Pfizer blocca l'uso dei farmaci per le iniezioni letali negli Usa

Il colosso farmaceutico ha deciso di bloccare l'uso dei propri medicinali per le iniezioni letali

La Pfizer scende in campo contro la pena di morte. Il colosso farmaceutico ha, infatti, deciso di bloccare l'uso dei propri medicinali per le iniezioni letali. Anche se già venti case farmaceutiche europee e americane hanno già annunciato iniziative simile, la decisione Pfizer è considerata una pietra miliare. Pfizer è infatti un colosso mondiale, in grado di dettare la strada per il settore. Imponendo controlli più stringenti nella distribuzione dei farmaci, la società americana punta a far che nessuno dei prodotti sia usato nelle iniezioni letali.

Negli ultimi anni per evitare di essere associate alla pena di morte, molte case farmaceutiche hanno vietato la vendita dei loro prodotti ai penitenziari. Esperimenti con nuovi farmaci, una serie di esecuzioni mal riuscite e sforzi segreti per ottenere componenti chimici letali hanno spinto in tribunale diversi stati. I legali dei condannati a morte hanno aumentato la pressione sulle autorità statali, premendo per una maggiore trasparenza su come i farmaci letali sono ottenuti. "Con l'annuncio di Pfizer - afferma Maya Foa, dell'associazione per la difesa dei diritti umani Reprieve - gli stati che prevedono la pena di morte devono andare sottobanco se vogliono ottenere medicinali per le iniezioni letali".

Da tempo alcuni stati americani hanno cercato di importare medicinali non approvati dalla Federal Drug Administration dall'estero, ma i loro tentativi si sono infranti negli agenti federali che li hanno bloccati e sequestrati. La mancanza di farmaci letali nei penitenziari ha quindi costretto molti stati a sospendere le esecuzioni a morte per mesi se non più a lungo. Nel 2015 si è assistito a un crollo del numero delle esecuzioni e delle condanne, scese negli Stati Uniti a livelli non visti da quaranta anni. E proprio la mancanza di medicinali è uno dei fattori che ha favorito il calo.

Nel viaggio negli Stati Uniti papa Francesco aveva lanciato un appello direttamente al Congresso. Un appello accolto nel gelo dai parlamentari e dai senatori americani. Il tema è stato anche al centro di uno scontro fra i due candidati democratici alla Casa Bianca, Hillary Clinton e Bernie Sanders. L'ex segretario di stato ritiene che andrebbe limitata e non abolita, mentre Bernie Sanders è per una sua totale abolizione.

Commenti

Jimisong007

Sab, 14/05/2016 - 11:07

È veramente un favore ai condannati? nel Texas fucilano.

Ritratto di Civis

Anonimo (non verificato)

Una-mattina-mi-...

Sab, 14/05/2016 - 11:20

IN realtà alcuni stati già utilizzano come fornitori dei produttori artigianali, fuori dalla giurisdizione Fda (come Georgia, Missouri e Texas), poi, volendo, ci sarebbero anche i laboratori militari.

Linucs

Sab, 14/05/2016 - 11:55

Per pedofili e islamici convertiti in galera potete usare direttamente la candeggina.

cgf

Sab, 14/05/2016 - 12:02

c'è allo studio un nuovo fucile della Lockheed Martin, il puntamento è affidato ad un software Linux, impossibile sbagliare il colpo. Dotare le poltrone degli 'spettatori' di pulsante e solo tre sono quelli che in quel preciso istante funzionano... poi voglio vedere se faranno ancora a gara ad assistere alle esecuzioni! Si potrebbe risparmiare anche il boia.

cgf

Sab, 14/05/2016 - 12:02

In cina viene chiesto il rimborso della pallottola ai parenti che richiedono il corpo.

vince50_19

Sab, 14/05/2016 - 12:45

Ma va? Dategli il nobel per la bontà. Non c'è solo quel modo di dar morte a seguito di un sistema legislativo, di una sentenza che la ordina. Il problema fondamentale è che la pena di morte va abolita dappertutto. Punto.

Ritratto di tokarev

tokarev

Sab, 14/05/2016 - 12:59

Cgf, lo facevano al tempo di Mao Tze Dong...ed erano i padroni e i loro servi a cadere...i collaborazionisti...Il Maresciallo Tito li inviava nelle foibe... Purtroppo non hanno finito l'opera...

Ritratto di Civis

Civis

Sab, 14/05/2016 - 13:10

Corda e altezza giusta: rapido, senza sangue, a costo zero.

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Svevus

Svevus

Sab, 14/05/2016 - 14:22

La pena di morte è attualment è riservata ai traumatizzati cranici nella maniera più terribile con la falsa diagnosi di morte cerebrale, con una cosiddetta donazione non-informata, con il test asfissiante letale chiamato Apnea Test, con una incisione ( = squartamento ) cervico-toracico-addominale a cuore battente, e con la complicità di sindaci e media.

Ritratto di ateius

ateius

Sab, 14/05/2016 - 14:52

il punto è che la pensa di morte viene applicata per reati diversi in ogni paese… in alcuni paesi il semplice furto è sufficiente per essere condannati.. in altri paesi come in germania.. molestare sessualmente una poliziotta nelle sue funzioni o violentare ragazze a capodanno.. comporta solo una ramanzina con allegate isytruzioni di corteggiamento verso il sesso femminile, in italia.. meglio non parlarne….paese che vai legislazione che trovi . falle comprese.-

giovanni PERINCIOLO

Sab, 14/05/2016 - 15:14

Non credo ci siano molti problemi. Traveranno certamente il sistema per provvedere, forse ritornando all'uso della corda, oltretutto riutilizzabile, facendo cosi anche delle economie. Oppure con tutte le armi che ci sono negli USA direi che una pallottola risolve il problema con pochi cents....

Cheyenne

Sab, 14/05/2016 - 16:22

i soliti ipocriti: fanno utili di miliardi vendendo medicinali a prezzi incredibili che spesso non hanno un generico chissà perchè e poi fanno le verginelle

Ritratto di josephgrease

josephgrease

Sab, 14/05/2016 - 17:59

Io sono contro la pena capitale. Non capisco come uno Stato democratico possa arrogarsi il diritto di sopprimere la vita di un suo cittadino.

beppechi

Sab, 14/05/2016 - 19:23

pazienza, tanto c'è sempre Mc Donald

Ritratto di www.antipredazione.org

www.antipredazi...

Lun, 16/05/2016 - 09:51

E' giusto abolire la pena di morte, ma per coerenza si deve abolire in tutto il mondo la dichiarazione di cosiddetta "morte cerebrale" che conduce alla tortura dell'espianto a cuore battente. Lega Antipredazione