DELLA RAGIONE TURISTICA.

epc

Gio, 07/01/2016 - 09:37

Il trattato prevede libera circolazione interna ma protezione dei confini esterni, che significa magari accogliere qualche vero rigugiato ma RESPINGERE I CLANDESTINI!!! Italia e Grecia, da una parte "indebolite" dai confini marittimi, dall'altra vogliose di FORAGGIARE IL BUSINESS DELL'ACCGLIENZA (coop, onlus ecc.), continuano ad ammettere migliaia di parassiti clandestini. Ovvio che le altre nazioni europee un po' si inc.... Shengen sta fallendo non per colpa del trattato stesso, ma per l'inadempienza di italia e Grecia alle regole del medesimo.

epc

Gio, 07/01/2016 - 09:38

Il trattato prevede libera circolazione interna ma protezione dei confini esterni, che significa magari accogliere qualche vero rigugiato ma RESPINGERE I CLANDESTINI!!! Italia e Grecia, da una parte "indebolite" dai confini marittimi, dall'altra vogliose di FORAGGIARE IL BUSINESS DELL'ACCGLIENZA (coop, onlus ecc.), continuano ad ammettere migliaia di parassiti clandestini. Ovvio che le altre nazioni europee un po' si inc.... Shengen sta fallendo non per colpa del trattato stesso, ma per l'inadempienza di italia e Grecia alle regole del medesimo.......

epc

Gio, 07/01/2016 - 09:38

Il trattato prevede libera circolazione interna ma protezione dei confini esterni, che significa magari accogliere qualche vero rigugiato ma RESPINGERE I CLANDESTINI!!! Italia e Grecia, da una parte "indebolite" dai confini marittimi, dall'altra vogliose di FORAGGIARE IL BUSINESS DELL'ACCGLIENZA (coop, onlus ecc.), continuano ad ammettere migliaia di parassiti clandestini. Ovvio che le altre nazioni europee un po' si inc.... Shengen sta fallendo non per colpa del trattato stesso, ma per l'inadempienza di italia e Grecia alle regole del medesimo!

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 07/01/2016 - 15:59

ma in Belgio non ce ne sono di questa feccia? Brussels Brussels e Brussels...

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 07/01/2016 - 16:03

presto i paesi nordici chiuderanno le frontiere e tutti arriveranno in Italia e spagna

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 07/01/2016 - 16:05

michetta sarebbero venuti tramite nave Copenaghen-Malmoe io la feci con la nave