Marò, il governo indiano gela Renzi: "Discutiamo, ma la giustizia è libera"

Doccia gelata per Palazzo Chigi. Nuova Delhi: "I governi possono anche discutere, ma la nostra giustizia è libera". Adesso Renzi & Co. come intendono muoversi?

Il regalo più atteso, la serenità, non è arrivato neanche quest’anno nelle case dei fucilieri di Marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. I militari della Brigata San Marco hanno vissuto il terzo Natale consecutivo con l’inquietudine di non conoscere le sorti di una intricata vicenda giudiziaria che li vede coinvolti in India, con l’accusa di aver ucciso, a febbraio del 2012, due pescatori scambiandoli per pirati al largo delle coste del Kerala. Intanto, da Nuova Delhi, le notizie si fanno sempre più drammatiche. Un portavoce del governo indiano ha, infatti, fatto presente al premier Matteo Renzi che la vicenda dei marò "non è solo una discussione fra due esecutivi, ma è un tema all’esame della magistratura indiana" che "deve esprimersi prima che si possa andare avanti".

Da governo indiano arriva una doccia gelata a Renzi che, nei giorni scorsi, aveva vantato di aver fatto passi avanti nel braccio di ferro con Nuova Delhi. In realtà, intervistato dall'Ansa, il portavoce del governo indiano, Syed Akbaruddin, ha fatto capire (senza troppi giri di parole) che la politica può anche discutere, ma poi il giudice avrà mano libera di decidere sul futuro dei Latorre e Girone. "La giustizia indiana - ha detto il portavoce - è libera, trasparente e imparziale". Akbaruddin ha ammesso che "è difficile spiegare a che punto siamo (nei contatti fra i governi, ndr.) per il semplice fatto che la questione è all’esame della giustizia". E ha proseguito: "Mentre il governo indiano può avere un punto di vista e considerare varie opzioni, fondamentalmente questa questione è in mano alla giustizia e dovrà andare attraverso un percorso legale ed arrivare ad una decisione della magistratura affinchè si possa andare avanti". Il portavoce ha, quindi, portato a esempio la richiesta di estendere la permanenza di Latorre in Italia: "Il governo indiano non era contrario a che essa fosse concessa. Ma la Corte Suprema ha, comunque, assunto una posizione fortemente contraria a questa richiesta, per cui i legali hanno ritirato l’istanza". Tutto questo per far presente a Renzi che "non è una discussione solo fra due governi". A decidere, alla fine, sarà la giustizia indiana.

Commenti
Ritratto di gianniverde

gianniverde

Ven, 26/12/2014 - 13:56

Ma renzie potrebbe rispondere:anche la nostra giustizia è LIBERA.Mah....................forse........................chissà.................

Ritratto di stenos

stenos

Ven, 26/12/2014 - 14:08

Chi renzi muoversi? Sapete perché gli ultimi tre governi infami golpisti non hanno fatto nulla? Perché al loro sporco elettorato dei maro' non frega nulla, anzi godono perché li reputano assassini di poveracci indiani. Quindi non portando voti a pd e sel fanno finta, ma non muovono un dito. Certo se era la terrorista comunista baraldini allora...... Tutto qui.

Ritratto di rapax

rapax

Ven, 26/12/2014 - 14:09

e' chiaro che l'Italia a questo puntoDEVE essere pronta a mandare a catafascio ogni cosa con gli adoratori dei ratti, primo si trattiene La Torre, anche per questioni di DIGNITA' nazionale, meglio uno che tutti e due, poi non ho ben compreso..ma con una enorme comunita' indiana in Italia..ma solo noi abbiamo da "perdere" ? perdere cosa? accordi commerciali con questi fetenti che come gli gira ti possono chiudere o sequestrare gli impianti? e come si sono comportati in maniera proditoria con un patner con cui avevano buoni rapporti commerciali..quanto valgono questi "rapporti"?? con quello stato di "diritto"?? se non si prende consapevolezza che l'india agisce come un vero e proprio STATO CANAGLIA(LA questione della minaccia all'ambasciatore Italiano non solo era gravissima, ma bastava a chiudere i rapporti con sto stato di canaglie) purtroppo abbiamo dei Vermi al vertice..robaccia, vile e senza dignita'..

Ritratto di rapax

rapax

Ven, 26/12/2014 - 14:11

gianniverde la "nostra" giustizia e' m....a figuriamoci se fa cose o usa i suoi ILLIMITATI poteri per una CAUSA NAZIONALE,

agosvac

Ven, 26/12/2014 - 14:20

La giustizia indiana è libera!!! Già, è libera di consentire gli stupri rituali di giovani donne indifese!!! Ma ci facciano il favore di avere un minimo di dignità!!! Comunque la colpa non è dell'India ma dell'Italia e dei governi barzelletta che Napolitano ha fortemente voluto! Un Governo serio avrebbe dovuto fin dagli inizi di questa triste vicenda rompere del tutto i rapporti diplomatici con questa nazione fino a quando i nostri fucilieri di marina non fossero stati restituiti all'Italia. Renzi in questa vicenda ha colpe relative, le colpe principali l'hanno monti e letta.Ma la vera colpa l'ha Napolitano che ha fortemente voluto sia il governo monti, sia quello letta sia quest'ultimo di renzi.

Armandoestebanquito

Ven, 26/12/2014 - 14:23

Giustizia independente uguale che in Italia haha... dove c'e' comunismo non c'e' giustizia independente, mai e poi mai.

Ritratto di Sniper

Sniper

Ven, 26/12/2014 - 14:23

Sillogismo in salsa Indiana: Il Governo Italiano fa pressione sul Governo Indiano. La Magistratura Indiana e` indipendente. Il Governo Italiano fa un buco nell'Oceano Indiano.

Ritratto di Scassa

Scassa

Ven, 26/12/2014 - 14:25

scassa venerdì 27 dicembre 2014 A parte che tra due interlocutori almeno il livello di civilizzazione deve essere allo stesso livello ,e che guardando ciò che pende dai loro alberi ,e non sono né fiori ne frutti,,LORO sembrano mooooolto indietro,figurati quindi la loro giustizia che riconosce ancora le caste quanto può essere equa verso gli esseri umani sui quali non ha giurisdizione !!! Si confrontano anche con rappresentanti NO WAR e che ,oltre che essere dilettanti allo sbaraglio,hanno il carisma di un paio di ciabatte e governano illegalmente ...difatti chi li vuole ? MI VERGOGNO DI ESSERE ITALIANA ! scassa.

ClaudioB

Ven, 26/12/2014 - 14:39

E ringraziamo il forte aiuto che ci hanno fornito i nostri "partners" UE e USA. Ma che andassero tutti a quel paese. Quando hanno bisogno sono lì a farci la corte ma se il bisogno è nostro si squagliano tutti come neve al sole. Un vero schifo.

Ritratto di perigo

perigo

Ven, 26/12/2014 - 14:43

D'altra parte è ciò che vanno sbandierando da sempre in Italia i rossi! Secondo loro la magistratura deve essere lasciata libera di agire (pro domo loro, ovviamente). L'indipendenza la chiedono solo quando fa comodo perché nella realtà la giustizia in Italia è fortemente sbilanciata a sinistra. Ora, resta da vedere se questa ennesima presa per il naso dell'India ha tono canzonatorio o no.

Ritratto di gangelini

gangelini

Ven, 26/12/2014 - 14:46

Renzi, solo chiacchere e promessine; pensa di prendere in giro le altre nazioni come prende per i fondelli gli italiani. Noi siamo un branco di scemi che crediamo agli asini che volano, all'estero invece non scherzano. I discorsi di Renzi sono solo 'ciacere' al bar - risultati zero sotto zero.

intuttafranchezza

Ven, 26/12/2014 - 14:50

Capo Girone .........EVADI CXXXO........ prima che ti fanno la Pelle !!!!!!!

pieropomiga

Ven, 26/12/2014 - 14:52

il punto è che quei due sono effettivamente assassini di poveracci indiani, e per questo si sono sostanzialmente costituiti alla giustizia indiana Mentre la baraldini è sicuramente comunista, ma non risulta avere ammazzato proprio nessuno

tormalinaner

Ven, 26/12/2014 - 14:57

Portiamoli a casa con un blitz militare e finiamo questa farsa, oppure tratteniamo degli indiani qui in Italia fino a liberazione dei marò. Così farebbe uno stato con le palle, ma Renzi è senza.

Ritratto di mario.leone

mario.leone

Ven, 26/12/2014 - 15:07

Auguri di cuore al Sig. Girone ed al Sig. Latorre. Purtroppo abbiamo i governanti che ci meritiamo e, forse, questo mette gli affari ed il voto davanti a tutte le altre questioni. A proposito, a quando l'incriminazione del comandante della nave e dell'armatore??

Ritratto di mario.leone

mario.leone

Ven, 26/12/2014 - 15:09

pieropomiga, spero che il suo intervento sia ironico, altrimenti non si droghi prima di scrivere!!

Ritratto di hernando45

hernando45

Ven, 26/12/2014 - 15:30

Gli hanno fatto andare di "TRAVERSO" il CENONE di Natale al BAMBINELLO!!!!LOL LOL Buon Santo Stefano dal Leghista Monzese

gustavodatri@vi...

Ven, 26/12/2014 - 15:31

E renzi fa il cacasotto senza reagire.

linoalo1

Ven, 26/12/2014 - 15:32

Panico?No di certo!Il nostro Governo,se ne fregava prima!Figurati adesso!Lino.

Ritratto di Goldglimmer

Goldglimmer

Ven, 26/12/2014 - 15:38

Certo che noi italiani non siamo abituati a giustizia libera ....tantomeno se arriva da un paese come l'India, grandissima nazione che ci ha dato una bella lezione.

angelovf

Ven, 26/12/2014 - 15:42

Razzisti si diventa, mandate Via tutti gli indiani presenti nel nostro paese, siamo stufi di questa classe politica leccaculo degli stranieri, per me Berlusconi non è più un riferimento, ma è solo un aiutante del PD.

UNITALIANOINUSA

Ven, 26/12/2014 - 15:42

Comunisti italiani invidiosi odiano Berlusconi.Ma forse sanno che Silvio e' l'unico capace di concludere q

Raoul Pontalti

Ven, 26/12/2014 - 15:53

La giustizia indiana è libera dice il governo indiano, dunque l'accordo è vicino...basta che l'Italia accontenti la giustizia indiana: i marò la smettono tramite i loro avvocati istruiti dalle autorità italiane di fare ostruzionismo processuale oppure l'Italia stessa, tramite le proprie autorità politico-diplomatiche, si assume la responsabilità della vicenda, chiede scusa, paga il dovuto e promette punizione esemplare per i due sparacchiatori a vanvera (NB: pure da noi la giustizia è libera, anche di sfarfallare, ma esistono comunque i provvedimenti interni, quali ad es. la destituzione dai ranghi della Marina...).

UNITALIANOINUSA

Ven, 26/12/2014 - 15:59

Berlusconi contatti Putin. Il russo e' l'unico che potra' chiudere questo orrendo affare. italiano in usa

Maura S.

Ven, 26/12/2014 - 16:06

xpieropomiga = non puoi essere altro che uno di loro, allora togliti dai fondelli e torna da dove sei venuto

paolozaff

Ven, 26/12/2014 - 16:06

A me sembra che ci abbiano già preso troppo per in fondelli e che adesso dovrebbero, senza se e senza ma, fare il processo!!!

beowulfagate

Ven, 26/12/2014 - 16:20

mario.leone. purtroppo il pomiga è così.Drogato o meno non se ne vede la differenza.E di pomiga in questo paese ce ne sono decine di milioni.Ha letto il suo commento ? Per lui i marò sono assassini,punto e basta.Non conosce le regole del diritto internazionale,non capisce neppur lontanamente la situazione,eppure ha la certezza che siano due assassini,magari anche sadici e masochisti.Non gliene frega niente dei tentennamenti della stessa giustizia indiana,vuole vedere quei due appesi a un albero per poi mettere la bandierina della pace al balcone.Ecco chi sono i nostri veri nemici.Non scordiamocene.Mai.Saluti.

michetta

Ven, 26/12/2014 - 16:22

A parte certi passaggi di certi imbecilli che circolano anche in questo forum, facendo paragoni inopportuni e senza senso, mi piace sottolineare che la GIUSTIZIA indiana, SIA libera! Questo e' quanto si dice da quelle parti! Ma se fosse stata veramente LIBERA, come mai dopo tre anni di costrizione, non hanno effettuato nemmeno un processo di primo grado nei confronti dei due Sottufficiali M.M.? Da noi, quando la Polizia mette in prigione un rumeno, ladro di 60 tonnellate di rame, ottiene immediatamente la sentenza del Giudice italiano: liberate il rumeno perché non puo' essere stato lui solo a rubare, restituendogli le 60 tonnellate di rame sequestrate! QUESTA SI CHE E' VERA LIBERTA' DI MANOVRA E DI GIUSTIZIA....ah ah ah ah ah!

terzino

Ven, 26/12/2014 - 16:23

Liberi di impiegare tre anni per formulare un capo d'accusa? O erano forse vincolati alle elezioni politiche ed avevano bisogno di un certo grado di popolarità? lasciamo stare e stendiamo un velo pietoso sui nostri politici per i quali esiste una sola parola:vergogna.

claudio63

Ven, 26/12/2014 - 16:25

cLAUDIOb SCUSAMI MA l'aiuto andava richiesto in maniera propria e decisa: i ns. politicanti e burocrati non hanno la minima idea di cosa e come fare in questa situazione e questi sono i risultati... se poi pensi che uno steffan de mistura e' adesso a capo dell' organizzazione che si occupa dei campi profuchi in siria.... poveretti...

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 26/12/2014 - 16:45

#Raoul Pontalti Dopo tre anni non riescono a formulare un'ipotesi di reato. Ma non riescono neppure a celebrare il processo d'appello per i due italiani detenuti con l'accusa, non provata, di aver strangolato il loro compagno di viaggio. E sbrigativamente condannati all'ergastolo (autopsia eseguita da oculista). Sbaglio o c'è qualcosa che non torna? Buon 2015, tanta buona "sgnapa"...e un po' più di partecipazione alle discussioni concernenti le prodezze ispirate da una lettura ortodossa del Corano. L'unica che possa essere condotta. A dispetto delle minchiate "ad usum Pontalti" che ci raccontano gli imam de noantri.

he2web

Ven, 26/12/2014 - 17:16

A questo punto seguirei il consiglio che ho avuto modo di leggere tempo fa. Ritiro immediato dei nostri militari dai vari teatri, limitare alle nostre navi la protezione dai pirati. Ma iul punto di forza dovrebbe essere dei contatti, discreti ma non troppo, offrendo al Pakistan nemico giurato dell'India, sistemi d'arma ad alta tecnologia (e a prezzo stracciato) che i pakistani, da sempre, desiderano e che l'India teme fortemente. Credo che in brevissimo tempo si giungerebbe ad una soluzione. Ma c'è un ma. Per agire così, ci vogliono le palle. Che il governo non ha.

he2web

Ven, 26/12/2014 - 17:27

Ripeto. Offrire al Pakistan, a prezzi stracciati, ciò cui ambisce fortissimamente e che altrettanto fortemente l'India teme, e cioè sistemi d'arma tecnologicamente avanzati. Ma il governo ha le palle per farlo?

Ritratto di Tora

Tora

Ven, 26/12/2014 - 17:40

L'Italia è il paese più ridicolo al mondo, fatto di burattini e marionette. Uno spettacolo ributtante. Io consiglierei a Girone di chiedere il congedo immediato, da civile avrebbe più possibilità di difendersi, magari dopo tre anni potrebbe anche chiedere la cittadinanza indiana...Farsi mangiare in testa da una nazione il cui sport principale è torturare e violentare minorenni è farsesco.

Antonio43

Ven, 26/12/2014 - 17:43

Ma non è per caso che a comandare quella nave, quella notte c'era Schettino? O forse di Schettini nella marina mercantile ce ne sono più di uno? E l'armatore? Resta il fatto che responsabile di quanto avvenuto quella notte, vero o meno che sia è il governo italiano, perchè i due marò stavano su quel bastimento su ordine dello stesso. Il processo a quei due militari lo deve fare la magistratura italiana, gli indiani, SE MAI, avessero ragione devono solo quantificare. Il guaio dell'Italia, come già fatto notare, sono i troppi, purtroppo, pieropomiga.

killkoms

Ven, 26/12/2014 - 17:46

mica come il 65/70 % dei nostri giudici,schierati a sinistra!

killkoms

Ven, 26/12/2014 - 17:48

mamphis35,l'india ha una sottocultura terzomondista che disprezza l'occidente!

ClaudioB

Ven, 26/12/2014 - 17:49

@claudio63 - Hai indubbiamente ragione, invece di agire prontamente i nostri ineffabili politici hanno iniziato una melina che non ha portato a nulla. Inoltre nei vari colloqui anche con Obama, il problema era stato posto ma evidentemente senza alcuna convinzione. Se fosse per me da domani annuncerei il ritiro dei nostri soldati (e sono tanti), da TUTTE le missioni di "Pace" in corso, e poi vediamo cosa succede.

Raoul Pontalti

Ven, 26/12/2014 - 17:49

Confratello mio Menabellenius buona Pasqua! (Natale è già passato...). Sarebbero già tornati a casa con la condanna sul groppone (oppure senza: la giustizia indiana avrebbe potuto anche riconoscere l'immunità funzionale dei militari) quei due se le autorità italiane non avessero fatto di tutto per evitare il processo con infiniti ricorsi, istanze, etc. La primitiva applicazione del codice penale indiano non era gradita all'Italia, poi non fu gradito il SUA-Act, infine non fu gradita la NIA per tacere di tutti i cavilli invocati per non arrivare al dibattimento. La si smetta di fare ostruzionismo procedurale e vedrete che le accuse di omicidio plurimo, tentato omicidio plurimo, associazione per delinquere e danneggiamento di nave saranno alfine formulate in aula. E sempre in aula i giudici potranno anche proclamare eventualmente l'immunità funzionale dei marò in quanto militari, perchè l'immunità è invocata politicamente ma riconosciuta, se del caso, solo giudizialmente.

vince50_19

Ven, 26/12/2014 - 17:51

Sono liberi SI dalla politica i giudici indiani: ci mancherebbe altro. Presumo che esista anche nella loro costituzione un art. simile al nostro in materia - il 27° - e che i diritti a difesa, nell'alveo delle regole, siano più che legittimi. D'altro canto quando i giudici indiani si decideranno ad istruire il processo e portarlo a termine prima delle.. calende greche, gliene saremo grati, invece di assistere a questo palleggio "sgraziato e perditempo". Chissà, se del caso, esisterà anche una legge "Pinto" in India, in caso di assoluzione.. Ergo, se i nostri marines risulteranno colpevoli - a seguito di prove provate in regolare processo - pagheranno quanto quei giudici loro ascriveranno in termini di colpa e pena, altrimenti torneranno liberi. Comunque sia che finisca questa specie di telenovela che è diventata noiosamente asfittica, con elucubrazioni ed interpretazioni al limite della paranoia, del cazzeggio e, in qualche caso, di odio bestiale.

blackbird

Ven, 26/12/2014 - 17:51

Nell'incontro tra Monti e il suo omologo indiano, il "nostro" disse, in inglese, che la questione (dei marò) è nata in India e lì deve risolversi. Forse non intendeva dire questo, ma parlando inglese (?) forse ha usato termini impropri. Così da allora l'India sa che l'Italia è governata da parac... e cial... che parlano a sproposito una lingua che non è loro propria e che se ne fre... dei destini dei loro collaboratori subordinati. Poi è intervenuto De Mistura (mai nome fu più appropriato) che chissà quali misciotti ha fatto! Tanto che il Renzi lo ha ritirato dall'incarico!

Accademico

Ven, 26/12/2014 - 17:53

Quando penso che veniamo tenuti in scacco, da anni, da un branco di analfabeti, mi viene da vomitare sull'intera (cosiddetta) classe "dirigente" del mio Paese.

bezzecca

Ven, 26/12/2014 - 17:55

"La giustizia indiana - ha detto il portavoce - è libera, trasparente e imparziale". Di sicuro è LENTA

guardiano

Ven, 26/12/2014 - 18:37

Bravo poero pomiga, per tè è tutto chiaro come il sole, ma se la magistratura in tre anni non ha ancora istruito il processo qualche dubbio si può avere o nò, comunque continua a difendere gli adoratori di vacche, forse riuscirai a farti adorare pure tè, non come vacca ma come asino anti Italiano.

Mobius

Ven, 26/12/2014 - 18:41

OK, allora diciamo al governo indiano: "Dite chiaro alla vostra libera magistratura che se non comincerà a comportarsi seriamente, qui succederà qualcosa di poco simpatico. Dopotutto noi abbiamo in ostaggio 100.000 vostri connazionali, vedete un po' voi." Quale politico italiano sarà capace di parlare così?

masbalde

Ven, 26/12/2014 - 18:45

Uno Stato che non difende i suoi SOLDATI non è degno di essere rispettato. Invito quegli Italiani che vogliono aiutare i marò a boicottare tutto il made in india: non comprare capi di abbigliamento, veicoli mahindra, scooter piaggio (fatti in india), ogni e qualsiasi prodotto importato da quel paese. Chi ha dipendenti indiani in Italia dovrebbe licenziarli; chi conosce negozi di indiani in Italia (molti mini-market) denunciare alla guardia di finanza ed al comune che non rispettano orari e festività e spesso non emettono scontrini fiscali. Se poi Mr. Renzi volesse scatenare nas e finanza contro i commercianti indiani, in un mese libererebbe i Marò; ma luii se ne frega ora sta pensando ad eleggere il presidente di questa Repubblica così mal ridotta.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Ven, 26/12/2014 - 19:09

bezzecca e di sicuro non avrebbe mai ammesso che Ruby era la nipote di Mubarak! In quanto a lentezza gli italiani proprio non possono parlare.

magnum357

Ven, 26/12/2014 - 19:32

pieropomiga: penso che troppi bicchieri durante queste feste le abbiano alterato un po' il cervello !!! Fu il ministero della difesa a consigliare il comandante ad entrare in acque indiane mentre il ministro degli esteri di Monti si incazzò a tal punto da dimettersi ! Mi spieghi lei come caxxo avrebbero potuto i due marò sparare pallottole di calibro ben diverso da quello dei fucili della Maerina Militare in loro dotazione !!! C ' erano altre navi nella zona da cui evidentemente partirono i colpi letali come accertato ma gli indiani vogliono dei colpevoli !!!

Ritratto di Chichi

Chichi

Ven, 26/12/2014 - 19:38

Davvero quel 40% del 58%, che ha votato PD alle ultime europee, s'aspettava grazie al pendolino, che andava sparando parole come una mitragliatrice, maggiore prestigio e rispetto per l'Italia? Ora poi il pendolino diventa a vista d'occhio, ogni giorno di più, un pendolone...

Ritratto di wilegio

wilegio

Ven, 26/12/2014 - 20:01

Branco di supponenti dilettanti, che giocano con la loro totale insipienza sulla pelle di due nostri soldati. Spero che facciate una fine peggiore della loro: questo è il mio augurio di nuovo anno a tutti i tristi (plurale di tristo, non di triste) protagonisti di questa vicenda.

Ritratto di wilegio

wilegio

Ven, 26/12/2014 - 20:03

@rapax non sono d'accordo con lei nel definire "fetenti" gli indiano: i fetenti sono i nostri politici, ben più di loro.

FRANGIUS

Ven, 26/12/2014 - 20:48

FORTUNATI LORO.LI CONSIDERIAMO ARRETRATI RISPETTO A NOI MA L'INDIA HA UNA GIUSTIZIA LIBERA E INDIPENDENTE.L'AVANZATA ITALIA HA LA GIUSTIZIA IN MANO AI COMUNISTI.A QUANDO UNA PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE PER CANCELLARE DAI TRIBUNALI QUELLA RIDICOLA FRASE:"LA LEGGE E' UGUALE PER TUTTI" ?

Ritratto di Soldato di Lucera

Soldato di Lucera

Ven, 26/12/2014 - 20:52

Raouuoul se vai avanti così, rischi che la mer//a faccia causa a chi la usa con te come termine di paragone

filder

Ven, 26/12/2014 - 22:10

Per fare rimpatriare i nostri marò dopo tutti i disastri possibili ed immaginabili fatti da principianti della politica con la p minuscola ci vorrebbero uomini con le palle fumanti cosa che in Italia al momento non abbiamo e dei quaccuaraquà che disponiamo sono soltanto figure di basso profilo utile a loro stessi per intascare (rubare) i stipendi d'oro e scommetto che il 90% non parla nemmeno una seconda lingua figuriamoci di chi veniamo amministrati.

Ritratto di mario.leone

mario.leone

Ven, 26/12/2014 - 22:54

beowulfagate, quanto ha ragione. Buone feste a lei ed a quelli ai quali vuole bene.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Ven, 26/12/2014 - 23:35

Ah ho capito. Allora mentre in India del destino dei due Marò ne decide la magistratura in Italia del destino di 100,000 indiani dovrebbero deciderlo i politici?

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 26/12/2014 - 23:49

Con questa dichiarazione del governo indiano ora abbiamo la certezza che la giustizia di quel paese è l'esatto clone della nostra. TEMPI LUNGHISSIMI E ZERO RISPETTO PER I GOVERNI.

giovannianselmo46

Sab, 27/12/2014 - 00:12

Leggo un sacco di fregnacce da parte di gente che la butta in politica italiana dove ci sono "i rossi" che hanno fatto questo o quest'altro. Tutto questo non c'entra nulla. C'è probabilmente un problema politico, ma sta più in India che qui. Noi, in ogni caso, non riusciremo a cavare un ragno dal buco.perchè siamo vincolati da mille trattati, forniture etc. L'unica soluzione si chiama "esfiltrazione", cioè pagare qualcuno, veramente capace, che li vada a prendere e li faccia sparire. Il governo italiano ovviamente non c'entra. Se posso suggerire qualcuno da assoldare, direi gli israeliani. Quando poi i ragazzi saranno fuori si potrà decidere cosa farne. Non mi sembra così difficile, ci vogliono solo palle e un po' di soldi.

moichiodi

Sab, 27/12/2014 - 01:04

sergio rame mi sembra il bello addormentato nel bosco. oppure ci fa. e i commentatori abboccano. in tutti gli stati(persino in quelli totalitari) il potere giudiziario è distinto e indipendente dal potere esecutivo. ne discende che la soluzione dei nostri militari è in sede giudiziaria. il resto è aria fritta(ma qui al giornale come al Tempo piace giocare sulla pelle dei nostri due connazionali, sempre per la serie piove renzi ladro). l'alternativa è quella di fare guerra all'india, vincerla e recuperare i nostri militari.

Italianoinpanama

Sab, 27/12/2014 - 01:20

povera itaglietta !! que pena!!

Ritratto di frank60

frank60

Sab, 27/12/2014 - 06:14

Io propongo uno scambio... loro ci rendano i Maro',noi gli rimandiamo tutti gli indiani ....

Ritratto di Azo

Azo

Sab, 27/12/2014 - 08:15

Fare i conti senza l`oste, vuol dire di essere di una IDIOZZIA IMMENZA, specialmente quando chi paga è INCOMPETENTE. La sola differenza è che l`Ingordigia dei politicanti Italiani, hà la supremazzia sul BUONSENSO e gli ULTIMI ( 5 ) ANNI HANNO DIMOSTRATO LA LORO INCAPACITÀ DI DIRIGERE LE SORTI DEL PAESE, ABUSANDO DEL DANARO PUBBLICO, DIMENDICANDOSIDI CHI DIFENDE L`ITALIA E LA POPOLAZIONE. Questi SABOTTATORI, VANNO FERMATI PRIMA CHE DISTRUGGANO VERAMENTE, CIÒ CHE È RIMASTO DI BUONO IN ITALIA.

dementina1

Sab, 27/12/2014 - 08:15

se invece di perdere 1 anno x il senato e la Jobs Act che sono solo 1 specchietto x le allodole si fossero interessati ai maro sarebbe stato molto meglio.ma pultroppo in italia abbiamo politici di merd............................................

Furgo76

Sab, 27/12/2014 - 08:17

Che umiliazione internazionale! UE compresa. Spero abbiano tolto la scorta militare a tutti gli armatori navali! Che si arrangino ora a proteggere i loro affari! Pagatevi dei mercenari! E quel capitano che è tornato indietro è un traditore!

UNITALIANOINUSA

Sab, 27/12/2014 - 10:03

Prima o poi i due maro' saranno condannati in corte e sbattuti in carcere per un numero di anni.Vedrete allora il pianto del coccodrillo italiano.Renzi,se sara' ancora premier,smettera' di muoversi e camminare come il barone delle stronzate di casa nostra. italiano in usa

Mobius

Sab, 27/12/2014 - 10:07

Con chi parla di indebita commistione tra magistratura e politica, vediamo di capirci. Noi italiani abbiamo il diritto di considerare l'India come Paese non amico, e forse peggio; che sia colpa dei magistrati o dei politici indiani, poco importa. E di fronte ad un Paese non amico ci si pone in modo diverso rispetto ad un Paese amico: dalla non-amicizia all'inimicizia dichiarata il passo non è tanto lungo, e bisogna comportarsi di conseguenza. Il guaio è che i nostri politiconzi si comportano sempre a rovescio.