"Evitare le gite scolastiche". Europa sconsigliata agli studenti

Renzi lancia l'appello: "Chiudersi in casa vorrebbe dire darla vinta ai professionisti del terrore". Ma cade nel vuoto. Israele stoppa le gite scolastiche in Europa. Ed è allarme crescita

Il terrorismo islamico e la paura scatenata dagli attacchi di Parigi minacciano la fiducia dei cittadini europei e potrebbero minare la ripresa, ancora esposta a rischi a livello internazionale e non abbastanza robusta da reggere a troppe scosse. Quello lanciato dal ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, non è un vero e proprio allarme quanto un invito, condiviso in pieno dal premier Matteo Renzi, a non farsi prendere dal panico, a non cambiare abitudini di vita (e di spesa) e, sopratutto, per quanto riguarda le istituzioni e il governo, a non farsi cogliere impreparati da eventuali ripercussioni, anche economiche, del clima negativo seguito alla strage dell'Isis. Eppure, nel timore di nuovi attentati il ministero israeliano dell'Istruzione sconsiglia adesso vivamente alle scolaresche di recarsi in visita nella maggiori capitali europee.

Renzi condivide la preoccupazione che questo clima pesante possa bloccare il percorso di ripresa già avviato in Italia dei consumi interni. Tuttavia, sottolinea che "il messaggio che l’Italia può dare è quello positivo di ripartenza, certo senza sottovalutare i rischi che ci sono". "Non sottovalutiamo niente. - si affretta a precisare - certamente c’è un clima diverso rispetto a quello di un mese fa, anche nelle attese dei consumatori. Ma la vera questione oggi - conclude parlando delle stime pil - non è certamente come finisce il dato dello zero virgola, su cui peraltro confermiamo al momento le previsioni, ma una grande scommessa identitaria e culturale. Cioè che se l’Italia, se l’Europa si chiude in casa, hanno vinto loro, ha vinto quelli che vogliono il terrore". Eppure, aldilà dei buoni propositi, la paura cresce. Dalla serata di venerdì 13 novembre qualcosa, però, è innegabilmente cambiato. Tanto che si moltiplicano le veline che invitano i turiti a non visitare le capitali europee. I primi a lanciare l'allarme erano stati gli americani. Adesso, a stretto giro, è la volta degli israeliani. "Gli istituti scolastici che malgrado l’avvertimento ufficiale intendessero egualmente inviare scolaresche in Europa - ha avvertito oggi il ministero dell'Istruzione - faranno bene ad evitare le città maggiori, a non ricorrere ai trasporti pubblici e a non consentire in alcun caso agli allievi di spostarsi da soli". Questi provvedimenti non riguardano esclusivamente la Polonia dove, invece, proseguono le consuete visite studio di scolaresche israeliane nelle località dove si è compiuto lo sterminio di ebrei nella Seconda Guerra Mondiale.

Commenti

lorenzovan

Dom, 29/11/2015 - 21:38

sai che problema economico per la "fuga" delle scolaresche israeliane...he he he....certo che sono piu' sicure in israele...he he he..la gli arabi hanno solo coltelli

alox

Dom, 29/11/2015 - 21:44

L'Italia non da' garanzie di nessun tipo! Siamo un Paese pseudo-occidentale con la chiara intenzione di allearsi alla Dittatura Sovietica! Sarebbe un bene per Voi del giornale in quanto il regime vi permettera' di continuare e avrete salva la vita non sara' cosi' per i Vostri colleghi!

Ritratto di Rames

Rames

Dom, 29/11/2015 - 21:45

Eravate pecore in mezzo ai lupi,siate dunque prudenti come serpenti e puri come colombe.

vincenzo

Dom, 29/11/2015 - 21:50

Non è che si stava meglio quando si stava peggio?Purtroppo è la prima cosa che viene in mente!Non è questa l'Europa che si sognava,neanche lontanamente!Se uno non può andare a teatro per paura di essere fatto prosciutto da primitivi venuti dalle caverne,allora meglio quelli con gli stivaloni!8

ziobeppe1951

Dom, 29/11/2015 - 21:59

Dopo una lauta indigestione di clandestini e potenziali terroristi, adesso arrivano le purghe

Italiano_medio

Dom, 29/11/2015 - 22:24

Ben gli sta alla UE, è tempo che inizi a capire che non esite solo la borsa e le Banche tedesche.

Kosimo

Dom, 29/11/2015 - 22:32

solo le capitali sono insicure, il resto dell'Europa è tranquillo

ziobeppe1951

Dom, 29/11/2015 - 22:35

@alox...siamo già in dittatura NaziStalinista

jeanlage

Dom, 29/11/2015 - 22:49

Renzi si consoli. L'Europa è ancora una meta ambitissima per gli Asiatici e gli Africani, specie i maomettani ed i tagliagole. Poi a noi che ci frega, i terroristi li combattiamo a colpi di cultura!

istituto

Dom, 29/11/2015 - 22:57

Anche il buon Magdi Cristiano Allam si é adeguato al politicamente corretto. In una intervista ad una rete televisiva privata anziché dire :"egiziani,marocchini,iracheni,tunisini" che uccidono europei, se ne é uscito anche lui con :"Europei di fede islamica (!) che uccidono altri europei !" Eh già, ma se fossero VERI EUROPEI e NON MEDIORENTALI ISLAMICI,non ucciderebbero gli altri europei...Siamo sempre lì. In quanto mediorentali non saranno mai ,non dico europei ma neanche sudamericani,asiatici od altro. Non si integreranno mai e tenderanno sempre con la forza e l'inganno a conquistare le terre dove emigrano o li portano da loro come l'Italia con la sua Marina Taxi.

gigetto50

Dom, 29/11/2015 - 22:59

.....e come non cambiare certe abitudini....prendiamo i mercatini di Natale. Dove andare? Trentino si scarta dopo scoperta covo di personaggi a dir poco strani oltretutto sostenuti socialmente con i soldi di noi contribuenti. Parigi, Francia? Meglio di no, ovviamente. Stesso discorso Belgio. Svizzera? Ci dicono che dalla Francia sono stati dirottati tutti a Montreux e quindi...chissa'....vero che la Svizzera é neutrale ma non si sa mai. Morale....meglio stare a casa. Oltretutto si risparmia.

Ritratto di pravda99

pravda99

Dom, 29/11/2015 - 23:01

Gli israeliani stessero a casa loro, nessuno ne sentira` la mancanza, ma se proprio devono venire vadano tutti a casa di Adriano Romaldi, quello psicotico con la suora/shalom.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Dom, 29/11/2015 - 23:20

È lui per primo che la dà vinta ai professionisti del terrore. Di che cavolo ciancia se continua a far entrare nel nostro paese centinaia e centinaia di clandestini al giorno? DI CHE CIANCIA SE A MERANO DEI TERRORISTI ERANO SOVVENZIONATI DALLO STATO? Cosa aspetta a capire quanto sta accadendo? QUANDO FARANNO UNA STRAGE ANCHE DA NOI?

Lugar

Lun, 30/11/2015 - 08:38

Questo si sapeva già. Quello che non si vuole vedere e che l'Europa ha iniziato il suo percorso di autodistruzione. Cosa può succedere ancora? E' semplice, se si continua così si ripristineranno le frontiere, aumenterà la diffidenza nei confronti degli immigrati con aumento degli attentati, di conseguenza il crollo delle economie. Ricordo che non si può integrare un popolo con usi e costumi diversi in un tempo così breve. Questi processi di integrazione hanno bisogno di molto più tempo e una duilizione dei flussi immigratori tanto da permettere un assorbimento più naturale.

Blueray

Lun, 30/11/2015 - 10:26

Come sempre dice solo scontatezze. Quale messaggio di ripartenza se il livello di fiducia dei cittadini è bassissimo e quello della sicurezza percepita (e reale) è nei tacchi?