"Il papa cerca nell'islam un alleato contro la globalizzazione"

Il viaggio di Papa Francesco negli Emirati Arabi Uniti rappresenta già un passaggio storico. Ma quali saranno gli effetti concreti? Intervista al professor Alberto Ventura

Il viaggio di Papa Francesco negli Emirati Arabi Uniti fa già parte della storia della relazioni tra confessioni religiose. Per comprenderne la portata e i possibili effetti, abbiamo intervistato il professor Alberto Ventura, già membro della Commissione Nazionale delll'Unesco in rappresentanza del Belpaese, islamista per l'Università Orientale di Napoli e, tra le altre cose, direttore della collana dedicata agli studi islamici della Mondadori.

Il documento per la Fratellanza sottoscritto dal papa e dal grande di imam Al Azhar è nello spirito del Concilio, ma cosa rappresenta per il mondo islamico?

"Il documento è certamente condivisibile da parte della maggioranza dei musulmani. Resta però il fatto che, così come avviene fra i cristiani, non tutti la pensano allo stesso modo e gli inviti alla pace e al rispetto reciproco possono rimanere delle aspirazioni ideali più che diffondersi concretamente nella coscienza collettiva. Il documento si rivolge soprattutto ai governanti e ai poteri politici, che in genere si dimostrano poco sensibili a questo genere di promozioni".

C'è il rischio che gli Emirati Arabi abbiano inviato il papa per "rifarsi il look" ?

"In queste iniziative c’è sempre un lato “diplomatico”, e la grande copertura dell’evento fatta dai media è senz’altro finalizzata anche a un’operazione di immagine, di cui peraltro può beneficiare lo stesso Vaticano".

Come giudicherebbe il rapporto intercorrente tra il pontefice della Chiesa cattolica e la massima autorità religiosa sunnita?

"Nell’Islam non esiste una 'massima autorità religiosa', e benché l’Imam di al-Azhar goda di un’ampia autorevolezza, il rapporto con il Papa non si potrà mai tradurre in qualcosa che abbia un effetto generalizzato sulle comunità islamiche mondiali. D’altra parte bisogna anche ricordare che lo stesso Papa non rappresenta l’universo cristiano, il che conferisce alle relazioni fra le due autorità un carattere abbastanza circoscritto".

A che punto è, per i musulmani, il dialogo interreligioso con il cattolicesimo?

"Credo di poter dire che siamo al punto di partenza, e non solo per i musulmani. Sono convinto che le iniziative per il dialogo interreligioso, al di là delle lodevolissime intenzioni, non abbiano mai prodotto un reale passo in avanti nelle relazioni fra le fedi, che oltre a un generica comunanza di intenti non possono davvero sfociare in un pieno riconoscimento reciproco".

Poco prima di morire, il cardinal Tauran fece un viaggio apostolico in Arabia Saudita. La Chiesa si sta sottomettendo, come direbbe Houllebecq?

"Non direi. Le 'distopie' alla Houllebeq sono semplici esercizi letterari, interessaanti sotto più di un aspetto ma non necessariamente profetici. Al contrario, ho notato più volte che sul versante islamico sono in molti a credere che siano proprio i musulmani ad essere sempre più costretti a sottomettersi ai valori della civiltà occidentale e a temere questo tipo di assimilazione".

Ritiene che esista un rischio "islamizzazione" per l'Europa. E, in ogni caso, ritiene che Francesco abbia il giusto approccio nel dialogare con i musulmani?

"Come ho appena detto, mi sembra che il rischio sia più immaginario che reale. A qualcuno fa comodo diffondere il timore che l’Europa sia sotto attacco, ma la sua crisi profonda è più endogena che non dovuta a forze esterne. È già successo nella prima metà del Novecento, quando la 'crisi dell’Occidente' è stata spesso imputata all’azione corrosiva delle influenze orientali (allora erano la Cina e l’India che preoccupavano di più), ma oggi sappiamo bene che era l’Europa stessa che stava per suicidarsi. L’approccio del Papa attuale può aiutare in questa direzione, sollevando l’Islam dalle accuse che gli vengono imputate".

Ratzinger aveva costretto il grande imam a prendere le distanze dal Vaticano. Ora è avvenuto questo riavvicinamento. Come mai?

"Un differente approccio ai problemi, direi. Benedetto XVI intendeva soprattutto combattere ogni forma di relativismo, e questo lo portava a rimarcare le differenze più che cercare punti di contatto. Francesco I, al contrario, è più impegnato contro la globalizzazione mondiale, e dunque cerca forse in un’altra visione religiosa un potenziale alleato per contrastare la secolarizzazione selvaggia del pianeta".

Quali effetti potranno scaturire dal documento? L'Isis smetterà di colpire?

"Un secolo fa, quando Benedetto XV scrisse il suo accorato appello per la pace ai governanti dell’Europa in guerra, il suo richiamo non ebbe alcun esito concreto. Il documento sulla fratellanza potrebbe avere oggi la stessa sorte, cioè quella di di un grande proposito ideale destinato a rimanere inascoltato da governi e società. Quanto all’Isis, il suo declino è ormai quasi definitivo, e nessun documento potrebbe accelerarlo. Ricordiamo che, nel settembre del 2014, centinaia di autorità del mondo islamico firmarono un documento durissimo nei confronti l’Isis, ma sul piano concreto si è dovuto attendere lo scontro militare per porre fine al sedicente 'Stato islamico'".

Commenti

scorpione2

Gio, 07/02/2019 - 14:11

e' la ruota che gira, tremila anni fa' c'erano le crociate per diffondere il cristianesimo, oggi sono gli islamici ha volerci imporre la loro religione, bada ben anche i crociati ammazzavano nel nome di dio, questi ammazzano nel nome del loro dio.

scorpione2

Gio, 07/02/2019 - 14:14

vedi che poi alla fine finisce come la penso io? ognuno a casa propria, italia solo italiani,francesi solo francesi e cosi via. basta immigrazioni.

scorpione2

Gio, 07/02/2019 - 14:15

niente atleti stranieri, solo italiani.

venco

Gio, 07/02/2019 - 14:20

Ma come, qui si dice il contrario, chi vuole i migranti come Bergoglio è per la globalizzazione non contro

agosvac

Gio, 07/02/2019 - 14:20

Sarà, ma che Papa Francesco sia contro la globalizzazione, mi sembra un'enorme corbelleria!!!

Una-mattina-mi-...

Gio, 07/02/2019 - 14:30

TUTTA FUFFA DEL FUFFISTAN

cir

Gio, 07/02/2019 - 14:36

se il papa fosse intelligente cercherebbe l' alleanza del mondo mussulmano contro quello ebraico . Ma il papa non e' intelligente purtroppo..

i-taglianibravagente

Gio, 07/02/2019 - 14:52

Bergoglio antimondialista? beato sto professore che riesce a campare nonostante esternazioni di intuizioni geniali come questa.

gneo58

Gio, 07/02/2019 - 14:59

cerca certi alleati illudendosi di rimpinguare le chiese ma non ha capito niente - ne vedremo delle belle...

Ritratto di Suino_per_gli_ospiti

Suino_per_gli_ospiti

Gio, 07/02/2019 - 15:41

UNESCO, islamista per l'Orientale... E ci viene a raccontare che l'acqua non è bagnata. Cohencidenza.

Ritratto di ForzaSilvio1

ForzaSilvio1

Gio, 07/02/2019 - 15:57

"A qualcuno fa comodo diffondere il timore che l’Europa sia sotto attacco, ma la sua crisi profonda è più endogena che non dovuta a forze esterne." ...AH, se il Capitone sapesse anche leggere (e capire!!), invece di spararsi i selfie davanti al piatto di spaghetti!...

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Gio, 07/02/2019 - 16:39

SONO 14 SECOLI CHE NOI CRISTIANI DOBBIAMO DIFENDERE LA NOSTRA LIBERTA DAI MUSULMANI!É CON 570 BATTAGLIE COMBATTUTE CONTRO I MUSULMANI NOI CRISTIANI ABBIAMO VERSATO FIUMI DI SANGUE PER RAGGIUNGERE LA DEMOCRAZIA CHE PER I MUSULMANI NON SIGNIFICA NIENTE!LE CROCIATE SONO STATE PIU DI 1000 ANNI FÁ E ANCORA I MUSULMANI CI RINFACCIANO LE CROCIATE? MA DELLE LORO SCORIBANDE DI MORI E SARACENI CHE INVADEVANO L;EUROPA NON SI RICORDANO VERO?!IO SONO PER IL RISPETTO DI TUTTE LE RELIGIONI!MA CHI NON HA RISPETTO PER LA MIA NON AVRA MAI IL MIO RISPETTO!.

VittorioMar

Gio, 07/02/2019 - 16:49

..gli effetti reali li vedremo tra qualche anno...ma non vi è stata una RICHIESTA ESPLICITA DI RECIPROCITA' !!!

Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 07/02/2019 - 18:02

Deve riempire le chiese...e le casse del Vaticano.

napolinano

Gio, 07/02/2019 - 18:14

UNA PRECISAZIONE DA RICORDARE SEMPRE: "Le crociate furono una guerra di difesa. Furono la risposta dell'occidente cristiano all'attacco subito con conseguente perdita di Gerusalemme da parte dei mussulmani quasi DUE SECOLI prima". Quindi e' ora di finirla di menarla con le crociate e i cristiani brutti e cattivi. Anche perche' se chiedete ai mussulmani il 99,99x100 vi dira' che i massacri compiuti da loro per conquistare gerusalemme furono buoni e giusti, quindi...

ROUTE66

Gio, 07/02/2019 - 18:16

Alcune scritture si parla di un ANTICRISTO in VATICANO. Che sia già ARRIVATO?

Ritratto di navajo

navajo

Gio, 07/02/2019 - 18:31

Egregio Napolinano, il vero problema è l'ignoranza. Nessuno più si adopera per conoscere come sono andate veramente le cose Scorpione 2 dice, adirittura, che le crociate risalgono a 3000 anni fa, e cioè più o meno al tempo dei Sumeri e degli Ittiti Ormai si ricorre principalmente a Wikipedia dove spesso leggi stupidaggini. colossali, Si parla per sentito dire o per ideologia, e questa fa si che, se fa comodo, anche gli asini (cioè loro stessi) volano.

rosolina

Gio, 07/02/2019 - 20:55

alla fine finisce come diceva Dio

cir

Gio, 07/02/2019 - 21:20

le spari grosse.... studi la storia da paolo mieli ?'

Divoll

Gio, 07/02/2019 - 22:40

Non ci credo proprio che Bergoglio voglia combattere la globalizzazione. Anzi...

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 08/02/2019 - 13:25

Più che alleanze, cerca petroldollari per favoreggiare prima, e menare il torrone poi, dei migranti maomettani.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 08/02/2019 - 13:30

Caro scorpione2, dato che Maometto e contemporaneo ai Longobardi, le crociate non diffondevano un bel niente, piuttosto esercitavano la legittima difesa della Cristianità.

Aegnor

Ven, 08/02/2019 - 13:59

Il pampero non vede l'ora di trasformare l'europa cristiana in una europa musulmana

dagoleo

Ven, 08/02/2019 - 15:09

Però i Crociati andavano in oriente per recuperare terre cristiane appartenute a Bisanzio ed invase e convertite a forza dagli Arabi, dove i Cristiani per primi erano stati massacrati. Tra Arabi e Cristiani il sangue per primi venne versato dagli Arabi. Lo stesso Maometto massacrò personalmente migliaia di uomini, donne e bambini. Non solo, massacrò anche una tribù ebraica che all'inizio li affiancò nei massacri dei cristiani. Non mi sembra che Gesù Cristo abbia ucciso persone. Semmai le guariva e le salvava. Cosa che Maometto non ha mai fatto perchè non aveva poteri.