Panama Papers, ombre sulla Cia: "Usava i servizi dello studio Fonseca"

Nuove ombre si addensano sugli Stati Uniti. La Cia avrebbe utilizzato servizi forniti dallo studio Mossack Fonseca per azioni coperte. Invischiati anche i servizi segreti di Arabia Saudita, Colombia e Ruanda

Nuove ombre si addensano sugli Stati Uniti. Secondo la Sueddeutsche Zeitung, la Cia avrebbe utilizzato servizi forniti dallo studio Mossack Fonseca per azioni coperte. Tra queste ci sarebbe anche l'Irangate che, tra il 1985 e il 1986, coinvolse vari alti funzionari e militari dell'amministrazione dell'allora presidente Stati Uniti, Ronald Reagan, accusati dell'organizzazione di un traffico illegale di armi con Teheran su cui vigeva l'embargo. Gli agenti avrebbero fondato società di comodo per operazioni coperte, in modo da poter agire senza dare nell'occhio.

"I Panama Papers danno una nuova visione negli affari di una decina di personaggi ambigui che da decenni sono sospettati di agire nel circuito del servizio di sicurezza - scrive la Sueddeutsche Zeitung - e molti avrebbero aiutato la Cia, anche se gli interessati smentiscono". Nella lista dei clienti di Mossack Fonseca, la società panamense al centro delle rivelazioni dei Panama Papers, ci sarebbero servizi segreti di vari Paesi, compreso la Cia. Secondo la Suddeutsche Zeitung, "agenti segreti e suoi informatori hanno utilizzato in gran misura i servizi offerti dall'ufficio" panamense. Secondo il giornale tedesco, il primo ad avere ottenuto il dossier, "alcuni agenti hanno fatto aprire delle società-schermo che servivano a dissimulare le loro attività. Tra questi agenti fugurano anche degli intermediari vicini alla Cia".

Tra i clienti di Mossack Fonseca, secondo il quotidiano di Monaco, figurano anche "alcuni artefici" dello scandalo Iran-Contras degli anni '80. Nei Panama Papers, continua il Sueddeutsche Zeitung, figurerebbero anche "responsabili di alto rango, attuali e passati, dei servizi segreti di almeno tre paese: Arabia Saudita, Colombia e Ruanda". Tra i nomi emersi dal dossier, anche quello di Kamal Adham, ex responsabile dei servizi segreti sauditi, morto nel 1999 e che "passava per essere uno dei principali interlocutori della Cia" in Medio Oriente.

Commenti
Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Mar, 12/04/2016 - 16:11

Ma dico state scherzando spero?! Ma se non c'è neppure un nome americano dietro sto scandalo che COSA VUOL DIRE?? Sveglia Caxxo!!

Ritratto di Nazario49

Nazario49

Mar, 12/04/2016 - 16:15

Gran bella presa in giro il motto della CIA: "E voi conoscerete la verità e la verità vi renderà liberi".

milope.47

Mar, 12/04/2016 - 16:21

...Dopo aver " vinto " la guerra fredda gli USA si comportano da ameriCANI. In pratica si ritengono padroni del mondo e, per raggiungere i loro scopi, utilizzano qualunque strumento per colpire coloro che gli sono ancora " contro ". A questa verità, tanti non ci vogliono ancora credere. Non resta che dare tempo al tempo.

michetta

Mar, 12/04/2016 - 16:32

Ma, sai quanto gliene puo' frega' agli Stati Uniti, che, gli altri, hanno scoperto anche questa bella chicca!? L'hanno scoperta, ed allora? Che fa' l'Europa, per esempio, gli dichiara guerra? Lo facciano! A mbecilli! Gli USA, fanno quello che vogliono! Da sempre! Noi, che non abbiamo mai saputo un caxxo, continuiamo a....scoprire i morti che camminano, come per esempio, gli affari sporchi degli ammiragli della Marina Italiana a scopi opportunistici di carriera! Oppure, le pensioni troppo alte o troppo basse! TUTTI AL VOTO!!!

Votantonio311

Mar, 12/04/2016 - 16:37

Mah... non era tutta una macchinazione della CIA per screditare Putin? E per screditare Putin hanno scelto giusto giusto chi forniva le coperture per i LORO affari di comodo? :D :D

KAVA

Mar, 12/04/2016 - 16:51

E allora? Credo che nessuno possa credere che la CIA usi Montepaschi o Banca Etruria per spostare il grano no?

Ritratto di SAXO

SAXO

Mar, 12/04/2016 - 16:54

Le nuove ombre che si addensano ,presto spariranno d incanto.Il regime mondialista atlantista mettera tutto a tacere.Il criminals intelligence agency(C.I.A)sono gli artefici della farsa mediatica organizzata per screditare Putin e chi gli da fastidio enormemente nelle loro trame geopolitiche nel mondo.

mister_B

Mar, 12/04/2016 - 17:00

Si però voi del Giornale vi dovete un pò mettere d'accordo con voi stessi. Prima erano tutte balle messe in giro dalla Cia per screditare il vostro mentore Putin. Ora nei SergioRame papers salta fuori che la Cia faceva servizi sotto copertura. Quindi è tutto vero. Nel suo articolo qui in basso, tale Giampaolo Rossi dice che sono tutte frottole solo per colpire Putin. Mettetevi d'accordo, perchè ho il leggero sospetto che i files sono veri o falsi a seconda della convenienza della redazione.

sergione41

Mar, 12/04/2016 - 17:15

Per screditare Putin ci voleva tutta questa bagarre che, peraltro è una sorpresa solo per chi vive sulla Luna, non poteva bastare il suo passato di VERO comunista che ha fatto carriera, diventandone anche il capo, all'interno di una organizzazione sicuramente famigerata e con tanti scheletri nell'armadio come il suo contraltare la Cia? Osservazioni?

Nik88nk

Mar, 12/04/2016 - 17:27

Come al solito si cerca di intorbidire le acque dicendo tutto ed il contrario di tutto. Per avere un'idea ragionevole di come stiano le cose basta farla facile: una società panamense fornisce un servizio di creazione do società di facciata per scopi leciti e meno leciti. Essendo un "paradiso fiscale" i ricchi si rivolgono a questa società per scopi leciti o per evadere le tasse. Fra i ricchi ci sono calciatori, imprenditori, politici...ed un musicista amico di Putin che deposita 2 miliardi...è più credibile che Putin rientri nella categoria "ricchi e potenti delinquenti" oppure che guadagni effettivamente 150.000$/anno come dicono i dati ufficiali 2014?

agosvac

Mar, 12/04/2016 - 17:38

L'unica cosa di rilievo in quest'articolo è che sono gli "amici" tedeschi( ma sono poi tanto amici???) che cercano d'inguaiare gli Usa!!!

Happy1937

Mar, 12/04/2016 - 18:25

Niente di nuovo sotto il sole: il padre del fondatore, importante membro delle SS hitleriane, a Panama si riconverti' in spia della CIA.

sergione41

Mar, 12/04/2016 - 18:29

@Nik88nk Non è questo il punto. Quanto guadagna o quanti soldi ha Putin e dove li mette non me ne frega un accidente! Non sono risposte che deve dare a noi. Quello che trovo intollerabile è che ora venga osannato dimenticando il suo passato da vero comunista e certamente nemmeno narrabile ad un nipotino, soltanto perchè è stato sdoganato da Berlusconi. Ma da questo orecchio molti non ci sentono!

sergione41

Mar, 12/04/2016 - 18:34

@ KAVA Se traduco bene, intendi dire che i paradisi fiscali, di cui Panama è uno dei tanti, ci devono essere e sono benvenuti? Insomma, ma che c'entra nel contesto?

KAVA

Gio, 14/04/2016 - 11:23

@sergione41 ..mi pare che l'articolo citi presunte operazioni segrete della CIA finanziate attraverso, appunto, lo studio panamense. Su questo punto non vedo nulla di strano, né di poco etico. Il contesto mi pare sia ESATTAMENTE questo. Del resto non ho mica detto che i paradisi fiscali sono "belli". Ho solo detto che, se ci sono, mi pare scontato e per nulla né strano né deprecabile che li usino i servizi....se già li possono usare i privati! (quello si che è deprecabile)