La May sempre più isolata: "È una morta che cammina"

L'ex ministro di Cameron pronostica: "La prossima settimana potrebbe collassare tutto". E attacca: "Con l'accordo col Dup le decisioni di Londra si prendono a Belfast"

"Theresa May è una morta che cammina. L'unica domanda è quanto a lungo resterà nel braccio della morte".

La "sentenza" è stata pronunciata oggi dall'ex ministro delle Finanze conservatore, George Osborne, che si era schierato esplicitamente per il no alla Brexit e fu rimosso proprio dalla May quando subentrò all'ex premier David Cameron. "Penso che lo sapremo molto presto", pronostica, "Potremo facilmente arrivare alla metà della prossima settimana e tutto crollerà per lei".

"Quello che abbiamo ora è un governo di minoranza, in carica ma privo di poteri e dipendente dai capricci dei 10 parlamentari del Dup", spiega ancora Osborne, "Le decisioni importanti per Londra verranno prese a Belfast... questa è una situazione insostenibile. Due anni fa eravamo un faro di stabilità politica e successo economico. Oggi abbiamo l'opportunità di ripensare l'hard Brexit come la intendeva la signora May. Possiamo rispettare gli esiti del referendum senza tagliare i nostri legami con il Mercato Unico e senza lasciare l'Unione Doganale".

Commenti

Anonimo (non verificato)