Pena di morte negli Usa, svolta alla Corte Suprema: stop all’iniezione letale?

Sospesa l’esecuzione di tre condannati dell’Oklahoma: sotto inchiesta il cocktail di farmaci

La pena di morte, negli Stati Uniti, è arrivata al bivio. Continuerà ad esistere, ma l’iniezione letale potrebbe essere eliminata dalla Corte Suprema, che ne sta vagliando la costituzionalità.

Il dibattito sulla punizione capitale è vivissimo, non da oggi e non solamente negli Usa, ma le ultime esecuzioni – ancore più scioccanti per il lungo tormento vissuto dal condannato prima di morire – hanno stimolato un nuovo e approfondito ragionamento. Clayton Lockett, giustiziato l’aprile scorso, è morto dopo 43 minuti di agonia. E il suo non è un caso isolato.

Così tre detenuti dell’Oklahoma, destinati a subire l’iniezione, hanno fatto ricorso chiedendo la sospensione della procedura: si tratta di Richard Glossip, John Grant e Benjamin Cole.

Sotto i riflettori c’è il cocktail letale di farmaci somministrato. L’indiziato numero uno è il midazolam, un sedativo, ritenuto non essere sufficientemente potente da coprire il dolore delle iniezioni seguenti (sostanze che rilassano i muscoli e fermano il respiro e il cuore).

La Corte suprema potrebbe dunque dichiarare l’iniezione letale punizione troppo crudele, con la conseguenza di rivoluzionare le modalità della pena di morte negli States. I giudici potrebbero comunque mantenere in vigore la modalità, rivedendone però i protocolli.

L’iniezione è il principale metodo d’esecuzione, ma negli ultimi anni stanno inoltre venendo meno i farmaci per realizzarla: le aziende europee produttrici, in disaccordo con l’utilizzo finale di quei farmaci, hanno ridotto sensibilmente lo smercio verso le carceri oltre Oceano.

Commenti

NON RASSEGNATO

Gio, 29/01/2015 - 12:33

Quante storie, basta un'anestesia al curaro e smetti di respirare

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Gio, 29/01/2015 - 13:27

Certo che i tagliagole americani prima di farli morire li torturano anche!