Quei sottomarini di Israele armati con testate al plutonio

Nessun avversario avrebbe alcuna ragionevole possibilità di cancellare l'intero arsenale strategico di Israele e sfuggire ad un attacco di rappresaglia.

La ridondanza di Israele si basa due sottomarini classe Dolphin I/II in servizio deterrente a copertura di possibili obiettivi in pattugliamento nel Mar Rosso e nel Golfo Persico. Una terza unità è sempre in stand-by. Gli altri due, infine, sono in addestramento o in manutenzione. La classe Dolphin, pesante il doppio della classe Gal Tipo 540 che sostituisce, è inquadrata nello Shayetet 7, Haifa.

La classe Dolphin

La costruzione dei primi tre sottomarini classe Dolphin, l’INS Dolphin, l’INS Leviathan e l’INS Tekuma (Rinascita) prese il via all’iniziò degli anni '90 nei cantieri navali della Thyssen-Krupp Marine Systems (TKMS) a Kiel, in Germania, Le prime tre unità a propulsione diesel elettrica della classe Dolphin entrarono in servizio tra il 1999 e il 2000. Lunghi 57 metri e larghi 6,8, hanno un dislocamento di 1900 tonnellate in immersione. Sono in grado di spingersi ad una profondità massima di 350 metri (test) e di raggiungere una velocità di venti nodi. Ogni sottomarino è armato a prua con sei tubi lanciasiluri da 533 millimetri e quattro da 650. Questi ultimi rappresentano la chiave del sistema deterrente israeliano poiché progettati per il lancio di missili da crociera con testate nucleari. La classe Dolphin trasporta fino ad un massimo di sedici sistemi d’arma tra siluri pesanti SeaHake, missili antinave Harpoon e da crociera Popeye Turbo.

La classe Dolphin II è stata ordinata a metà degli anni 2000. I nuovi sottomarini sono virtualmente identici alla prima serie anche so molto più avanzati ed il 28% più grandi con l’aggiunta di una sezione di undici metri nello scafo per ospitare il sistema AIP. L’INS Tanin (coccodrillo), capofila dalla classe Dolphin II e l’INS Rahav (Demone) sono lunghi 69 metri. Hanno un dislocamento di 2400 tonnellate in immersione e raggiungono una velocità massima di 25 nodi. La maggiore letalità dei sottomarini d’attacco classe Dolphin II è conferita dal sistema AIP o propulsione indipendente dall’aria. Il sistema AIP consente al sottomarino non nucleare di operare senza l’utilizzo dell’aria esterna. Mentre per il reattore di un sottomarino nucleare si deve pompare continuamente liquido di raffreddamento, generando una certa quantità di rumore rilevabile, i battelli non nucleari alimentati a batteria con sistema AIP, navigherebbero in silenzio. Un sottomarino classe Dolphin II propulso con sistema AIP potrebbe effettuare missioni di pattugliamento o deterrenza per trenta giorni.

Ogni sottomarino Dolphin ha un costo stimato di 550/600 milioni di euro. Berlino ha interamente coperto i costi di costruzione per i primi due sottomarini classe Dolphin. La Germania ha coperto un terzo dei costi per i sottomarini Tekumah, Tanin e Rahav. Il sesto sottomarino, l’INS Dakar costerà ai contribuenti tedeschi 135 milioni di euro. Dovrebbe essere consegnato alla Marina israeliana entro la fine dell’anno. Il governo tedesco ha dato il via libera per la produzione di altri tre sottomarini classe Dolphin II.

I Dolphin sono in grado di ospitare fino a dieci elementi dello Shayetet 13.

Il deterrente nucleare di Israele

Sviluppato alla fine degli anni '80, l'AGM-142 Have Nap noto anche come Popeye può colpire bersagli ad 80 km di distanza. Pesante 1400 chili, il missile a medio raggio è armato con testata da 360 kg espressamente concepita per distruggere grandi bersagli o strutture corazzate. Il missile utilizza immagini a infrarossi e guida inerziale per colpire con precisione i bersagli. L'aeronautica degli Stati Uniti acquistò 154 missili Popeye per armare i bombardieri B-52 per gli attacchi convenzionali, ribattezzandoli AGM-142. La versione Popeye Turbo a combustibile liquido, lungo circa 6,25 metri, dovrebbe avere un portata di oltre 320 km. Il deterrente nucleare israeliano potrebbe basarsi proprio sul missile da crociera Popeye Turbo ottimizzato per l’architettura Dolphin. Questa è una conclusione logica sebbene vi siano indiscrezioni sulle versioni nucleari dei missili Gabriel e Harpoon. In realtà Israele manifestò interesse per i missili da crociera Tomahawk degli Stati Uniti, ma la richiesta fu negata dall’amministrazione Clinton.

L’unico test del Popeye Turbo SLCM potrebbe essersi svolto nel 2002 nell'Oceano Indiano. Un sottomarino classe Dolphin avrebbe lanciato con successo un missile di 6,5 metri di lunghezza con diametro di circa 52 cm, al largo delle coste dello Sri Lanka. Al test avrebbero assistito osservatori americani. Secondo la Federation of American Scientists, quel sistema d’arma avrebbe potuto colpire bersagli a 1500 km di distanza ed imbarcare una testata nucleare a base di plutonio di 200 kg. La resa esplosiva stimata era infine di 200 kt, circa quattordici volte più potenti della bomba sganciata su Hiroshima.

Sedici anni dopo il primo volo di quel missile, è ragionevole presumere che Israele abbia costantemente ottimizzato la tecnologia ed incrementato il raggio degli asset SLCM cosi da colpire diversi bersagli da posizioni relativamente sicure. L’architettura Dolphin è concepita sul principio della deterrenza: nessun avversario avrebbe alcuna ragionevole possibilità di cancellare l'intero arsenale strategico israeliano e sfuggire ad un attacco di rappresaglia.

Commenti

Demy

Mer, 18/04/2018 - 13:31

Questo dimostra che israele è in possesso di armi nucleari, anche se lo nega.

maricap

Mer, 18/04/2018 - 14:02

Azz... ma volete proprio fare scoppiare di bile, i comunistelli come Demy, che qui impazzano contro Israele? Spregiatissime zecche rosse, ve ne dovete fare una ragione, quelli le pelotas le hanno, a differenza di voi e dei castrati dal profeta Abū l-Qāsim Muḥammad ibn ʿAbd Allāh ibn ʿAbd al-Muṭṭalib al- Hāshimī; ma si quel tal Maometto che soffriva di allucinazioni.

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 18/04/2018 - 14:41

--maricap--si calmi---dalla foga sembra lei quella colpita da bile galoppante----la curiosità che fa sorridere è che per alcuni paesi avere il nucleare sembra sia giustificato dall'alibi della deterrenza---per altri questo alibi sembra non valere--e quando fanno da soli come gli israeliani diventano stati canaglia---io spero vivamente --per l'equilibrio del mondo---che gli Ajatollah si siano dati da fare in questi anni--proprio come ha fatto il previdente ciccio kim--swag

Ritratto di onefirsttwo

onefirsttwo

Mer, 18/04/2018 - 14:46

Questo è niente a confronto con i NGMPNS(Nuovi Grandi Sommergibili Nucleari a Presa Multipla) dell'Italia : essi possono solcare le profondità marine alla ricerca di bersagli di mare , di terra , di aria , e(dulcis in fundo) dello spazio : non hanno rivali e , a breve , la semplice architettura marina assumerà doppio assetto di mare e di cielo . Yeeeeeeeeeeeeeaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh .

PaolodC

Mer, 18/04/2018 - 14:49

Israele è l'unico Stato-canaglia al mondo che rifiuta le ispezioni dell'AIEA. Come minimo dovrebbe essere espulso dall'ONU e punito con tutte le sanzioni economiche del caso.

Andrea_Berna

Mer, 18/04/2018 - 14:51

Se ne fanno poco. Uno stato con l'estensione di Israele verrebbe cancellato dalla faccia della terra con 2 o 3 bombe da 5 megatoni. La vera deterrenza e' affidata agli americani. I sommergibili israeliani, semmai, potrebbero essere tornare utili per una operazione di false flag, di quelle che vanno cosi' di moda di questi tempi...

Trinky

Mer, 18/04/2018 - 15:18

Quindi quello del Corea delo Nord è un pazzo farabutto......e questi come si possono definire?

Dordolio

Mer, 18/04/2018 - 15:40

In effetti anche il povero Saddam se si fosse organizzato meglio e la bombetta ce l'avesse avuta sarebbe ancora ben saldo in sella... Senza essere un farabutto assoluto come il Porcellino che adesso in pompa magna si incontrerà con Trump che ci ha pensato due volte prima di provare ad asfaltarlo. Se fanno in tempo anche gli Ayatollah, Trump o chi per lui si accomoderà giulivo sui loro tappeti sorseggiando tè pregiati. Stolti i sudafricani che costruirono almeno due bombe (assieme agli israeliani...) che poi distrussero. Non l'avessero fatto avrebbero ancora i moraccioni al guinzaglio e Mandela sarebbe morto in galera.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 18/04/2018 - 16:42

Sion, un regime retto da fanatici monoteisti che basano il proprio pensare e agire su testi intrisi di odio e disprezzo per chi non fa parte della loro razza. Leggete il Talmud...

maricap

Mer, 18/04/2018 - 18:44

@ausonio. Ausoniuccio bello de mamma tua, tu hai più una tara. Sicuramente hai quella di essere mussulmano/filoarapal, e quella di essere rimasto comunista. Ahahah Sient a mmé, invece de stà sempre col piselluccio in mano, vatte a legge il Corano. Ahahahh. Pare di stare a leggere il Talmud, all'ennesima potenza. Ohi!

maricap

Gio, 19/04/2018 - 10:43

@elkid Sembra che tu dimentichi che a Israele sono state imposte ben quattro guerre, con l'intenzione di finire, quello che i nazisti non erano riusciti a portare a termine; e che l'ONU, invece di prevenire o intervenire, è stato sempre alla finestra a guardare. Per quanto riguarda la deterrenza, come si fa a concedere tale privilegio, a chi finanzia e addestra i terroristi, e li utilizza mandandoli in giro per il mondo ad ammazzare innocenti. Abbiamo provato anche sulla nostra pelle la ferocia dei terroristi palestinesi. Strage di Fiumicino (1973) a Roma - Italia, 1973; 32 morti. Attentato alla sede El Al di Roma del 1973 - Italia, 30 aprile 1973, 1 morto. Attentato alla Sinagoga di Roma - Italia, 1982; 1 morto. Strage di Fiumicino (1985) a Roma - Italia, 27 dicembre 1985; 13 morti. Segue

maricap

Ven, 20/04/2018 - 16:55

Ma cxxto, non sono consentiti documenti duplicati e allora pubbligate senza farmi fare vari rinvii. Amen. Part 2) Dirottamento dell'Achille Lauro. Attentato alla Siot di Trieste. Strage di Bologna - Italia, 1980; 85 morti; FPLP e gruppo tedesco filopalestinese Separat di Carlos lo Sciacallo (secondo Francesco Cossiga e la Commissione Mitrokhin). - Comunque secondo te, comunista de mxxd, non esiste alcuna diffxxenza tra chi è costretto a difendxxsi da pogrom e chi assale pxx compixxe la soluzione finale. Gli Ayatollah hanno più volte detto, che se avessxxo la bomba atomica la usxxebbxxo contro Israele. Israele che forse le ha, non le ha mai utilizzate, ne minacciato di utilizzarle. E si, tra i tuoi compari mxxdoni trogloditi, e gente con le palle, ne corre di diffxxenza. Prendine atto, e rassegnati al triste destino di essxxe nato anche tu minus habens come loro.