Mosca schiera l’Armata missilistica

Oltre 4mila esercitazioni militari previste per quest’anno. Dopo la flotta del Nord tocca ai missili nel Sud Est

Nella parte sud-orientale della Russia europea, in una vasta zona degli Urali meridionali, occupata dalla regione di Orenburg, si starebbero tenendo le esercitazioni delle forze missilistiche strategiche russe. Secondo quanto annunciato dal Ministero della Difesa russo, le attività addestrative dureranno fino al 4 aprile 2015. Nel corso delle esercitazioni saranno verificate le capacità delle unità e la prontezza operativa in linea con il programma di addestramento per le truppe dell’Armata Missilistica Strategica. Nell’esercitazione saranno coinvolti oltre 3.500 soldati russi con l'obiettivo principale di migliorare le prestazioni operative dei comandanti e ufficiali di tutta la catena di comando, e di migliorarne le competenze pratiche nell’ambito delle task force e delle unità in caso di minaccia imminente o di un attacco terroristico vero e proprio.

Nello scenario delle esercitazioni sono incluse operazioni simulate per il dispiegamento rapido delle unità e delle divisioni nei luoghi dove dovranno affrontare gli eventi delle emergenze. Sempre secondo il Ministero, un’attenzione particolare sarà rivolta all’addestramento che sarà condotto sotto la supervisione del Comandante in capo delle forze missilistiche strategiche, Colonello Generale Sergey Karakayev. L’armata Missilistica di Orenburg è dotata di sistemi di missili balistici intercontinentali RT-2PM (nome in codice NATO SS-25 Sickle con una gittata di 10.000 km ed in grado di trasportare una testata nucleare) e R-36М Voyevoda (nome in codice NATO SS-18 Satan con una gittata tra i 10.000 e i 16.000 km capace di trasportare testate nucleari). Nei primi mesi di quest’anno, in diverse aree della Russia, si sono svolte altre esercitazioni secondo il piano annunciato, lo scorso dicembre, dal Ministero della Difesa russo che prevedeva di condurre almeno 4.000 esercitazioni militari in tutto il paese nel 2015. Nel mese di marzo sono stati effettuati altri test sulla prontezza operativa di diversi reparti/unità tra cui la flotta del nord, elementi del distretto militare occidentale e truppe aviotrasportate, coinvolgendo 38 mila soldati, 3.360 veicoli militari, 41 navi e 15 sottomarini e 110 aerei ed elicotteri. Secondo il Ministero della Difesa russo lo scopo delle manovre era quello di verificare il livello di preparazione della Flotta del Nord e varie formazioni nell’Artico russo contro eventuali scenari bellici.

Le numerose manovre militari russe, su larga scala, decise da Mosca sono senz’altro il risultato del deteriorarsi dei rapporti con l’Occidente sin dalla fine della guerra fredda a causa della crisi in Ucraina e in risposta alle varie esercitazioni annunciate dalla NATO per quest’anno. Infatti è prevista, per il prossimo autunno, un’imponente attività esercitativa della NATO che coinvolgerà molte forze, come non si vedeva da anni. L’esercitazione si chiamerà “Trident Juncture 2015” (TRJE15) e sarà la più grande esercitazione NATO dalla fine della Guerra fredda. Vedrà la partecipazione di forze aeree, terrestri, navali e di forze speciali in grado di essere schierate rapidamente nelle operazioni ovunque sia necessario.

Elvio Rotondo

Country Analyst del think tank “Il Nodo di Gordio”

www.NododiGordio.org

Commenti
Ritratto di stock47

stock47

Gio, 02/04/2015 - 13:28

Questo è il risultato che quel pazzo di Obama ha ottenuto andando a dare fastidio a una superpotenza come la Russia. Più passa il tempo e più l'operatività e capacità dell'armamento russo migliorano. L'islamico Obama ci ha infilato di nuovo nella Guerra Fredda in cui gli unici che hanno da guadagnare sono gli islamici.

Ritratto di Alsikar.il.Maledetto

Alsikar.il.Maledetto

Gio, 02/04/2015 - 14:08

Spireranno legittimi venti di guerra laddove la diplomazia avrà esalato l'ultimo suo respiro di ipocrisia.

tatoscky

Gio, 02/04/2015 - 14:43

Ma quando se ne va questo abbronzato buono a nulla e stolto? Lui manda armamenti all'Ucraina, creando sciagure e danni economici notevoli a noi, stando a 10.000 km di distanza. Lo sa l'abbronzato che i migliori scienziati sono in RUSSIA?

gianrico45

Gio, 02/04/2015 - 15:16

L'Abbronzato è solo una marionetta in mano alla vera politica espansionista americana.Speriamo che vinca la ragione altrimenti saranno guai per tutti.

gianrico45

Gio, 02/04/2015 - 15:18

Correzione"Politica espansionistica"

Ritratto di electro

electro

Gio, 02/04/2015 - 15:30

Non sò voi come la pensate, ma per quanto mi riguarda non mi schiero ne con Obama ne con Putin. Se entrambi hanno deciso di ricominciare a giocare a Risiko , facciano pure, basta che ci lascino tutti fuori dalla loro partita......

Ritratto di stock47

stock47

Gio, 02/04/2015 - 15:58

electro, lei sogna a occhi aperti. Una guerra termonucleare riguardrebbe tutti quanti, non solo le esplosioni ma le radiazioni si diffonderebbero per ogni dove, distruggendo tutto e tutti.Se le capita si veda il vecchio film "il Dott. Stranamore" oppure "wargames". Noi come italiani facciamo parte della Nato, siamo alleati con gli USA, se scoppia il casino siamo i primi a ricevere "notizie". Forse lo ignora ma un solo missile porta 12 ogive termonucleari che si diffondono in caduta libera su diversi obiettivi e del tutto irragiungibili. Un solo missile con 12 bombe termonucleari può tranquillamente far sparire l'Italia dalla faccia della Terra. I giovani di oggi non si rendono conto di cosa vuol dire una guerra del genere. La fine della razza umana e di ogni forma di vita sulla Terra.

CALISESI MAURO

Gio, 02/04/2015 - 17:42

molti sono incavolati con l'abbronzato, ma e' da mo che non conta niente, il vero potere sta' da ben altri parti. Aveva ragione un uomo intelligente come il Komeini, definendo gli Usa il grande satana, purtroppo una nazione composta da ignoranti o teleguidati... come la nostra,. ci aspettano guai grossi, non pensavo che finisse cosi. Ma d'altronde.. la razza umana attualmente e'composta di numeri la cui somma a questo punto da somma negativa.

mariolino50

Gio, 02/04/2015 - 17:56

Il negretto della casa bianca forse confonde la Russia con la Libia, gli avranno detto che i missili exsovietici ora sono sotto Putin, e che se usano quella roba li facciamo la fine dei dinosauri, oppure davvvero non capisce niente. Davo del guerrafondaio a Bush figlio, ma questo è forse peggio, dimostrazione che i presidenti americani sono tutti della stessa razza, carogne matricolate.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 02/04/2015 - 23:41

Come dargli torto visto che quell'incosciente DI PREMIO NOBEL PER LA PACE AMERICANO, sta fornendo armi ai nazisti ucraini? Ora si capisce come mai l'Obama era simpatico alla sinistra. LORO SI ALLEANO SEMPRE CON GLI INCAPACI. I simili si attraggono.

alox

Gio, 02/04/2015 - 23:52

Stai a vedere che a Karakayev gli parte il missile, naturalmete e' stato l'occidente a provocare l'invasione Russa!Da uno psicopatico come Putin c'e' da aspettarselo sara' l'inzio della fine e come Hitler gli studieremo la dentiera!