Madrid condanna Ryanair per la politica sui bagagli a mano

Dopo le stringenti politiche della compagnia aerea irlandese sui bagagli a mano, ora dalla Spagna arriva una sentenza rivoluzionaria: ecco di cosa si tratta

Negli utlimi anni, Ryanair ha cambiato spesso la sua politica sui bagagli a mani. Un ritocchino dopo l'altro, le indicazioni sono diventate sempre più stringenti e si è arrivati fino al pagamento di una tassa extra per poter portare in cabina un trolley dal peso massimo di 10 chili, oltre ad una piccola borsa personale. Una decisione che ha fatto storcere il naso alla maggior parte dei passeggeri, molti dei quali hanno iniziato una battaglia contro l'azienda.

Nonostante le numerose proteste arrivate da tutta Europa, la compagnia low cost era stata chiara: "La politica dei bagagli è stata cambiata in modo definitivo lo scorso autunno e non abbiamo nessuna intenzione di cambiarla di nuovo", aveva tuonato la scorsa estate Kenny Jacobs, Chief Marketing Officer del vettore con sede a Dublino. Nessuna apertura e possibilità di cambiamento quindi.

La sentenza spagnola

Ora però dalla Spagna arriva una sentenza che potrebbe modificare ancora una volta (e forse definitivamente) la normativa. Come spiega il Messaggero, il tribunale di Madrid ha infatti condannato la compagnia irlandese per aver fatto pagare ad una passeggera il supplemento per il trasporto del suo piccolo trolley in cabina.

Così il vettore Ryanair dovrà rimborsare la donna, restituendo i 20 euro che la passeggera aveva speso per portare a bordo la valigia. A questi si aggiungono inoltre anche gli interessi moratori.

L'ultima politica della compagnia low cost prevede infatti il pagamento di un extra variabile per l'acquisto della tariffa "priority" che permette ai passeggeri di tenere con sè e posizionare all'interno della cappelliera un trolley che non superi però i 10 chili di peso. Il piccolo bagaglio a mano invece può essere portato in cabina gratuitamente, ma non deve superare la misura di 40x20x25. Regole stringenti che hanno fatto tanto discutere e sono sfociate in numerosi reclami.

Ma la sentenza del tribunale spagnolo non finisce qui. Da Madrid infatti è arrivata anche un'altra novità: i giudici hanno obbligato Ryanair a ritirare persino la clausola che obbliga i passeggeri a pagare una tariffa aggiuntiva per il bagaglio a mano. Secondo i giudici spagnoli infatti la politica adottata dalla compagnia aerea irlandese sulle borse in cabina è illegittima, perché limita i diritti che il passeggero ha riconosciuti dalla legge (Articolo 97 della legge spagnola sui trasporti, riporta il quotidiano). Ora non resta che attendere per capire come si evolveranno le stringenti politiche di Ryanair sui bagagli.

Commenti
Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 21/11/2019 - 09:18

UN QUALCOSA DI ANALOGO è SUCCESSO ANCHE A ME CON IL BIGLIETTO CON QUESTA COMPAGNIA DEL CAXXO, CONSIGLIO DI EVITARE DI SERVIRSI DI QUESTA COMPAGNIA NON SERIA.

MARCO 34

Gio, 21/11/2019 - 15:13

Mi servo spesso di RYANAIR per andare in Sardegna e, senza questa compagnia, sarei costretto a viaggiare via mare impiegando mediamente dalle sette alle 11 ore conto i 45 mn dell'aereo o servendomi del mezzo aereo sarei costretto a fare scalo a Roma con una sosta di circa sette ore. A questo punto mi corre l'obbligo di fare qualche precisazione sul cosìdetto sovrapprezzo per il bagaglio a mano. Questo può essere imbarcato in cabina col supplemento "priority" che comprende anche la scelta del posto, che prima era pagato come altro supplemento. Detto questo non mi rimane che augurarmi che Ryanair continui a coprire le rotte sulla Sardegna che già soffre per la sua insularità di ben altri problemi