Polonia, nasce il braccio politico dei cattolici di Radio Maryja

È nato un movimento che è il braccio politico dei settori più tradizionali della Chiesa polacca che fa riferimento all'enigmatico proprietario di tv, giornali e università padre Tadeusz Rydzyk

In Polonia è nato il movimento "Ruch Prawdziwa Europa - Europa Christi" ("Vero movimento europeo - Europa di Cristo"), braccio politico dei settori più tradizionali della Chiesa polacca che fa riferimento all'enigmatico proprietario di tv, giornali e università padre Tadeusz Rydzyk.

Si tratta di un partito politico con un programma cattolico, apostolico e polacco per ri-cristianizzare il continente europeo. Nelle intenzioni dei fondatori il nuovo soggetto politico dovrebbe indurre le autorità spirituali a influenzare il mondo della politica proponendo leggi che rispecchiano la dottrina sociale della Chiesa. Quindi leggi che non permettano di abortire in nessuna circostanza, forme di educazione religiosa obbligatoria, leggi che non promuovano la violenza coniugale, leggi in difesa della preminenza della Chiesa nella vita pubblica e, soprattutto, norme per ri-cristianizzare l'Europa.

Il nuovo partito nasce dopo dei presunti disaccordi dei fondatori con il governo conservatore che guida la Polonia espressione di Diritto e Giustizia (PiS), un partito di centrodestra, di ispirazione conservatrice e moderatamente euroscettico, fondato nel marzo del 2001 dai gemelli Lech e Jarosław Kaczyński.

Nelle intenzioni dei fondatori di Ruch Prawdziwa Europa - Europa Christi il movimento sarà il braccio politico dei settori più tradizionali della Chiesa polacca, personificati in padre Tadeusz Rydzyk, guida di Radio Maryja Polonia, sacerdote che ha fondato un impero commerciale che comprende una stazione televisiva, un giornale, un'università privata e sta finanziando anche la costruzione di una centrale elettrica.

Lux Veritatis, il gruppo controllato da Rydzyk, ha ricevuto circa 19 milioni di euro dello stato polacco negli ultimi tre anni, secondo quanto riportato dall'organizzazione indipendente Oko Press, anche se altre organizzazioni aumentano questa cifra a 36 milioni. Lo status di sacerdote cattolico gli impedisce di impegnarsi in attività politiche ma non gli impedisce di sostenere politici che difendono i valori della Chiesa Cattolica.

L'obiettivo finale dell'Europa Christi sembrerebbe quello di spingere la Polonia ad avviare riforme pienamente cattoliche e lavorare in Europa per "creare una nuova costituzione europea basata sul Vangelo". Il leader e fondatore dell'Europa Christi, Mirosław Piotrowski è un deputato che ha vinto il suo seggio da indipendente nelle file del PiS, ma non è affiliato con il partito. Piotrowski, che è un uomo molto vicino a Rydzyk, durante una conferenza stampa di presentazione del movimento ha spiegato che il partito si batterà per i principali temi cari ai cattolici. Proteggere la vita dal concepimento alla morte naturale e garantire i diritti della famiglia e del matrimonio eterosessuale sono le richieste più importanti arrivate da Vera Europa.

Il Comitato è già stato registrato nella Commissione elettorale nazionale e farà domanda per partecipare alle prossime elezioni del Parlamento europeo. Il partito ha riunito tre entità: Prawica Rzeczypospolitej (letteralmente "Il diritto della repubblica polacca"), il movimento Ruch Prawdziwa e l'associazione delle famiglie cristiane (Zjednoczenie Chrześcijańskich Rodzin).

Il professor Mirosław Piotrowski ha dichiarato: "vogliamo che la voce della destra polacca venga ascoltata. Il nostro partito è cattolico e cristiano e vogliamo che i cattolici e i cristiani non siano trattati come cittadini di seconda o terza categoria. Vogliamo anche lavorare per la società polacca, rafforzare la nostra voce e non consentire all'Unione europea di influenzare negativamente la nostra vita".

"Vogliamo implementare la civiltà cristiana", ha dichiarato nella stessa conferenza stampa Krzysztof Kawęcki, Presidente di Prawica Rzeczypospolitej. "L'opinione pubblica cattolica ha bisogno di una sua rappresentanza indipendente, anche nella vita pubblica", ha affermato Kawęcki. I membri della coalizione non escludono che questo sia l'inizio di una cooperazione più lunga, che potrebbe anche arrivare alle elezioni autunnali del parlamento nazionale.

Il loro mentore, Tadeusz Rydzyk, era stato ripreso dalla Santa Sede per la diffusione di slogan antisemiti e xenofobi (sia attraverso Radio Marija che per mezzo del canale tv Trwam) ed era arrivato a definire "voltagabbana che abbassa la testa alla lobby ebraica" l’ex Primo Ministro Lech Kaczynski (fratello di Jarosław, attuale leader del PiS) e sua moglie "una strega". Ma nonostante questo Rydzyk è riuscito a mantenere uno stretto rapporto con il governo per molti anni anche perché ha usato la sua influenza tra la popolazione cattolica per aiutare il PiS a rafforzare il suo potere. Tanto che lo stesso Kaczyński aveva affermato che senza Radio Marija, non avrebbe vinto le elezioni.

La biografia di Rydzyk è ricca di frasi scomposte. Come per esempio l’affermazione "non ci può essere stupro nel matrimonio perché il marito ha il diritto di chiedere sesso" o, a proposito di molestie, "chi non vorrebbe un milione di zloty (250 mila euro) solo perché un prete ti mette la mano sulla gonna", riferendosi alla richiesta di una donna che è stata abusata sessualmente da un prete.

Commenti

gabriel maria

Mar, 26/03/2019 - 07:44

conteranno meno del due di briscola......