Ora nasceranno bimbi da tre genitori diversi

Il Regno Unito sarà il primo Paese al mondo ad avere bambini con tre genitori

Una biologa estrae embrioni congelati da un contenitore di azoto liquido

Il Regno Unito sarà il primo Paese al mondo ad avere bambini con tre genitori biologici. La Camera dei Comuni ha approvato la legge che consentirà a usare il dna di tre persone nella fertilizzazione in vitro. In questo modo sarà possibile prevenire le malattie mitocondriali. La metodologia prevede l'unione dei gameti di padre e madre con l'apporto extra di dna mitocondriale da una terza persona, una donna. I primi bambini con questa tecnica potrebbero nascere già nei primi mesi del 2016.

Westminster ha votato al termine di un dibattito di novanta minuti. La nuova legge è stata approvata da ben 382 parlamentari appartenenti a tutti gli schieramenti. Solo 128 i deputati che hanno votato contro. Si calcola ora che circa 150 coppie all’anno potranno beneficiare delle nuove tecniche, con una metodologia che ha incontrato negli ultimi mesi, tuttavia, una strenua opposizione da una parte del mondo scientifico e della politica. Il rischio secondo gli oppositori è che si arrivi in futuro a designer baby, bambini progettati su misura. Un’altra parte della scienza sostiene invece come questo sia l'unico modo per prevenire pericolosissime malattie genetiche. "La donazione dei mitocondri - stimano gli esperti - potrebbe aiutare in teoria circa 2.500 donne che nel Regno Unito presentano difetti genetici e che possono trasmettere malattie quali diabete o distrofia muscolare".

Commenti

TurboC

Mar, 03/02/2015 - 18:28

che schifo.. ma l'adozione è forse passata di moda?

Ritratto di ohm

ohm

Mar, 03/02/2015 - 18:45

Perfetto! A quando i bambini nati da un'orgia....chissà come saranno sani! Penso che anche Dio ne ha le tasche piene.....

Ritratto di stenos

stenos

Mar, 03/02/2015 - 20:15

La nostra civilta sta finendo. Questo non è progresso, e' degenerazione. ,

Ritratto di stenos

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mer, 04/02/2015 - 00:54

Nessuno si preoccupa di cosa penseranno quei bambini, una volta cresciuti, di essere frutto di combinazioni biologiche di cellule di varia provenienza. SI SENTIRANNO DEI PRODOTTI BIOCHIMICI FIGLI DI NESSUNO?

roberto.morici

Mer, 04/02/2015 - 07:26

A quando le "Cooperative di procreazione"?