Nei piani cinesi un tunnel sotto l'Everest

Una sfida ambiziosissima. A progetto completato, una ferrovia collegherà Pechino e Kathmandu, favorendo turismo e commercio

Il monte Everest visto dal Nepal

L'imbocco della galleria sarà nel Tibet controllato dai cinesi e la fine in Nepal. Un progetto ambiziosissimo nei piani di Pechino, che mira a collegare i due Stati anche grazie a una galleria scavata sotto il Monte Everest.

Sarà una ferrovia a correre nel traforo, per collegare la capitale cinese con Kathmandu, correndo sotto la catena montuosa con le cime più alte al mondo e con in mente di dare una forte spinta al turismo e al commercio tra Cina e Nepal.

È il quotidiano cinese China Daily a raccontare del progetto, chiarendo che comunque non sarà pronto prima del 2020 e senza svelare troppi dettagli. Per costruire la lunga galleria, i cinesi potrebbero rivolgersi al Vecchio continente, prendendo spunto dal tunnel del Gottardo.

Commenti

Alessio2012

Ven, 10/04/2015 - 10:28

Che schifo! Non c'é più rispetto nemmeno per i patrimoni dell'umanità. Questi cinesi, che piacciono tanto ai comunisti italiani, sono come le cavallette.

Ritratto di Alsikar.il.Maledetto

Alsikar.il.Maledetto

Ven, 10/04/2015 - 10:36

E si stia pur sicuri che i Cinesi lo faranno! Mica stiamo in Italia dove, per costruire qualcosa per la Comunità, bisogna fronteggiare i No-Tav, i No-questo e i No-quello, fino al punto di dover cedere a questi esaltati? Lì, in Cina, non perdono tempo con eventuali manifestazioni contrarie al progetto: manganellate ben assestate, feriti in ospedale, arresti di massa (e in galera ci rimangono per anni!), qualche morto che ci scappa, e si tira avanti per il Bene della Comunità. Mica stiamo in Italia!

linoalo1

Ven, 10/04/2015 - 10:46

E,lo stesso succederebbe,se noi Italiani facessimo il Ponte Sullo Stretto!Berlusconi,da Bravo Imprenditore,vedeva giusto sulle Grandi Opere!Opere che,obbligatoriamente,prima o poi,verranno fatte!E,purtroppo per noi,per colpa dei soliti Ignorantoni,verranno fatte solo poi!Ma ci pensate?Se la costruzione del Ponte Sullo Stretto,fosse iniziata quando l'aveva detto Berlusconi,quest'anno,secondo le previsioni,ossia il 2015,doveva essere l'anno dell'Inaugurazione!Pensate solo ai Vantaggi Economici Continui che ne avrebbe avuto l'Italia!

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Ven, 10/04/2015 - 11:31

Non ditelo ai NO-TAV, sennò fanno casino anche per quello! Sekhmet.

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Ven, 10/04/2015 - 11:34

Dimenticavo: sarà pronto nel 2020, cioè tra cinque anni. Altro che i nostri tira e molla, per poi lasciare le opere incompiute. Sekhmet.

Ritratto di kinowa

kinowa

Ven, 10/04/2015 - 12:09

In Italia sarebbe impensabile.

Albius50

Ven, 10/04/2015 - 12:35

E si che bisogna dirlo ai NO TAV anzi sono disposto a pagargli il biglietto di solo andata; il ritorno non serve ci pensano i CINESI a risolvere il problema e la UE non è in grado di imporre quella legge sulla tortura; d'altra parte sono lesti a condannarci ma per i nostri MARO' silenzio completo.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Ven, 10/04/2015 - 12:38

Tibet controllato dai cinesi? il Tibet è Cina da secoli. Semmai è sbagliato come la Cina tratta i tibetani, quello innegabile.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Ven, 10/04/2015 - 13:19

Non si chiama Everest, nome dei colonialisti inglesi, bens^ Chomolungma, nome tibetano.

killkoms

Ven, 10/04/2015 - 21:47

@aliksar il maledetto,l'Italia è una(mediocre)dempctazia e la cina no!e questa è la sostanziale differenza!gli eventuali"no tav" cinesi,se si permettevano di fare la metà di quello che fanno i nostri"abusatori di democrazia",se"sopravvivevano",si ritrovavano incatenati nei tunnel della stessa (la tav) con l'obbligo di scavarli col piccone..!

Ritratto di stock47

stock47

Ven, 10/04/2015 - 22:42

Un'opera del geneere per andare in Nepal? Gatta ci cova! I vicini è meglio che stiano lontano, soprattutto quando sono così di mano lunga.

Ritratto di stock47

stock47

Ven, 10/04/2015 - 22:42

Un'opera del geneere per andare in Nepal? Gatta ci cova! I vicini è meglio che stiano lontano, soprattutto quando sono così di mano lunga.