Migranti, l'Austria mette il tetto. Adesso arriveranno tutti in Italia

Il cancelliere Faymann: "Non possiamo accogliere tutti i rifugiati in Austria". Schaueble avverte: "L'Europa rischia di dissolversi". Ma anche la Germania valuta l'introduzione delle quote

L'Unione europea va in pezzi. E, davanti all'emergenza immigrazione, ogni Stato membro risponde come può. L'Austria ha deciso di limitare il numero di richiedenti asilo al pari dell'1,5% della popolazione austriaca nei prossimi quattro anni. Il piano, concordato dal governo con i rappresentati di province e città, prevede un massimo di 37.500 rifugiati ammessi nel 2016, in risposta ai 90mila accolti quest'anno. "Non possiamo accogliere tutti i rifugiati in Austria", ha messo in chiaro il cancelliere Werner Faymann.

Il tetto limite di 127.500 immigrati fino al 2019 su cui il governo austriaco ha trovato l'accordo prevede anche che per quest'anno Vienna accetterà solo 37.500 profughi. Il cancelliere Faymann ha parlato di un "valore indicativo" che si orienta a un livello massimo di 1,5% della popolazione austriaca. "Saranno compiute le verifiche di legge necessarie per evitare che la nuova normativa possa pregiudicare il diritto d'asilo", ha chiarito il vice-cancelliere Reinhold Mitterlehner facendo riferimento al modello svedese che prevede un limite alla capacità di elaborare le richieste di asilo. In discussione c'è anche la possibilità di sospendere per un periodo di tempo nuove richieste o di creare nelle aree di confine delle zone di attesa.

"Il coordinamento con la Germania resterà stretto", ha promesso il cancelliere Faymann assicurando di aver compiuto questo passo dopo essersi consultato con Angela Merkel. In realtà, non appena appresa la decisione di Vienna, il ministro tedesco delle Finanze Wolfgang Schaeuble ha messo in guardia dal pericolo di una dissoluzione dell'Europa. "Un possibile fallimento dell'Ue sulla questione migranti - ha spiegato - potrebbe mettere sensibilmente a rischio importanti progressi di un'integrazione comune". In presenza di danni gravi contro il sistema di libera circolazione di Schengen o contro l'euro, l'unione degli Stati andrebbe fortemente indietro e inizierebbero tempi difficili. La questione di un tetto limite tiene banco anche in Germania ed è uno dei cavalli di battaglia dell'alleato di governo della Csu. il numero uno del partito, Horst Seehofer, ritiene necessario un limite di accoglienza per 200mila persone all'anno. Finora però la cancelliera ha sempre rifiutato di accordare l'introduzione di un limite al flusso di profughi verso la Germania.

Annunci
Commenti
Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 20/01/2016 - 17:29

Sono solo i NOSTRI "SALVAVITA" che non si pongono il problema dei NUMERI, continuando INDEFESSAMENTE l'opera di RECUPERO con le navi militari di TUTTI i FINTI PROFUGHI di qualsiasi paese Africano. Pax vobiscum.

Holmert

Mer, 20/01/2016 - 17:39

Ma a Vienna non c'è Bergoglio che fa la giornata del migrante e predica l'accoglienza? Solo in Italia tutti sono bravi a predicare? Ma quando lo capiranno che questa non è una migrazione regolare ma una invasione costituita dal travaso di intere nazioni? Come se si innestasse un altro corpo alla maniera dei fratelli siamesi. Ce la faremo a vivere con tutta questa gente che ha bisogno di mangiare,lavorare, assistenza sanitaria, casa,stipendio,assistenza sociale etc etc? I soliti profeti ed i buonisti d'accatto dicono di sì. Però a Milano solo in 40 si sono fatti avanti dopo la proposta del sindaco di ospitare un profugo a 400 euro al mese,figuriamoci se gratis. Eppure Milano fa quasi 2 milioni di abitanti. Falsi ed ipocriti.

venco

Mer, 20/01/2016 - 17:45

Gli immigrati vanno tenuti chiusi, a cui gli si puo dare cibo e un tetto in appositi campi ai confini, essendo clandestini non hanno il diritto di circolare liberamente

Ritratto di giangol

giangol

Mer, 20/01/2016 - 17:46

ancora con sti migranti! SONO CLANDESTINI NEGRI!!!!!!!!!!!!!

Giorgio Rubiu

Mer, 20/01/2016 - 17:52

E se mettessimo il tetto anche noi? Se può farlo l'Austria può farlo qualsiasi altra nazione, Italia inclusa. Ma l'Austria non ha la Boldrini ne le onlux che vivono e lucrano proprio sulla presenza degli immigrati. Sarà la popolazione Italiana a mettere il tetto? Spero proprio di si. Se i nostri dirigenti non hanno gli attributi non significa che tutti gli italiani ne siano sprovvisti. Ma i nostri politicanti sono troppo impegnati con le prossime amministrative, con i giochetti di potere e con le politiche del 2018 per occuparsi del disagio dei cittadini ormai costretti a guardarsi alle spalle quando escono o a starsene tappati in casa come degli assediati.

Ritratto di tomari

tomari

Mer, 20/01/2016 - 17:54

Thò! Che strano, una foto di clandestini dove ci sono donne e un bambino! Solitamente si vedono dei giovanotti nerboruti e ben pasciuti...

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Legio_X_Gemina_Aquilifer

Legio_X_Gemina_...

Mer, 20/01/2016 - 18:27

Bisogna essere pragmatici e spietati. Filo spinato e campi minati. Pronto affondamento dei barconi. Fucilazione pronta ed immediata degli scafisti, senza se e senza ma. Basta fucilarne una decina e vedrete come gli passa la voglia di fare lo scafista. Comunque ci arriveremo....

risorgimento2015

Mer, 20/01/2016 - 18:34

Avanti che ce` posto ma solo in Italia ,che l'europa a chiuso!

Ritratto di Flex

Flex

Mer, 20/01/2016 - 19:09

BENE. Ci hanno sempre raccontato che sono la nostra ricchezza, già dimenticato?.

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Mer, 20/01/2016 - 19:33

L'Italia non ha nessun tetto perché avere un tetto è razzista. Basta creare altre diecimila onlus di cooperanti, utili stipendifici a spese dello stato e serbatoi di voti PD. Molto semplice.

PaoloL

Mer, 20/01/2016 - 19:35

l'importante é continuare la politica del divide et impera, quella funziona sempre, perché possiamo farci con comodo la guerra tra poveri e non pensare di poter cambiare qualcosa.

MgK457

Mer, 20/01/2016 - 20:28

E' giusto, portiamoli tutti a casa di pinocchio......

vince50

Mer, 20/01/2016 - 20:31

Inutile mettere la testa nella sabbia(anche perchè si rimane col culo per aria),si tratta di una svolta epocale inarrestabile.Non è più consentito usare metodi drastici e risolutivi,quindi la vecchia Europa è destinata a scomparire.

cunegonda

Gio, 21/01/2016 - 18:40

solo noi spalanchiamo le porte ad oves et boves( ossia a cani e porci)