Mondiali di calcio, navi da guerra a protezione di Sochi

Oltre venti navi da guerra proteggeranno la costa dal confine con l'Abkhazia fino a Sochi durante il Campionato del Mondo di calcio

La Flotta del Mar Nero, così come avvenuto lo scorso anno per la Confederations Cup, proteggerà Sochi da possibili attacchi costieri durante il Campionato del Mondo di calcio. E’ quanto riporta il quotidiano Izvestia. Le navi da guerra della Marina russa provengono dalle basi di Sebastopoli, Novorossijsk e Anapa: proteggeranno la costa dal confine con l'Abkhazia fino a Sochi. Il Cremlino ha allestito tre perimetri di sicurezza per fronteggiare diversi scenari.

Il primo perimetro di sicurezza affidato all'FSB

A ridosso della costa agirà il servizio marittimo della guardia di frontiera, parte integrante dell’FSB. Come consuetudine, il servizio segreto della Federazione Russa agirà indipendentemente e coordinerà i distaccamenti spetsnaz della Flotta del Mar Nero posti alle sue dipendenze. Gli spetsnaz saranno schierati sulle motovedette blindate ad alta velocità Raptor Progetto 03160. Ogni Raptor può imbarcare fino a 22 soldati completamente equipaggiati. Risulta già in pattugliamento alle dipendenze dell’FSB la Unarmeec Kryma, nave anti-sabotaggio classe Grachonok Progetto 21980. Le forze speciali russe saranno responsabili della ricognizione del fondo marino e se necessario, saranno le prime ad ingaggiare sabotatori subacquei ed incursori che dovessero infiltrarsi sulla costa nella regione di Sochi

Il secondo perimetro di sicurezza

La Marina russa sarà responsabile del secondo e terzo perimetro di sicurezza

Da Novorossiisk risulta in navigazione una corvetta Classe Grisha III Progetto 1124M. Nella base di Novorossiisk sono schierate tre corvette Classe Grisha III Progetto 1124M: la Povorino, la Yeisk e la Kasimov. Le unità sono inquadrate nella 181a divisione antisom della 184a brigata. Da Sebastopoli risultano in navigazione tre unità: la R-334 Ivanovets (corvetta missilistica classe Tarantul Progetto 1241.1 Molnija della 41a brigata), la Kovrovets 913 (dragamine classe Natya Progetto 266M Akvamarin-M) e la Muromets, corvetta Classe Grisha III Progetto 1124M. La Muromets è inquadrata nella 400ª Divisione antisom della 68a brigata. La PZHS-123, nave di soccorso con capacità antincendio classe Katun si trova già nella regione di Sochi.

Il terzo perimetro di sicurezza

Si tratta di un rischieramento concepito per fronteggiare possibili (ma improbabili) scenari di fascia alta. In pattugliamento una delle due fregate missilistiche classe Admiral Grigorovich, progetto 11356. Nel Mar Nero risultano operative la capofila Admiral Grigorovich e la Admiral Essen. La Admiral Makarov potrebbe essere richiamata dal Mar Rosso solo in caso di emergenza. La classe Admiral Grigorovich è progettata per operare nel Mar Nero e nel Mar Mediterraneo. Per la flotte del Nord e del Pacifico, l'Ammiragliato russo predilige la classe Admiral Gorshkov Progetto 22350. Le navi da guerra della classe Admiral Grigorovich hanno un dislocamento di 4.000 tonnellate, una velocità di 30 nodi per pattugliamenti di 30 giorni. Si basano sulla tecnologia modulare utilizzata per le fregate indiane costruite in Russia, la classe Talwar. Da queste ultime ereditano le caratteristiche stealth dello scafo per ridurre la RCS e gli accorgimenti per ridurre la segnatura acustica. Sono equipaggiate con i nuovi sistemi modulari di difesa aerea Shtil, ritenuti in grado di intercettare diverse minacce stratificate. Cacciatorpediniere lanciamissili classe Kashin-Mod e fregate missilistiche classe Krivak Progetto 1135 Burevestnik saranno implementate nell’ultimo perimetro difensivo.

I mondiali di Russia inizieranno ufficialmente il prossimo 14 giugno. La fase a gironi si giocherà in undici città: Kaliningrad, San Pietroburgo, Mosca, Nizhny Novgorod, Kazan, Saransk, Samara, Ekaterinburg, Volgograd, Rostov e Sochi. Presso il Fisht Olympic Stadium di Sochi giocheranno Germania, Spagna, Portogallo, Belgio, Panama, Australia, Perù e Svezia. La Coppa del Mondo si concluderà il 15 luglio.