Myanmar, Papa Francesco incontra i buddisti: "Uniti contro intolleranza e odio"

Papa Francesco nella Pagoda d'oro di Yangon incontra i buddisti: "San Francesco e Budda sono le nostre guide, basta pregiudizi"

Prosegue il viaggio di Papa Francesco in Birmania. Il pontefice ha visitato il Kaba Aye Centre, dominato dalla Pagoda d'oro (detta anche della Pace) di Yangon, per l'atteso incontro con una delegazione buddista. Il pontefice è entrato scalzo nella sala grande del complesso, dove ha salutato il presidente del Comitato statale "Sangha", il venerabile Bhaddanta Kumarabhivamsa.

"Dobbiamo superare tutte le forme di incomprensione, di intolleranza, di pregiudizio e di odio", ha detto Bergoglio ai propri interlocutori. Nel suo discorso ha citato più volte Budda. "Come possiamo farlo?", si è chiesto ad alta voce, prima di leggere "le parole del Budda che offrono a ciascuno di noi una guida: ’Sconfiggi la rabbia con la non-rabbia, sconfiggi il malvagio con la bontà, sconfiggi l’avaro con la generosità, sconfiggi il menzognero con la verita. Sentimenti simili - ha osservato il Papa - esprime la preghiera attribuita a San Francesco d’Assisi: ’Signore, fammi strumento della tua pace. Dov’è odio che io porti l’amore, dov’è offesa che io porti il perdono, dove ci sono le tenebre che io porti la luce, dov’è tristezza che io porti la gioia".

"Le tradizioni spirituali indicano che esiste una via per la guarigione - ha aggiunto il Papa - e non solo in Myanmar, ma in tutto il mondo, le persone" cercano la "comune testimonianza da parte dei leader religiosi". Dobbiamo parlare "con una sola voce" per "la pace, il rispetto della dignità umana e la giustizia per ogni uomo e donna". Nell'incontro con il consiglio supremo dei buddisti del Myanmar Bergoglio ha osservato che "non possiamo rimanere isolati gli uni dagli altri. Se siamo chiamati ad essere uniti, come è nostro proposito, dobbiamo superare tutte le forme di incomprensione, di intolleranza, di pregiudizio e di odio".

Il leader buddista: religioni insieme contro il terrorismo

"In questo nostro mondo attuale - ha detto Bhaddanta Kumarabhivamsa - è deplorevole vedere terrorismo ed estremismo messi in atto in nome di credi religiosi. Poiché tutte le dottrine religiose insegnano solo il bene dell’umanità, non possiamo accettare che terrorismo ed estremismo possano nascere da una certa fede religiosa. Noi tutti - ha scandito nel discorso rivolto al Papa - dobbiamo denunciare qualsiasi forma di espressioni che incitano all’odio, falsa propaganda, conflitti e guerre con pretesti religiosi e condanniamo con fermezza coloro che danno supporto a tali attività. Noi, leader di tutte le religioni del mondo, dobbiamo essere risoluti - ha aggiunto - nella costruzione di una armoniosa società umana, seguendo gli insegnamenti delle rispettive religioni, così come essi sono realmente insegnati e coinvolgere noi stessi nel rafforzamento della pace e la sicurezza del mondo". "Noi, membri di fedi differenti, abbiamo urgente bisogno - ha poi concluso - di costruire tra di noi reciproca comprensione, rispetto e fiducia per potere giungere ad una pacifica, sicura e prospera società umana. Dobbiamo dare prova di moderazione ed evitare di interferire in faccende di altre religioni e cooperare a costruire ponti per la pace nel mondo".

Commenti

ziobeppe1951

Mer, 29/11/2017 - 14:04

Uniti contro intolleranza e odio...da quale pulpito la predica!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 29/11/2017 - 15:21

Se lo dice ai buddisti, significa che è riferito agli islamici. Chi sono coloro che fomentano intolleranza e odio?

agosvac

Mer, 29/11/2017 - 15:27

Mi sorge un dubbio: Papa Francesco è riuscito a capire cosa ha detto il capo dei buddhisti del Myanmar??? "...è deplorevole vedere terrorismo ed estremismo messi in atto in nome di credi religiosi" "...dobbiamo denunciare qualsiasi forma di espressioni che incitano all'odio, conflitti e guerre con pretesti religiosi e condanniamo con fermezza coloro che danno supporto a tali attività" Non credo si sia mai vista una simile condanna all'operato di un capo spirituale che accetta e favorisce l'Islam a scapito dei suoi fedeli Cristiani.

giovanni951

Mer, 29/11/2017 - 15:40

intanto il pampero non ci ha nemmeno provato a dire qualcosa sui rohingia...sa che lo avrebbero messo su un aereo e rispedito a roma. I birmani evidentemente non sono boccaloni come molti italiani.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mer, 29/11/2017 - 15:48

La religione sta diventando come la politica con questo papa.Però quando l'anno scorso il Dalai Lama era a roma non ha voluto riceverlo.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mer, 29/11/2017 - 15:50

Certo che tu di San Francesco non hai proprio niente.

Ritratto di gianky53

gianky53

Mer, 29/11/2017 - 15:52

Sì, fate l'ammucchiata, stringetevi a coorte, tutti ammassati contro odio e intolleranza. E per passare il tempo suggerisci una gara di rutti.

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Mer, 29/11/2017 - 16:02

E' come se tre o quattro poveretti remissivi che vengono calpestati e malmenati dai bulli a scuola si riunissero per dirsi tra loro "di rinunciare alla violenza". Poi escono e ovviamente i bulli che intanto proliferavano e si moltiplicavano a loro spese li calpestano e li massacrano sghignazzando.

Ritratto di chielli

chielli

Mer, 29/11/2017 - 16:16

Da cattolico mi duole dirlo, questo papa abusivo, perché il vero rimane Papa Benedetto XVI ) insiste ancora con la tolleranza e l'odio. questi sono argomenti che deve rivolgere agli islamici.

Ritratto di chielli

chielli

Mer, 29/11/2017 - 16:19

( mi correggo )...l'Intolleranza e l'odio, sono argomenti che deve rivolgere agli islamici suoi amici.

Ritratto di moshe

moshe

Mer, 29/11/2017 - 18:02

E mentre il buffone di bianco vestito continua a blaterare di intolleranza ed odio, in Italia, per mano dei suoi fratelli che anche grazie a lui "ospitiamo", continuano gli omicidi, le violenze carnali, le violenze comuni, i furti, le rapine ..... buffone !!!

Trinky

Mer, 29/11/2017 - 18:43

Cominciano ad aumentare le parole che la cornacchia vestita di bianco non pronuncia...ISIS, rohingia...le prossime quali saranno? Orge religiose, film porno in vaticano, pedofilia galoppante?

ginobernard

Mer, 29/11/2017 - 18:44

parte dal presupposto sbagliato del bene che vince mentre la storia insegna che è il più forte che vince ne riparliamo quando gli islamici entreranno a san pietro

jeanlage

Mer, 29/11/2017 - 18:55

In Bangladesh si metterà col sedere in alto come i maomettani?

tradere

Mer, 29/11/2017 - 18:58

Questo Papa dovrebbe capire una cosa fondamentale: gli uomini da soli non possono creare nulla, tantomeno la pace. Il problema che si trova davanti l'umanità del XXI sec., e soprattutto gli uomini di Dio, è come pensare una nuova presenza di Dio che rivitalizzi e ponga gli uomini sulla strada di quella unità che solo Dio può dare. Tutto il resto è noia, direbbe Califano, gli uomini se lasciati soli a se stessi possono fare solo disastri. E dunque inutile fare appelli all'umanità, ai popoli, alle religioni in un'atmosfera sincretistica che rischia di far svanire identità e in questo modo far crescere la violenza. Questa fiducia nella capacità degli uomini di autoredimersi lasciamola ai massoni. Se vogliamo la pace guardiamo il mondo del Cantico delle creature ma nonn pensiamo che esso sia una lode alla natura, esso è la rivelazione di un Dio vivente in un mondo vivente, e se vogliamo la comunione di pace cerchiamo la Presenza di Dio. Solo essa è la vera Pace.

seccatissimo

Mer, 29/11/2017 - 22:28

Sto vestito di bianco, papa degli islamici, non lo voglio più vedere né sentire, mi ha "rotto" fin troppo !

ARGO92

Mer, 29/11/2017 - 22:36

PIEDI SCALZI E TESTA VUOTA TORNA IN ARGENTINA BESTIA

seccatissimo

Mer, 29/11/2017 - 22:45

Questo tizio vestito di bianco, amico degli islamici, cosa va a parlare con i buddisti, parli piuttosto con i cristiani cattolici finché è in tempo e finché ce ne sono ancora, perché ormai grazie a lui molti stanno scappando dalla chiesa cattolica !

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 30/11/2017 - 09:01

ruffiano... un personaggio davvero abietto sempre a caccia di popolarità. la negazione del santo.