La mossa dell'Ue contro la Grecia per tagliarla fuori da Schengen

La Commissione: "Da Atene gravi carenze nei controlli alle frontiere". È il primo passo per attivare l'articolo 26

Alla fine potrebbe vincere la Germania: ora anche la Commissione europea ha attaccato la Grecia accusandola di non fare abbastanza per contenere l'ingresso dei migranti in Europa.

La riunione dei commissari Ue, "dopo una lunga discussione" ha infatti approvato il rapporto sullo stato delle frontiere esterne in Grecia, in cui si evidenziano "serie persisteni carenze" riscontrate nei confronti delle autorità di Atene. La verifica delle frontiere è il primo dei quattro passaggi che potrebbero portare all'attivazione del famigerato articolo 26, quello che ripristinerà i controlli alle frontiere interne per un massimo di due anni.

"Da novembre ci sono stati dei progressi, ma resta ancora da fare", ha detto il vicepresidente della Commissione Ue Valdis Dombrovskis, "Atene sta seriamente trascurando i suoi obblighi nel processo di identificazione, registrazione e controlli sulla base del Sistema di informazione Schengen (Sis), ma anche negli standard di accoglienza e sui rimpatri".

Il rapporto dovrà essere valutato dal Comitato Schengen. Se le violazioni saranno confermate, la Commissione europea dovrà proporre alla Grecia un piano di azioni con raccomandazioni per risolvere il problema entro tre mesi, alla fine dei quali si potrà proporre al Consiglio Ue di attivare l’articolo 26.

Sul fronte immigrazione, intanto il vicepresidente della Commissione Ue Jyrki Katainen è pronto a "sostenere con forza l’idea" di un piano Juncker per la crescita nei Paesi di origine dei profughi. Ma aggiunge che in merito "non c’è stata discussione alla riunione dei commissari". Fonti Ue spiegano che l’idea è uno dei modi a cui si guarda per contribuire alla stabilità.

Annunci

Commenti
Ritratto di Willy Wonker

Willy Wonker

Mer, 27/01/2016 - 14:50

E una vergogna!!!! Prossimo obiettivo sarà l'itaglia!!

venco

Mer, 27/01/2016 - 14:52

Ma se la Grecia li tratta come vanno trattati allora viene accusata di trattarli male, e viene punita comunque, e gli danno pure la multa

dare 54

Mer, 27/01/2016 - 15:07

obblighi nel processo di identificazione, registrazione e controlli, standard di accoglienza e rimpatri. Attenzione Governo, potremmo essere i prossimi (se già prima non sorpasseremo la Grecia!)

MEFEL68

Mer, 27/01/2016 - 15:08

Se la UE prende in esame le nostre carenze nei controlli alle nostre frontiere, ci caccia via a calci. Se poi si accerta che abbiamo pure favorito e voluto l'ingresso dei migranti, ci cita pure per danni. Crolla così il mito dell'accoglienza e quella assurda e bugiarda uscita di Renzi "Abbiamo fatto capire all'Europa che sull'immigrazione avevamo ragione noi". Pure presuntuoso.

dare 54

Mer, 27/01/2016 - 15:09

obblighi nel processo di identificazione, registrazione e controlli, standard di accoglienza e rimpatri. Attenzione Governo, potremmo essere i prossimi (se già prima non sorpasseremo la Grecia!). Oppure, diteci cosa stiamo facendo in merito!

glasnost

Mer, 27/01/2016 - 15:17

Ma per caso il nostro governo fa qualcosa di diverso dai greci? Non lasciamo passare tutti i clandestini inclusi i "migranti climatici"? Basta palle!

Carlo_Rovelli

Mer, 27/01/2016 - 15:20

In realta' la Grecia non ha fatto altro che vendicarsi. Contro una UE cosi' crudele con i Greci, il minimo era lasciar passare in Europa tutta la feccia umana che ci ritroviamo. Ecco il risultato della mancanza di solidarieta' da parte dei Tedeschi e degli altri: prendetevi tutti questi milioni di migranti, tie'. Al posto dei Greci, io sarei passato al Rublo e avrei permesso ai Russi di piazzare basi aeree e navali nell'Egeo.

GGuerrieri

Mer, 27/01/2016 - 15:22

Il bello è che coloro che tollerano questo infame traffico di esseri umani, e quindi ne sono in buona parte responsabili, cioè il criminale regime turco di erdogan, si apprestano ad incassare qualche miliardo di Euro di "premio", tra cui trecento milioni di tasca nostra. A questo punto se io fossi la Grecia, farei veramente saltare il "banco" come l'Argentina a suo tempo...

Maura S.

Mer, 27/01/2016 - 15:23

Se la grecia chiudesse le frontiere ai migranti per respingerli in mare da dove sono venuti, come dovrebbe fare l'Italia, quale sarebbe la reazione dell'UE.

naussa

Mer, 27/01/2016 - 15:41

Ho avuto piu' volte l'occasione di dire che vivo in Grecia, da anni. E posso onestamente dire e ripetere che i Paesi della "piccola, elitaria e sconcia Unione E." ancora una volta dimostrano e confermano il chiaro intendimento di "arraffare" tutto il possibile nei Membri UE piu' deboli e poi disfarsi del...problema. Chi vive qui vede e sa le cose come vanno ed il comportamento di "quelli di Bruxelles" e' da considerarsi ignorante e sconcio. Venire, vedere e poi giudicare.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Mer, 27/01/2016 - 15:44

In questa unione di interessi economici i paese di confine sono utizzati come materassi.La germania ed i paesi del nord europa si prendono la prima scelta fatta di ingegneri a basso costo,agl'altri che vengono seguendo le voci che da noi c'è la paghetta e nessuno ti prende l'impronta,sembra la cuccagna,dove si beve,si mangia e si tromba a costo zero.Siamo un popolo di pecoroni che meritiamo tutto questo perchè subiamo passivamente quelli come renzi-no che governano senza il mandato elettorale degl'elettori.nopecoroni.it

Royfree

Mer, 27/01/2016 - 16:16

Cioè. Non solo i Greci sono in profonda crisi ma devono accogliere questa gente, salvarli dai naufragi, accudirli, schedarli e inevitabilmente tenerseli cari cari in casa propria. Questi so davvero numeri.

Raoul Pontalti

Mer, 27/01/2016 - 16:49

Premesso che il "famigerato" articolo 26 è quello del cd codice frontiere Schengen (alias Regolamento CE 562/2006) e non dell'accordo di Schengen (che è un trattato fra Stati e non un regolamento UE), va detto che il predetto articolo non significa affatto quanto prefigurato nel testo giornalistico, posto che proroga semplicemente quanto previsto dagli artt. 24 e 25 e soprattutto che rileva è l'art. 29 il quale rinvia, in caso di adozione delle procedure dei citati artt. 24, 25 ed eventualmente 26, alle disposizioni di cui al titolo II del codice concernenti i controlli alle frontiere esterne, con tutto ciò che tale rinvio comporta (controlli esasperanti alle frontiere interne come fossero quelle esterne). Ma c'è di più: che la Grecia sia posta fuori dell'area Schengen o rimanga dentro non cambia nulla per gli altri paesi, poiché non hanno frontiere terresti comuni con la Grecia.

Ritratto di Rames

Rames

Mer, 27/01/2016 - 16:54

Non c'è forza.Punto.Ieri il direttore del tg3 Bianca Berlinguer quasi giustificava il fatto, lasciando intendere con raffinata maestria questo problema in Grecia, compatendoli del fatto che gia di loro sono messi male per tante ragioni...e che significa?Perchè la politica sembra essere allergica alle maniere dure?I migliori risultati verso i propri figli li hanno sempre ottenuti genitori severi.Ma voi pensate che l'America si mette al bordo di confine e con un sorrisetto fa entrare i messicani?Si, questi scappano dalla guerra ok,ma perchè dobbiamo pagare noi?Questa è la domanda da un milione di dollari.Perchè noi?

Ritratto di Loudness

Loudness

Mer, 27/01/2016 - 16:56

Ahahahhahha che ridere... se li rimandi indietro sei razzista e ti sanzionano, se li fai entrare ti bannano dal circolo e ti sanzionano... ahahahhahahahha Ma quando usciamo da questa porcheria, eh compagniucci sinistrati dei miei stivali?

wotan58

Mer, 27/01/2016 - 16:57

Mefel68, parole sacrosante. Date le circostanze non solo è sacrosanto chiudere le frontiere, ma anche sanzionare duramente i paesi che disattendono i trattati. Nel caso dell'Italia dovremmo fare la conta nominativa. Chi vuole le risorse si deve fare interamente ed integralmente carico degli enormi costi

linoalo1

Mer, 27/01/2016 - 16:58

Che banda di incapaci!!!Prima l'hanno tanto voluta ed adesso.....!!!!

apostrofo

Mer, 27/01/2016 - 17:13

O facciamo le identificazioni, così restano nel nostro paese visto che non li vuole nessuno, oppure non li identifichiamo e l'Europa ci punisce chiudendo tutte le frontiere per 2 anni (per cominciare) e bloccando gli ingressi dall'Italia. Risultato, comunque la metti, tutti i migranti che arrivano resteranno in Italia. Ma il governo fa finta di non vedere e continua a "salvare".Solo ieri 1711 "salvati". Ora Alfano incomincia a preoccuparsi. E' tardi ! ma proviamo a chiudere il chiudubile anche noi, S U B I T O !!

mila

Mer, 27/01/2016 - 17:43

@ wotan58 -Che cosa vuol dire "disattendere i trattati"? Secondo i trattati e i "valori" europei tutti i clandestini vanno salvati e accolti. Poi magari si prendono le impronte, ma cmq devono restare tutti nei Paesi del Sud Europa, perche' quelli del Nord chiudono le frontiere (quelle con l'Italia o la Grecia, non certo le frontiere esterne, perche' la UE ha paura delle motovedette libiche e tunisine)

sparviero51

Mer, 27/01/2016 - 17:54

IL PRINCIPALE RESPONSABILE. DI QUESTO TSUNAMI UMANO IN EUROPA E' QUEL BACCALÀ DI enrico letta E LA SUA IRRESPONSABILE OPERAZIONE " MARE NOSTRUM " DECISA UNILATERALMENTE DAL suo governo SENZA PRIMA COORDINARSI CON GLI ALTRI STATI E CHIEDENDO POI SOLIDARIETÀ E AIUTI A DISASTRO AVVENUTO!!!

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 27/01/2016 - 18:16

sparviero51 - Non si offenda ma a lei manca l'ABC della comprensione del problema. Letta, Monti, Renzi e gli altri non decidono nulla. Sono solo burattini. I governi in occidente sono pupazzi. Il burattinaio sta dietro le quinte.