Primo confronto televisivo tra una conduttrice cinese ed una americana

Dibattito televisivo tra Liu Xin e Trish Regan sui rapporti commerciali Cina-Usa

La giornalista di CGTN, Liu Xin, ha preso parte, nella mattinata del 30 maggio, ad un dibattito con la conduttrice di Fox Business Network, Trish Regan. Durante la trasmissione si è discusso di diversi argomenti, compresi i rapporti commerciali tra Cina e Stati Uniti. Si è trattato del primo confronto televisivo tra una conduttrice cinese e una americana. Entrambe le giornaliste si sono rispettate reciprocamente e non si sono sottratte dal trattare gli argomenti più scottanti.

Liu Xin e Trish Regan hanno avuto un colloquio di 16 minuti e hanno discusso di vari temi tra cui il commercio equo, la proprietà intellettuale, la questione di Huawei, i dazi doganali, la posizione della Cina come Paese in via di sviluppo e il cosiddetto “capitalismo statale”, così come definito da parte americana.

Nel corso della trasmissione Liu Xin ha illustrato il suo punto di vista sulle divergenze commerciali tra Pechino e Washington ed ha invitato Trish Regan a recarsi in Cina, nella speranza che in futuro presti maggior attenzione alle esigenze dei Paesi in via di sviluppo. In merito alla domanda di Trish Regan sui negoziati commerciali, Liu Xin si è detta convinta che essi andranno a buon fine se la parte americana sarà sincera e rispetterà i rappresentanti cinesi, ed ha aggiunto che la guerra commerciale è dannosa sia per la Cina che per gli Stati Uniti. Quanto alla questione dei dazi doganali, Liu Xin ha affermato che la loro riduzione consentirebbe ai consumatori dei due Paesi di acquistare le merci della controparte a prezzi più economici. La conduttrice cinese ha poi affermato che il mondo di oggi è guidato da regole che possono essere cambiate solo con il consenso di tutte le parti interessate. Nel dibattito, Liu Xin ha spiegato che il volume di affari dell’economia cinese è enorme ma ha aggiunto che il Paese ha una popolazione di 1,4 miliardi di persone e che il suo prodotto interno lordo pro capite è un sesto di quello degli Usa. La conduttrice cinese ha infine detto che il sistema economico della Cina è misto, pluralista e aperto. L’80% dei posti di lavoro in Cina sono forniti da imprese private, come l’80% delle esportazioni e il 65% delle innovazioni. Sebbene il confronto televisivo abbia visto protagoniste le due conduttrici televisive nell’attuale contesto, caratterizzato dall’insorgere di tensioni commerciali tra Cina e Stati Uniti, il dialogo tra le due giornaliste sembra rappresentare un importante segnale per il mondo esterno: anziché attaccarci, è meglio comunicare alla pari.

Commenti

nunavut

Gio, 30/05/2019 - 22:24

Però, a me piacerebbbe sapere cosa ha detto la conduttrice Trish Regan nel confronto televisivo,a mio avviso avete solo scritto le idee della cinese ma non quelle della statunitense,sembra quasi uno sponsor per la Cina. Non dimentichiamo che il gap nel commercio é di 360 miliardi di dollari in sffavore degli USA e questo ogni anno.

Ritratto di cicopico

cicopico

Ven, 31/05/2019 - 07:13

I cinesi sono furbi,gli americani arroganti.i soldi ce li hanno i cinesi,il debito pubblico americano e in mano ai cinesi,chi commanda il mondo e chi ha i soldi.gli americani vivono al di sopra delle loro possibilita.gli americani ci porterano alla terza guerra mondiale, ma la perderanno.

brob67

Ven, 31/05/2019 - 08:11

Penso che da parte americana vi sia poco da dire: hanno aperto alla Cina nel 1971, riconoscendone ufficialmente il governo e sostituendo la sua posizione a quella di Taiwan. Operazione del sig. H. Kissinger.

brob67

Ven, 31/05/2019 - 08:11

Poi hanno sfruttato la loro manodopera per mantenere profittevoli le loro multinazionali (fregandosene altamente della manodopera di casa). Oggi protestano perché la Cina è troppo forte...