Narwhal, il cane-unicorno nato con un codino al centro della fronte

Il vetrinario ha confermato che la seconda coda, cresciuta in mezzo agli occhi, non è collegata a ossa né organi: il cucciolo non la può muovere e non gli dà alcun fastidio

Un cagnolino-unicorno. È stato rinominato così un cucciolo nato con una seconda piccola coda al centro della fronte, in mezzo agli occhi.

A sole 10 settimane, il cagnolino è stato abbandonato dai suoi padroni, ma un centro speccializzato del Missouri, il Mac's Mission, lo ha portato in salvo e accudito. Lo staff del centro, che si occupa soprattutto di animali con particolari esigenze e straordinarie caratteristiche, ha chiamato il cucciolo Narwhal (Narvalo). Il nome richiama quello di un grosso cetaceo, che al centro della fronte ha un unicorno.

La foto del cucciolo nato con una seconda cosa in mezzo agli occhi è stata pubblicata sulla pagina Facebook del centro e, in poco tempo, è diventata virale e condivisa in tutto il mondo.

Lo scorso martedì, Narwhal è stato portato dal veterinario, per capire se il codino sulla fronte avesse qualche particolare funzione nell'organismo del cucciolo. I raggi X hanno rivelato che la coda non è supportata da nessun osso, il che significa che il cagnolino non può agitare e spostare la coda. Inoltre, la protuberanza sulla fronte non ha alcun collegamento con gli organi, quindi non ha alcuna utilità. "Tutti hanno detto che sembra una coda che non si è sviluppata completamente, come se avesse tentato di assorbire un gemello e non ha funzionato fino in fondo", ha affermato Rochelle Steffen, a capo della Mac’s Mission. Il cucciolo è stato dichiarato in buona salute. Lo staff del centro ha dichiarato di voler lasciare la seconda coda intatta: l'avrebbero tagliata solamente se si fosse rivelata un problema per Narwhal.

"Tutti vogliono vederlo", riferisce lo staff del centro, che ancora non concede a nessuno di adottarlo, perché prima vuole assicurarsi che la coda non diventi un problema nemmeno con la crescita.

Il Mac's Mission è specializzato nel salvataggio e nella cura di animali con caratteristiche particolari, che "non avrebbero possibilità da nessun'altra parte". Steffen ha raccontato all'Indipendent di essersi presa cura di un cane con cinque zampe, un bassotto con tre, animali ciechi e sordi. Ma non avevano mai visto nulla di simile al codino si Narwhal.