Ora il New Yorker fa polemica: "In Italia troppi simboli fascisti"

Il settimanale progressista contro l'architettura del Ventennio: "Perché non è stata ancora abbattuta?". Rampelli: "Razionalismo studiato in tutto il mondo"

Di questi tempi, in America, se la prendono parecchio con le statue. Se non stanno a insudiciare quelle di Cristoforo Colombo, accusando il navigatore genovese di razzismo e genocidio, vanno a prendersela con i monumenti fascisti in Italia. Il New Yorker ha, infatti, pubblicato un servizio in cui chiede velatamente l'abbattimento di tutti i simboli del Ventennio. Una provocazione che, come fa notare il Giorno, ha scatenato pesanti critiche sul web. Sono stati infatti molti gli utenti che hanno fatto notare alla redazione del settimanale progressista il diverso approccio alla Storia che c'è tra l'Italia e gli Stati Uniti.

"Perché così tanti monumenti fascisti sono ancora in piedi in Italia?" è il titolo dell'articolo pubblicato da Ruth Ben-Ghiat sull'ultimo numero del New Yorker. La docente di Storia e Studi italiani presso la New York University punta il dito contro tutta l'architettura del Ventennio. Se la prende, per esempio, con il Foro Italico. Attacca brutalmente il Palazzo della Civiltà Italiana all'Eur bollandolo come una "reliquia di una aberrante aggressione fascista" che viene "celebrata come un'icona modernista" e criticando Fendi per averlo trasformato nel proprio quartier generale. E, uscendo da Roma, va a fare le pulci a tutti quegli edifici costruiti durante l'epoca fascista ed entrati nello skyline delle città italiane.

"È un dibattito molto provinciale", commenta Fabio Rampelli, capogruppo di Fratelli d'Italia alla Camera (e architetto), a Radio Cusano Campus. "Le opere d'arte in quanto tali non hanno appartenenza ideologica - spiega - se il New Yorker si interroga sul Colosseo Quadrato e sul quartiere Eur, noi potremmo interrogarci sulle schifezze che sono collocate a Washington, compresa la Casa Bianca. La Casa Bianca è uno scopiazzamento di altri monumenti nel mondo". In ogni città del nostro Paese esistono esempi di architettura razionalista, studiate in ogni parte del mondo. "Oggi, invece, si fanno degli oggetti architettonici che vadano bene in qualsiasi parte del pianeta, sono indistintamente uguali - continua Rampelli - da qui a un secolo non ci sarà più alcuna differenza tra tutte le opere d'arte, sarà tutto uguale. Quest'ideologia massificatrice mortifica le diversità e quindi le identità specifiche di ogni popolo".

Commenti

Tuthankamon

Mar, 10/10/2017 - 10:03

Evidentemente hanno qualche contatto in parlamento a Roma. L' "ulivo mondiale" è sempre all'opera! Il mantra progressista attuale è l'iconoclastia. In ogni caso non c'è ignorante più grande di chi vuole esserlo.

DIAPASON

Mar, 10/10/2017 - 10:20

questi falsi progressisti americani hanno una modo piuttosto singolare di approcciarsi con la storia, forse sono le riminiscenze del vergognoso sterminio rimasti impuniti che i loro nonni e bisnonni hanno perpetrato verso i nativi americani.

Ritratto di UnoNessunoCentomila

UnoNessunoCentomila

Mar, 10/10/2017 - 10:38

L'architettura del ventennio è semplicemente meravigliosa!!!

Giorgio Rubiu

Mar, 10/10/2017 - 11:04

#UnoNessunoCentomila - L'architettura del ventennio non è necessariamente meravigliosa ma è rappresentativa di un epoca, così come lo sono stati altri stili da sempre. Liberty (o Art Nouveau), Impero, Chippendale, Neoclassico, Tudor, ecc. Nessuno si è mai sognato di far annullare lo Stile Impero che era in voga nel periodo Napoleonico e sappiamo tutti quanto Napoleone sia stato inviso a tantissimi.

dredd

Mar, 10/10/2017 - 11:06

Ma che vogliono questi?

Ritratto di Antero

Antero

Mar, 10/10/2017 - 11:07

Nell'Aula del Congresso U.S.A. vi sono ben visibili due splendidi Fasci Littori .... quelli li lasciano ?

maurizio50

Mar, 10/10/2017 - 11:08

Ovviamente gli scrivani del New Yorker vorrebbero che per l'Italia ci fosse un tripudio di bandiere rosse, falci e martello dappertutto e ritratti dei buoni compagni Marx & Engels, Lenin & Stalin, Mao Tse Tung e Ciu En Lai; posto d'onore per Che Guevara. Poveri dementi, cialtroni, ignoranti!!!!

osco-

Mar, 10/10/2017 - 11:16

perché non radono al suolo la Casa Bianca e l'intera città di Washington edificate secondo simbolismi massonici? la stessa Costituzione degli USA è piena di richiami massonici.

Beaufou

Mar, 10/10/2017 - 11:20

In America potrebbero più utilmente pensare ai fatti propri, invece di dire scemenze sui monumenti italiani. Se c'è un popolo che non dovrebbe neanche aprir bocca su quest'argomento, è proprio quello americano, ignorante e grezzo quant'altri mai... Ahahah.

Ritratto di mircea69

mircea69

Mar, 10/10/2017 - 11:21

Bigotti all'ennesima potenza. Neanche gli ottomani sono arrivati a tanto: Pur essendo mussulmani, a Istanbul non hanno demolito Hagia Sophia.

sibieski

Mar, 10/10/2017 - 11:32

ma chi se ne frega del new yorker? pensino alle loro magagne che sono parecchie

Zizzigo

Mar, 10/10/2017 - 11:41

La "docente" (?) forse beve gasolio, invece di whisky? Ma vada a giuocare a briscola con Stalin!

VittorioMar

Mar, 10/10/2017 - 11:42

...ANCHE QUESTI SONO RIMASTI BAMBINI CAPRICCIOSI...PIAGNONI ...ISTERICI..VIZIATI ...IGNORANTI ....PREPOTENTI !!..CHI NON HA STORIA NON HA GLORIA !!!..SIETE VUOTI "CULTURALI" A PERDERE !!...RASSEGNATEVI !!...I N V I D I O S I !!!

AndreaT50

Mar, 10/10/2017 - 11:44

I simboli del ventennio sono ancora lì per ricordarci che cosa é stato, nel bene e nel male, l'avventura fascista in Italia, se venissero tolti sarebbe come negare la storia e la storia insegna altro che abbattere. Si facciano i fatti loro.

Ritratto di CaptainHaddock

CaptainHaddock

Mar, 10/10/2017 - 11:47

Gli "Amerocani", nazione senza storia e senza futuro...

dagoleo

Mar, 10/10/2017 - 12:39

Questa Ruth Ben Ghiat che non so bene che origini abbia (credo ebraiche o arabe dal nome che porta), dovrebbe piuttosto pensare alla sua nazione. Facciamo così. Noi faremo quello che lei propone quando gli USA restituiranno tutta la terra rubata nei secoli ai pellerossa, dalla scoperta di quelle terre da parte nostra (Colombo) ad oggi, quindi in pratica tutti gli Stati Uniti. Abbandonando le idiozie, Il fascismo ha costruito uno stile architettonico unico ed inconfondibile. Gli USA non hanno mai costruito nulla di originale, hanno solo scopiazzato opere ed idee altrui creando porcherie di ogni genere. Diciamo che questa giornalista ha perso un'altra buona occasione per starsene zitta.

giannide

Mar, 10/10/2017 - 13:13

Dove c'è la sede del New Yorker, un tempo c'era un accampamento di Nativi Americani...

lavieenrose

Mar, 10/10/2017 - 13:51

mai come in questo caso il "capra, capra, capra" di Sgarbi è ben detto. Ma pensino all'architettura loro che il più delle volte è oscena e lascino le bellezze altrui in pace. Capra, capra, capra!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

cabass

Mar, 10/10/2017 - 14:12

Il problema è l'esatto contrario: ne sono rimasti troppo pochi.

Ritratto di abj14

abj14

Mar, 10/10/2017 - 14:26

Antero 11:07 - Infatti, al Congresso USA il loro Presidente parla tra due fasci talmente giganteschi che Mussolini se li sognava; se li vede Boldrini e/o Fiano invieranno una nota di protesta, o magari no. – Mi è piaciuto (eufemismo) il commento di tale Flavia R. Idà, San Francisco su " La Voce di New York (http://www.lavocedinewyork.com/news/primo-piano/2015/05/10/perche-tutti-quei-fasci-in-america/) da cui estraggo il finale : "Forse in America i fasci littori di mussoliniana memoria si possono spiegare in una statua eretta nel 1850, su una moneta coniata nel 1910 [n.d.r. con scritta E*PLURIBUS UNUM], nello stemma di un’agenzia federale fondata nel 1930 [n.d.r. in piena Era Fascista]; - segue 2/2

PAOLINA2

Mar, 10/10/2017 - 14:33

osco-: perche' i massoni chi sono? Fascisti che si nascondono sotto altre spoglie.

DRAGONI

Mar, 10/10/2017 - 14:44

CHE GUARDINO ALL'INTERNO DEL LORO PAESE OVE NEL MEMORIAL A LINCOLN SI POSSONO AMMIRARE I "FASCI" SCOLPITI SULLA SEDIA SU CUI E' SEDUTO IL PREDETTO PRESIDENTE!!

Ritratto di abj14

abj14

Mar, 10/10/2017 - 14:46

Consiglierei questa tale Ruth Ben-Ghiat, nella sua commovente opera risanatrice, di guardare anche in Francia magari sintonizzandosi con Fiano e Boldrini affinché i loro rispetti paesi (Italia e USA) inviino una nota diplomatica di acida (a mo' Boldrini) protesta alla Francia e, allo stesso tempo, ingiungano a qualche valido magistrato italico e/o yankee di incriminare la Repubblica Francese per aver adottato come suo stemma un maestoso Fascio Littorio su sfondo azzurro posto su due rami di quercia e ulivo. Mi aspetto anche inviino una perentoria ingiunzione ai rispettivi Ministri degli Interni, o equipollenti, di espellere dall'Italia e dagli USA tutti i possessori di passaporto francese poiché su di esso pavoneggia un fantastico Fascio Littorio che disturba i loro sonni.

giovanni235

Mar, 10/10/2017 - 15:06

E in America troppi giornalisti scemi.Ma ci penserà,spero,Trump a raddrizzare loro la schiena.

Ritratto di abj14

abj14

Mar, 10/10/2017 - 15:12

Se distruggessero le opere del regime fascista (fisiche e sociali), non so cosa resterebbe in Italia. Fortunatamente e per ora, si sono accontentati di cambiare i nomi (all'insegna del "Io faccio, Tu blateri") come Littoria/Latina, Ponte Littorio/Ponte della libertà (VE), oppure togliere i simboli. Un esempio, il faro della Vittoria di Trieste (terzo al mondo per portata di luce, dopo quello di New York e Tokyo). Hanno scalpellato via i fasci che si trovavano ai lati, ma … li hanno scalpellati così bene che l'orma rimasta attira ancor più l'attenzione. Vedi varie foto su google. - Se il ridicolo fosse un virus letale, questa tizia & consimili, sarebbero a spingere il radicchio da un bel po'. – P.S. Prego non dimenticare di togliere i fasci da tutti i tombini dell'acquedotto pugliese e, già che ci siamo, togliere anche l'acquedotto.

effecal

Mar, 10/10/2017 - 16:24

devono aver parlato con l'anpi

acam

Mar, 10/10/2017 - 16:34

ci passavo davanti tutti i giorni quando andavo a scuola cercarono di cancellare sia il Mussolini sulla stele sia il dux sulla base dopo alcuni mesi si lasse la correzione alcuni anni dopo fu ripristinata, non divenni fascista ma neanche li odio, fu quel che fu ci restano scuole che non crollano, ed intere città, territori bonificati chiedete al New York time se possiamo distruggere tutto ciò, forse anche il Colosseo va distrutto perché duemila anni fa la dentro succedevano stragi orrende, i polli stanno ancora ridendo fateli arrosto.

giovanni PERINCIOLO

Mar, 10/10/2017 - 17:05

Farebbero meglio a occupârsi dei milioni di nativi americani che hanno depredato e ucciso oppure ai crimini commessi in Iraq ieri e in Afghanistan oggi!

MarcoTor

Mar, 10/10/2017 - 17:18

Aspetta che per accontentare voi idioti ci mettiamo a demolire mezza Italia.. andate ad asciugare gli scogli.

Ritratto di abj14

abj14

Mar, 10/10/2017 - 20:31

2/2 - ma è inspiegabile al giorno d’oggi un Congresso e un Presidente degli Stati Uniti riuniti in una sala dominata da un simbolo che ormai evoca solamente il capitolo più inglorioso della storia d’Italia. Non sarebbe ora che persone di buona volontà rimuovano i fasci dal Campidoglio americano?" - - - NO, esimia (?) Flavia R., sarebbe ora che a gente complessata, ottusa e incolta come lei venisse un travaso di bile così devastante da rendevi innocui per i prossimi 20 anni. – - - Concerning Ruth : Dear [?] Ruth Ben-Ghiat, why don't you mind your own American dirty lousy business instead of babbling idiocies and brainlessness on Italian matters ? – Please and kindly, VFC one-way ticket. - - - P.S. – Anche A. Lincoln, seduto si appoggia su due fasci, so what, scalpelliamo i fasci così quello cade e batte la testa ? – Massa di Idioti. – (3° invio)---

killkoms

Mer, 11/10/2017 - 09:02

detto da chi fa ancora case di legno!a furia di fare i sinistri si sfocia nel ridicolo!

killkoms

Mer, 11/10/2017 - 23:01

ha (avrebbe) studiato storia italiana,ma senza capirci un c()o!