Minneapolis, il video dell'orrore: la morte in diretta su Facebook

In un video trasmesso in diretta su Facebook si vedono i poliziotti di Minneapolis sparare al conducente di un'auto di fianco alla sua fidanzata

Minneapolis, Minnesota, Usa. Una coppia di giovani afroamericani viene fermata per un controllo durante una gita in macchina. La polizia chiede i documenti al conducente, il trentaduenne Philando Castile. Al posto del passeggero siede la fidanzata, Diamond Reynolds. Con loro c'è anche la figlia di lei, che non avrà nemmeno una decina d'anni.

Castile spiega ai poliziotti di essere proprietario di un'arma, regolarmente detenuta e mette le mani in tasca per prendere il portafoglio. Quindi uno degli agenti apre il fuoco. Una, due, tre, quattro volte. Ferendolo a morte.

Una scena di ordinaria barbarie, negli Usa di questi anni convulsi. Ma c'è una novità: tutta la scena è stata filmata dalla ragazza che sedeva al posto del passeggero ed è stata trasmessa in diretta su Facebook.

Non solo per documentare l'orrore e lo sgomento di una morte in diretta, ma anche per chiamare aiuto, per documentare quanto stava succedendo e per condividere l'angoscia con i propri "amici" sui social network.

Nel video, crudissimo, si vede Castile riverso sul sedile del guidatore con la maglia bianca macchiata di sangue. Il poliziotto gli punta ancora l'arma addosso. Quindi sono riprese anche le scene dell'arresto della ragazza e poi una lunghissima, angosciante, sequenza, dal furgone della polizia. La donna ripete ossessivamente "la polizia ha sparato al mio ragazzo", ma senza perdere quasi mai la calma.

Il proposito di documentare quanto sta accadendo prevale su tutto. Così come la rabbia, il senso di impotenza, di una comunità afroamericana di Minneapolis e di tutti gli Usa che ha assistito in diretta all'ennesimo atto di violenza ai propri danni. E che anche grazie ai social network sa mobilitarsi. E rispondere. Purtroppo, a volte, anche con scellerata violenza che aggiunge nuovi morti ai vecchi morti.

Commenti
Ritratto di Valance

Valance

Ven, 08/07/2016 - 13:57

Direi che il poliziotto gli ha fatto un favore.

freud1970

Ven, 08/07/2016 - 13:59

TROPPO POTERE ALLA POLIZIA IN AMERICA...

Maura S.

Ven, 08/07/2016 - 14:05

la polizia USA è quella che è, ma anche gli afroamericani non sono degli angeli, perciò inutile prendere le parti sia di una che degli altri

Ritratto di Svevus

Svevus

Ven, 08/07/2016 - 14:47

Non appena giunto negli USA nel lontano 1970 mi avvisarono che nel caso fossi stato fermato per qualsiasi ragione dalla polizia avrei dovuto tenere ferme le mani sul volante come regola assoluta onde evitare fraintendimenti e problemi. Sembra che molti ancora oggi non si attengano a questa semplice regola.

luciano32

Ven, 08/07/2016 - 15:02

Ma che razza di persona è questa donna che mentre muore il suo uomo filma tutto e poi lo ritrasmette? Questo non è sangue freddo è incoscenza e menefreghismao

Boxster65

Ven, 08/07/2016 - 16:46

Davvero disperata la fidanzata.....

Ritratto di elkid

elkid

Ven, 08/07/2016 - 16:54

-----Svevus------poi quando gli agenti ti chiedono di mostrargli la patente ----tu la prendi dal cruscotto con la bocca---come le scimmie---ma sempre con le mani sul volante però------

Gianni Barbero

Ven, 08/07/2016 - 17:50

Ma che video strano! Il poveretto dichiara di essere armato,e poi mette una mano in tasca!!!Roba da suicidio. La ragazza fa la telecronaca come se si trattasse di una telenovela.

Ritratto di armandoesse

armandoesse

Ven, 08/07/2016 - 18:27

Resta sempre il fatto che il nero girava armato , non credo sia un dettaglio da poco , sapendo che gli afro sono spesso fatti e strafatti di alcol e di droga , vorrei sapere quanti poliziotti vengono uccisi o feriti da neri strafatti , sarebbe interessante saperlo, ma fa solo notizia quando sparano gli agenti e il povero negretto ci lascia la pelle.

Ritratto di mbferno

mbferno

Ven, 08/07/2016 - 18:51

Ma fatemi capire, il fidanzato sta crepando e questa qui invece di aiutarlo in qualche modo sta li a filmare tutto come fosse una cronista della CNN? Ma questa qui deve essere malata di social network.....

al43

Ven, 08/07/2016 - 18:54

Eppure è la stessa polizia che un giorno, e ne sono testimone oculare, si fermò davanti ad una bambina che li aveva salutati e per premiarla la portò a fare un giro o quelli che di pattuglia avvisarono mio figlio che il suo garage era aperto o che erano lungo le strade ad aiutare le auto ferme a causa della neve. La polizia ha dei pazzi al proprio interno, ma non possiamo generalizzare. Anche da noi un poliziotto ha ucciso un tifoso sparando dall'altro lato della strada. So che gli afroamericani provocano volutamente la polizia e molti di loro, pur conoscendo le regole di ingaggio, affrontano la cosa con spavalderia (anche il filmato se vogliamo ne è un esempio) poi di li a sparare ce ne passa naturalmente.

al43

Ven, 08/07/2016 - 19:27

Eppure è la stessa polizia che (sono stato testimone oculare) incontrando una bambina che li salutava si fermò ed in premio la portò a fare un giro sulla loro auto o che, passando in servizio di prevenzione, avvisò mio figlio che il garage era rimasto aperto o che aiutava gli automobilisti a bordo strada per la neve a rimettersi in viaggio. Fra i poliziotti ci possono essere dei matti (uno dei nostri uccise un tifoso sparando dall'altro lato della strada), ma gli afroamericani sono provocatori nati pur conoscendo le regole d'ingaggio della polizia. Fare gli spavaldi a buon mercato non premia mia (ed il filmato attesta questa spavalderia spinta quasi alla incoscienza) poi di li a sparare ce ne passa sempre..

forbot

Ven, 08/07/2016 - 19:44

Inizio a pensare che se non ci diamo tutti, ma proprio tutti, una bella calmata, finiremo ad ammazzarci l'un l'altro, anche per i più futili motivi. Cerchiamo di tener ben presente: I tempi, volendo o nolente, mutano per ogni generazione. Se abbiamo la fortuna ( ? ) di attraversare diverse generazioni, dovremo sforzarci a tenere il passo con le nuove leve ed adeguarci ai loro nuovi stile di vita, per non entrare in conflitto con l'intera società in continua evoluzione.. Non è facile ma dobbiamo sforzarci a farlo.

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Ven, 08/07/2016 - 20:14

Beh, se le cose stanno cosí, un atto di crudeltá inutile. Quel poliziotto non sa fare il suo lavoro. Un poliziotto deve agire ponderando bene ogni azione. Non si puo sparare solo perché questo mette la mano in tasca per estrarre il portafoglio. Aspetta , non puoi sparare all'impazzata. In ogni parte del mondo civile al poliziotto gli insegnano di sparare solo se la minaccia é reale ed imminente. Mettere le mani in tasca non é una minaccia reale e nemmeno imminente. Ma che ca770 gli insegnano !!!

Ritratto di thunder

thunder

Ven, 08/07/2016 - 22:37

Purtroppo una buona parte di neri sono strafottenti e questo sicuramente non aiuta,considerando la percentuale di carcerati afro e ispano che sono il 60% fate un po'i conti con chi deve far rispettare la legge.

Ritratto di elkid

elkid

Ven, 08/07/2016 - 22:47

------il fatto è uno solo ---il criterio di selezione delle forze dell'ordine in america è fatto malissimo----occorre gente eticamente preparata e fisicamente preparata---capace di sangue freddo e dosaggio dell'offesa al pericolo reale---io credo invece che molti poliziotti americani siano razzisti---non sono fisicamente preparati--le avete viste le pance?--ed in più coraggio zero---quando un policeman spara subito ---vuol dire che se la fa sotto altro che duro----hasta siempre

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Sab, 09/07/2016 - 02:02

Ho vissuto negli states per un certo periodo, in New Jersey, e devo dire che ció che afferma thunder é vero. Ho conosciuto pure poliziotti, anche di colore, i quali sono stati concordi unanimente nell'affermare che la gente di colore crea problemi di ogni sorta. Furti, risse, accoltellamenti, spaccio, sono protagonosti per la stragrande maggioranza gente di colore. E tutti questi soggetti, che vivono ai margini della legalitá, sono armati e non esitano un secondo a tirare fuori l'arma e sparare. Durante i controlli i nervi del ''cop''sono a fior di pelle e lo posso capire. C'é un detto: se vedi correre una gallina stanne certo che dietro c'é un negro che la insegue. Il che la dice lunga.

linoalo1

Sab, 09/07/2016 - 08:43

Si,va bene!Si vede questo,si vede quello!!Ma la vera Verità qual è???Il Poliziotto aveva,forse,Problemi Mentali??O ha sparato per reazione ad un qualcosa che noi non sappiamo??E poi:sicuramente,in un anno,verranno uccisi anche dei Bianchi!!Come mai,i Bianchi,non insorgono mai??Forse perché hanno ragione i Poliziotti???E' troppo facile criticare,senza conoscere la verità ed i loro sentimenti quando sono in Servizio e debbono affrontare un'Emergenza!!!Provate a mettervi nei loro panni!!E,solo poi,giudicate!!!

paolonardi

Sab, 09/07/2016 - 08:50

La vittima ha fatto una mossa stupida e manca il contesto nel quale l'ha fatta. E' ipotizzabile che non fosse cosa da poco perche' e' stato fermato con le armi spianate. Se fosse sceso dall'auto con le mani in vista non sarebbe successo niente.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Sab, 09/07/2016 - 09:49

Ognuno ha diritto di pensare e dire ciò che vuole. Detto questo, non si possono leggere certi commenti sugli afroamericani oppure su come questa donna sia senza cuore per aver filmato il tutto. Voglio far notare, che se non avesse filmato, la polizia americana (che io conosco bene nel loro modus operandi in quanto ho vissuto per anni negli USA ed ho visto che razza di gentaglia è) avrebbe negato tutto. Ora spetta al giudice sperando che applichi la legge a dovere. In anni di vita negli States non ho mai (e sottolineo MAI) avuto un problema con un afroamericano. Anzi, sono i primi a darti una mano all'occorrenza.

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 09/07/2016 - 10:07

Oggettivamente la situazione americana è all'opposto di quella italiana. Da noi la legittima difesa è regolarmente esclusa dalla magistratura e chi spara, per difendere se stesso e la propria famiglia, anche nella propria casa e di notte, è destinato ad essere incriminato, processato e molto spesso condannato per "eccesso". Invece negli SU i poliziotti sparano, uccidono e non vengono neppure incriminati. Sono ancora alla logica del far west. Due sistemi in diversa maniera sbagliati.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 09/07/2016 - 13:30

Omicidi insensati accuratamente ripresi in video.. e se fosse tutto organizzato proprio per far scatenare una guerra civile utile a giustificare l'annullamento di elezioni in cui non vincerebbe la Clinton ?

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Sab, 09/07/2016 - 19:21

Ausonio - La Clinton è sul menu purtroppo. Anche lo scandalo e-mail non l'ha eliminata. Ha sicuramente l'appoggio dei poteri occulti che dettano le regole del gioco. Trump se vince lo ammazzano sicuro, lei sarà la nuova presidente degli stati uniti (minuscolo d'obbligo). Qui lo scrivo e poi ci rivendiamo tutti a Novembre. Ok fellas?