"Mio figlio ha 7 anni e ci ha appena detto di essere gay"

Una ricerca fatta dall'università di San Francisco ha rivelato come l'età del coming out si sia abbassata di molto. E ci sono associazioni che aiutano i genitori ad affrontare la notizia

Una ricerca fatta dall'università di San Francisco ha rivelato come l'età del coming out, ovvero la dichiarazione volontaria di essere gay da parte di una persona omosessuale, si sia abbassata di molto. Se fino agli anni 2000 l'età media per comunicare la propria omosessualità a parenti e amici era intorno ai 22 – 23 anni, ora alcuni giovani lo fanno già a 13 anni. La professoressa Caitlin Ryan che ha preparato la ricerca attribuisce questo cambiamento ai nuovi mezzi che i ragazzi hanno a disposizione.

“Con la possibilità di fare ricerche su internet e avere una risposta da Google a un clic di distanza, la situazione è molto diversa – spiega la Ryan che ha creato l'associazione Family Acceptance Project per aiutare i genitori dei bambini gay ad affrontare la notizia – Grazie anche alla presenza di personaggi gay in serie tv e film, come Modern Family e Dallas Buyers Club, le persone si dichiarano prima perché rivedono loro stesse nei mass media”. Inoltre il nuovo modo di giornali e magazine di trattare la comunità LGBT (che comprende lesbiche, gay, bisessuali e transgender) e supportare le loro campagne per il riconoscimento di uguali diritti ha fatto sì che il pubblico diventasse meno ostile.

In questo modo i ragazzi non hanno più paura a dichiararsi gay e di conseguenza lo fanno anche prima dell'adolescenza. “Vengono molti genitori da me che non sanno come comportarsi – ha detto la Ryan in un'intervista – mi dicono: mio figlio ha 7 anni e ci ha appena detto di essere gay. Cosa dobbiamo fare? Dico sempre che la cosa migliore è supportarli. Potrebbero cambiare idea negli anni a venire o forse no, ma l'importante è dargli il sostegno di cui hanno bisogno ora, in questo momento”. Nei decenni passati molti gay preferivano non comunicare la loro sessualità per paura di discriminazioni e intolleranza, ma la nuova apertura della società contemporanea, visibile in primis nei prodotti culturali di massa, ha permesso a molti di fare coming out senza timore. E i bambini nati e cresciuti in questo nuovo periodo hanno potuto avvicinarsi molto prima alle tematiche gay, trovando risposte a dubbi e domande che in passato erano tabù. Con la professoressa Ryan collabora anche l'organizzazione Everyone is gay (Tutti sono gay) che ha fatto stampare il libro “Guida per genitori di bambini gay”. “Prima di questa generazione non esistevano coppie gay sposate o con bambini. Ma questo non vuol dire che ora i giovani siano diversi: semplicemente sono più consapevoli di ciò che sono già dall'adolescenza – conclude la professoressa – Se in passato un maschio dodicenne poteva domandarsi perché fosse così attratto dal suo migliore amico, un ragazzo di oggi può dire di essere gay ed essere accettato dai genitori e dai compagni di scuola”.

Commenti

linoalo1

Mer, 13/05/2015 - 16:22

Ricercatori dei miei stivali,però non siete ancora riusciti a scoprire la causa che fa diventare 'gay'!Visto che è una malformazione,non fisica di certo,ma psichica certamente,perchè non classificarla come una malattia?

SanSilvioDaArcore

Mer, 13/05/2015 - 16:30

Semplicemente nemmeno sa che vuol dire a 7 anni (sempre che la notizia sia vera...), ma a forza di sentirne parlare dappertutto in continuazione, dice di essere gay... così come quando escono un film dietro l'altro degli avengers va a dire di essere iron man... ha 7 anni...

java

Mer, 13/05/2015 - 16:32

Lo fanno per imitazione dei modelli sbagliati proposti dalla TV. Inoltre i gay sono intoccabili e chiunque cerca uno scusa per sentirsi superiore.

Ritratto di Ubidoc

Ubidoc

Mer, 13/05/2015 - 16:39

Se l'albinismo fosse una malattia pure l'omosessualità lo sarebbe. Sono entrambe stranezze della natura presenti in tutte le razze animali e congenite per cui non legate all'ambiente esterno.Gay si nasce .Punto e basta.

Mr Blonde

Mer, 13/05/2015 - 16:43

linoalo1 lei che disturbo ha?

umbro80

Mer, 13/05/2015 - 16:43

La rovina dei figli sono i mezzi di comunicazione. A 7 anni un bambino non sa neanche cosa è essere gay. Spegnete la televisione. Sono solamente confusi dai continui bombardamenti mediatici.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 13/05/2015 - 17:08

I primi frutti della pervicace opera di propaganda omosessualista.

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Mer, 13/05/2015 - 17:11

A 7 anni? Ma per favore!

Giacinto49

Mer, 13/05/2015 - 17:15

"Se in passato un maschio dodicenne poteva domandarsi perché fosse così attratto dal suo migliore amico, un ragazzo di oggi può dire di essere gay ed essere accettato dai genitori e dai compagni di scuola”. Deficiente, adesso si dovrà considerare con sospetto e interpretare in maniera volgare e morbosa anche l'amicizia?? Altro che scienziati, dopo una canna, a sparacchiare caz...e così sono bravi tutti!!!

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 13/05/2015 - 17:23

I primi luminosi frutti della pressante propaganda in TV...

Ritratto di ContessaCV

ContessaCV

Mer, 13/05/2015 - 17:30

Spero che la notizia non sia vera, comunque non credo che un bimbo di 7 anni sappia cosa vuole dire essere gay a meno che non viva con due babbi o con due mamme e che passi il tutto il giorno piazzato davanti ad un televisore invece di giocare come dovrebbero fare i bambini.

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Mer, 13/05/2015 - 17:33

Ma che bello! Vendola e Luxurio saranno andati in visibilio! Quanti anni hai? Sette. Cosa vuoi fare da grandey? Il frocetto!

Ritratto di RobyPer

RobyPer

Mer, 13/05/2015 - 17:46

In che mondo ho fatto nascere mia figlia. Sono altamente preoccupato per lei.

Ritratto di semovente

semovente

Mer, 13/05/2015 - 17:51

Come affrontare la notizia, ma siete pazzi? Siete all'avanguardia secondo i soloni il ricchionesimo è il futuro. Non lamentatevi, siete stati baciati dalla natura (matrigna).

eureka

Mer, 13/05/2015 - 17:56

A 7 anni non credo proprio che i bambini sappiano il loro futuro indirizzo sessuale (forse non sanno neppure che cos'è). Non sarà piuttosto che famiglia e scuola indirizzano i ragazzi su questa strada facendo vedere loro che è normale andare con persone dello stesso sesso solo perché qualche genitore non vuole sfigurare nel frequentare egli stesso persone dello stesso sesso? Tornate ad insegnare che la famiglia e' fatta da uomo e donna è che un bambino ha bisogno di mamma e papà come riferimenti non di sapere quale sarà in futuro il suo indirizzo sessuale.

pilandi

Mer, 13/05/2015 - 23:30

bah andrea indiano a 7 anni aveva detto di voler fare il giornalista...ma non è che c'è riuscito...

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Gio, 14/05/2015 - 12:02

Beh, a 7/8 anni mi facevano già emozionare le bambine. Credevo di essere stato l'inventore del gioco del dottore, il cui "studio" era in un armadio o in un ripostiglio. Allora non conoscevo la parola eterosessuale, però dicevo sempre alla mamma quale bambina mi piaceva. Poi, quando ho fatto sul serio, me ne sono stato bello zitto. Intendo dire che può essere credibile la dichiarata tendenza omosessuale del bambino. Non ci farei troppi ricami sopra, però. Sekhmet.

precisino54

Gio, 14/05/2015 - 13:33

3° invio; Escludo che almeno sotto i dieci anni si possa avere idea della propria sessualità. Ritengo invece molto più concreta la possibilità che queste "presunte esternazioni" siano figlie del continuo bombardamento dei media. In ogni caso le tendenze sessuali ritegno siano determinate dallo sviluppo ormonale che non è appena abbozzato a quell'età. Qualche ricercatore dovrebbe evitare di esprimere teorie dopo aver assunto sostanze psicotrope. L'ulteriore aspetto della pubblicazione di un testo per i genitori di figli gay denuncia il vero problema: farsi pubblicità! Un genitore che abbia la giusta sensibilità non ha bisogno di nessuno che gli spieghi come relazionarsi con il proprio figlio e di sicuro non può dirglielo chi non conosce la personalità del medesimo. Se poi non ha questa sensibilità non è di certo un libro che potrà mai dargliela!

cgf

Gio, 14/05/2015 - 16:15

lo ha detto allo stesso modo convinto come quando un bambino di sette anni asserisce di essere l'uomo ragno? curate i genitori, non il bambino.

little hawks

Ven, 15/05/2015 - 11:28

Quel bambino di 7 anni avrà certo parlato con qualche adulto che gli avrà spiegato ben bene quello che non sapeva e che nemmeno si immaginava! Ecco quell'adulto per me è un grande sporcaccione!

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 15/05/2015 - 12:38

Ciò implica che il fanciullo ha una vita sessuale attiva e precoce.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 15/05/2015 - 12:39

L'adulto che ha fatto l'apologia della turpitudine andrebbe portato in manicomio.