Un militare italiano della Legione straniera si uccide in Francia

Un legionario originario di Treviso è stato trovato morto oggi prima dell'alba a Breil-sur-Roya, non lontano dal confine italiano. Sembrerebbe un suicidio

Un militare italiano in forza alla Legione straniera è stato trovato morto questa mattina prima dell'alba a Breil-sur-Roya, in Francia. Secondo le prime informazioni si tratterebbe di un suicidio.

Secondo Nice_Matin, il ventiquattrenne originario di Treviso si sarebbe sparato con la propria arma, un fucile Fama d'ordinanza. Il corpo del giovane, di pattuglia con altri ter commilitoni nell'ambito dell'operazione antiterrorismo Sentinelle, è stato ritrovato non lontano dal confine italo-francese. Pare che fosse impegnato nel controllo della frontiera per prevenire passaggi illegali di migranti clandestini in arrivo dall'Italia.

Nel racconto del procuratore di Mentone Jean Michel Pretre, che indaga sulla morte del legionario, "nella notte i suoi colleghi hanno sentito un colpo di arma da fuoco e l'hanno ritrovato morto, con a fianco il suo fucile". Tuttavia secondo la stampa transalpina "nessun segno premonitore lasciava presagire il dramma". Il giovane militare italiano, celibe e senza figli, si era unito all'esercito francese poco più di un anno fa e apparteneva al 2° Reggimento Straniero di Saint Christol a Vaucluse.

Commenti

-cavecanem-

Mer, 13/09/2017 - 10:41

L'arma in dotazione e' il FAMAS. Lui faceva parte del 2eme REG, di Saint-Christol.