Migranti, Roma e Berlino all'Ue: "Unificare il sistema di registrazione"

Alfano e de Maiziere scrivono alla Commissione Ue: "Rendere unico il sistema per registrare i migranti". Ma il sistema è al collasso

Nove mesi per salvare Schengen, evitare che la crisi dei migranti sbricioli l'Europa e scongiurare il ritorno dei controlli alle frontiere interne che potrebbe costare fino a 1.400 miliardi di euro in dieci anni. È la roadmap della Commissione europea presentata dal Commissario agli affari interni Dimitris Avramopoulos. Il piano lunedì sarà sul tavolo del vertice straordinario con la Turchia. Idea di fondo: frenare i flussi, che nel 2015 hanno portato al record di domande d'asilo in Ue: oltre 1,2 milioni, con un balzo del 123% in un anno, far partire davvero il meccanismo di ricollocazioni e resettlement volontari (ovvero l'accoglienza diretta a partire dai campi nei paesi vicini della Siria), spezzare il meccanismo delle chiusure unilaterali delle frontiere.

Il ministro dell'Interno italiano Angelino Alfano e il suo omologo tedesco Thomas de Maiziere hanno scritto una lettera alla Commissione europea in cui chiedono di creare un sistema di registrazione dei migranti a livello europeo e auspicano un'armonizzazione delle procedure per i richiedenti asilo. Secondo quanto riferisce la Sueddeutsche Zeitung, i due ministri hanno che il meccanismo di registrazione Ue, che dovrebbe includere i controlli di sicurezza, venga allestito con l'aiuto dell'agenzia Frontex e che l'Ufficio europeo di sostegno per l'asilo (Easo) ottenga più staff e finanziamenti in modo da poter diventare una "vera agenzia europea per l'asilo". Se l'obiettivo di Bruxelles è tornare alla normalità "entro dicembre", nei nove mesi si profila un cordone sanitario attorno alla Grecia. Nella roadmap è, infatti, previsto che il 13 maggio possa essere ridisegnata la frontiera esterna della Ue.

In cantiere è stata messa anche la riforma del regolamento di Dublino che il Commissario presenterà il 16 marzo, a due giorni dal secondo vertice del mese. Intanto la regola che impone di riportare nel paese di prima accoglienza i richiedenti asilo pur essendo "superata" andrà rispettata. Tanto che, nella missiva indirizzata al vice presidente della Commissione Frans Timmermans e a Avramopoulos, Alfano e De Maiziere invitano a compiere una "ambiziosa riforma delle regole di Dublino" che prevedono che gli immigrati debbano chiedere asilo nel primo Paese Ue in cui entrano, creando quello che definiscono un "sistema di asilo comune europeo riadattato". I due suggeriscono di identificare gli immigrati che hanno bisogno di protezione internazionale nei Paesi di origine o nei Paesi di transito prima di portarli in Europa, ovvero l'approcccio attualmente usato nella cooperazione con la Turchia. Lo scopo sarebbe di creare "un sistema istituzionalizzato di ricollocamento in Ue". Secondo Alfano e De Maiziere, inoltre, è necessario che i rifugiati vengano ripartiti sul territorio dell'Unione europea tramite il sistema di quote annuali e bisogna redigere una lista Ue di Paesi "sicuri" di origine e attivare un "robusto e coordinato meccanismo di rimpatrio europeo" per rimandare indietro i "migranti economici".

L'obiettivo del prossimo summit resta quello di "tornare a Schengen", blindare la frontiera esterna e così chiudere la porta della rotta balcanica che parte dalla Turchia. Da lì nel 2015 sono entrate 880mila persone nel 2015, 128mila nei primi due mesi di quest'anno. Un ritmo da oltre duemila al giorno.

Commenti

venco

Sab, 05/03/2016 - 11:45

I migranti, in quanto clandestini, vanno tenuti in campi chiusi, e non devono circolare liberamente.

agosvac

Sab, 05/03/2016 - 12:37

Ma veramente i burocrati dell'Ue possono pensare che l'Europa sia in grado di ricevere tutta questa gente??? In Europa non c'è più spazio neanche per gli europei stessi!!!!! Non c'è lavoro per gli europei, che lavoro può garantire l'Europa agli stranieri??? L'idea della merkel che i clandestini col loro lavoro possano pagare le pensioni ai residenti è solo una follia! La maggior parte delle aziende europee non solo non può dare lavoro ai profughi, ma addirittura cerca di ridimensionare il lavoro per gli stessi europei. Ma questi burocrati dell'Ue dove sono andati a scuola di economia, dal signor monti che di economia non ne capisce proprio niente?????

Ritratto di Quasar

Quasar

Sab, 05/03/2016 - 13:20

Unificare anche il sistema di espulsione...grandi traghetti di diecimila profughi per volta da sbarcare in turchia e libia. Se erano giunti fin li sapranno anche tornare alle loro aree di previa residenza. A

Ritratto di GIANCAGIO

GIANCAGIO

Sab, 05/03/2016 - 14:02

Non c'è da registrare un bel niente. C'È DA DIVULGARE L'INFORNAZIONE CHE... TUTTI I PAESI EUROPEI HANNO CESSATO QUALSIASI ATTIVITÀ DI BENEFICENZA, DI ACCOGLIENZA, DI RISTORO O OSPITALITÀ A TITOLO UMANITARIO... A CAUSA DELL'ECCESSIVO, INSOPPORTABILE E PREPOTENTE USO CHE NE È STATO FATTO FINORA. PREGO RIPROVARE FRA DIECI ANNI...

Ritratto di GIANCAGIO

GIANCAGIO

Sab, 05/03/2016 - 14:04

Nel caso non fosse passato il messaggio: Non c'è da registrare un bel niente. C'È DA DIVULGARE L'INFORNAZIONE CHE... TUTTI I PAESI EUROPEI HANNO CESSATO QUALSIASI ATTIVITÀ DI BENEFICENZA, DI ACCOGLIENZA, DI RISTORO O OSPITALITÀ A TITOLO UMANITARIO... A CAUSA DELL'ECCESSIVO, INSOPPORTABILE E PREPOTENTE USO CHE NE È STATO FATTO FINORA. PREGO RIPROVARE FRA DIECI ANNI...

lupo1963

Sab, 05/03/2016 - 14:10

Ho appena visto un servizio sul tg regionale bolscevico della Toscana su un convegno di zecche che si preparano ad "accogliere"le risorse ,delle quali si prevede un copioso raccolto.Ovviamente giovani alternative(maggioranza donne)tra questi parassiti,un paio di negretti a fare da comparse mute con la loro ottusa espressione da esseri inferiori,negrette mediatrici culturali che succhiano un po' di soldi pubblici.Il peggio.Nel loro "workshop"si preparano le attivita' da offrire per la prossima stagione turistica dei negri.Teatro,sport.Gli italiani pagano per andare in Kenya o Tanzania,invece noi ai negri paghiamo le vacanze all inclusive.

OttavioM.

Sab, 05/03/2016 - 14:24

I nostri politicanti sono gli unici che continuano a vaneggiare di sistemi fantasiosi per far arrivare altri clandestini,i veri profughi saranno il 6%,non hanno capito che questi immigrati nessuno li vuole perchè costano miliardi,se non trovano lavoro restano a carico del ns welfare,spesso creano degrado e insicurezza,aumentano la criminalità come a Colonia e hanno culture spesso incompatibili con la nostra.I clandestini non vanno redistribuiti,ma rimpatriati,meglio ancora smetterla di andarli a prendere in Africa.I profughi vanno accolti nei campi in Nord-Africa finita la guerra se ne devono tornare a casa loro.Questa follia che tutti i baldi giovani che non fuggono da nessuna guerra,possono fare i profughi a spese nostre deve finire.

milope.47

Sab, 05/03/2016 - 15:21

...infatti dopo due anni non sono ancora ...connessi!!.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Sab, 05/03/2016 - 15:38

Rimandarli indietro deve essere la priorità. nopecoroni.it

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 05/03/2016 - 16:01

Non e' un problema, si andra' in pensione a 90 anni e coi soldi dei contributi paghiamo il sollazzo dei negri e delle coop parassite.

Massimo Bocci

Sab, 05/03/2016 - 16:20

Rignano, di queste cose è maestro (in tuttologo) avete visto come pippola balle,con la mela (Apple) per prendere per le mele e truffare gli Italiani, lui faccio tutto io, tra un po' a compiere altri misfatti in quel di Libia, avrà proposto a mutande di lamierino ( un revival della marchiatura che i nazzi crucchi,facevano ai giudei, ma con il codice a barre) cosa ci vuole stampantina Olivetti (poco modificata 250• faranait) e zag un bel codice da piazzare dove si vuole (fronte, retro)cioè sulla fronte e sul deretano per la sicurezza Gay, e dei giubileo.

Una-mattina-mi-...

Sab, 05/03/2016 - 16:48

"Unificare il sistema di registrazione" NO, VA UNIFICATO IL SISTEMA DI RESPINGIMENTO e vanno cambiate leggi OBSOLETE fatte per contesti totalmente difformi e pretestuosamente applicate

Fradi

Sab, 05/03/2016 - 17:06

"Identificare gli immigrati che hanno bisogno di protezione internazionale nei Paesi di origine o nei Paesi di transito prima di portarli in Europa" Questo mi sembra lo stesso concetto espresso dalla Lega e FdI quando erano chiamati sciacalli o bestie.

linoalo1

Sab, 05/03/2016 - 17:12

Magari,se aspettavano ancora un po',il problema si risolveva da solo!!!Chiudendo le Frontiere dell'Europa,il Problema sarebbe già risolto,anzi,non esisterebbe proprio!!!