Scatta l'ora X alle urne: guerra di sondaggi. Ed è scontro su Juncker

La Ue smentisce negoziati legati ai risultati: lite tra i leader. Torna avanti il no a Bruxelles

E oggi la Gran Bretagna sceglierà dove stare, dentro o fuori dall'Europa. Ieri, nell'ultimo giorno utile per convincere gli indecisi, sono arrivati gli endorsement dei quotidiani e gli appelli dei leader di Leave e Remain. Sulle finestre di molte abitazioni la gente aveva attaccato i volantini pro e anti Europa.

Nei pub e per le strade se ne parlava quasi quanto degli Europei di calcio. La verità però è che il finale rimane ancora aperto, un punto interrogativo. Brexit, prima data in discesa, ieri è stata data in risalita da nuove ricerche (Opinium e Tns). L'ultimo sondaggio da Populus rivela un'opinione pubblica leggermente più favorevole a Brexit. Il 49% contro il 40%. Vale a dire che, ammesso che il sondaggio abbia ragione, saranno circa 260mila votanti a decidere quale strada il Paese dovrà prendere alla fine.

Intanto gli esperti hanno scomodato perfino le previsioni meteo per capire se la pioggia e i temporali previsti per oggi, influenzeranno in qualche modo il voto. Per gli analisti di Yougov, una bassa affluenza causata dalle pessime condizioni atmosferiche potrebbe favorire i sostenitori di Brexit mentre il sole sarebbe stato dalla parte di Remain.

Nella serata di martedì, durante il dibattito organizzato dalla Bbc le due fazioni avversarie si sono scontrate duramente più volte e particolarmente vivace si è rivelato lo scambio d'opinione tra l'ex sindaco della City Boris Johnson e quello attuale Sadiq Khan. Ieri invece, mentre gli appelli agli elettori si moltiplicavano, una nuova tegola si è abbattuta sul governo e su Remain. Il presidente dell'Unione europea, Claude Juncker, ha smentito una delle affermazioni fatte da Cameron durante la campagna referendaria. E l'ex ministro conservatore all'Istruzione Michael Gove, euroscettico da sempre, non ha perso l'occasione per ricordarlo.

«Remain ha affermato che se votiamo per rimanere in Europa allora ci sarà un'ulteriore revisione dei trattati - ha detto Gove - ma Juncker ha spiegato molto chiaramente che questo non accadrà. Se decidiamo di rimanere non abbiamo alcuna prospettiva di ottenere altre riforme dall'Unione. La Comunità europea non può e non vuole concedere agli inglesi il cambiamento che vogliono».

E sempre Gove ha suscitato parecchie polemiche paragonando gli esperti a favore di Remain a quelli tedeschi della propaganda nazista durante la guerra, «sul libro paga del governo».

Il primo ministro Cameron ha scelto invece Bristol come luogo per pronunciare l'appello finale. Accompagnato dall'ex premier conservatore John Major e dall'ex leader laburista Harriet Harman, ha ricordato che una volta usciti dall'Europa, non si potrà tornare indietro. «Abbandonare l'Unione potrebbe essere un enorme problema per la Gran Bretagna - ha detto ancora una volta Cameron - e porterebbe indicibili danni alla crescita economica, al mondo del lavoro e alle finanze delle famiglie compromettendo le opportunità e le scelte di vita delle future generazioni».

Importante infine, anche se smentita ufficialmente, l'opinione della regina che, per alcuni tabloid, sarebbe definitivamente euroscettica. Sembra infatti che Elisabetta abbia domandato agli ospiti intervenuti a una delle sue cene di offrirle «tre ragioni per cui dovremmo rimanere in Europa» e sembra che questi non siano riusciti a dargliene neppure una.

Ieri Buckingham Palace ha fatto sapere che la Famiglia Reale si mantiene neutrale, ma un certo distacco regale dall'Europa non appare poi così improbabile.

Oggi i seggi rimarranno aperti dalle 7 del mattino fino alle 22.

Niente exit poll per le tv pronte a una maratona notturna mentre i risultati finali sono previsti per la prima mattinata di domani.

Commenti
Ritratto di combirio

combirio

Gio, 23/06/2016 - 08:32

La Regina avrà anche 90 anni, ma non è mica fessa!

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Gio, 23/06/2016 - 08:57

Potrei anche essere favorevole al rimanere in europa della GB ma con un parlamento europeo mangiasoldi,che si trova d'accordo solo sul diametro dei piselli o la curvatura delle zucchine e delle banane.Mentre non sanno affrontare un'emergenza che sta annientando gli usi e costumi dei paesi aderenti,allora direi statevene fuori da questo baraccone inservibile,fatto solo per prebende milionarie senza nessuna presa di posizione,prostrato alla germania.

meverix

Gio, 23/06/2016 - 09:54

Inglesi, avete un'occasione che forse non si ripeterà più, non sciupatela! Leave!

Ritratto di sepen

sepen

Gio, 23/06/2016 - 09:59

Ancora una volta, come nel 1940, si guarda all'Inghilterra come l'unica in grado di risolverci i problemi...

giovanni PERINCIOLO

Gio, 23/06/2016 - 10:00

A Junker deve aver fatto male l'ennesimo bicchiere di cognac stravecchio!

Cheyenne

Gio, 23/06/2016 - 10:09

W BREXIT E POI TUTTI FUORI

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 23/06/2016 - 10:29

Se fallisce la brexit saremo schiavi a vita. Speriamo nella saggezza degli inglesi.

nem0

Gio, 23/06/2016 - 10:40

Se l'europa fosse ben amministrata NESSUNO vorrebbe andarsene perciò evidentemente c'è un grosso problema di gestione. Solo uno Junker non se ne rende conto. Junker è il prototipo dell'arrogante e supponente .... un crucco.

manente

Gio, 23/06/2016 - 11:15

NO alla Troika, viva l'Europa della Nazioni.

Blueray

Gio, 23/06/2016 - 11:25

Questa dell'Ue vista come irrinunciabile (se sei dentro non esci più e se vai fuori non rientri), gestita come una clava da Cameron, non è neanche vera. Già ai tempi della Grexit si erano ben delineate le condizioni di adesione o rinuncia. La politica terrorista fa perdere alle persone la possibilità di dare un voto convinto, mentre servirebbe molta più informazione al di sopra delle parti, data la complessità della scelta che non può essere fatta sulla base di elementi umorali.

Jimisong007

Gio, 23/06/2016 - 11:25

Argomenti pro remain poco esplicativi e in contrasto con l'atteggiamento del parlamento europeo, solo minacce

Cheyenne

Gio, 23/06/2016 - 11:34

FORZA BREXIT

moshe

Gio, 23/06/2016 - 12:05

Inglesi, avete versato sangue per non sottomettervi alla Germania, RIFLETTETE !!!!!

Ritratto di semperfideis

semperfideis

Gio, 23/06/2016 - 12:21

Fuori subito per uscire fuori tutti.....Grazie....Così le banche la smerkel e renzi lo prenderebbero nel ciapet...

Ritratto di semperfideis

semperfideis

Gio, 23/06/2016 - 12:32

Fuori subito x andare fuori tutti....

gpl_srl@yahoo.it

Ven, 24/06/2016 - 07:10

JUncker è innanzi tutto uomo filo tedesco e pertanto definibile di quella Merkel che ha portato l' inghilterra a preferire una dignitosa uscita dall' unione europea di stampo tedesco: le sue velate minacce non sono certamente in grado di rinforzare l' euro tedesco e nemmeno di garantire ai tedeschi le pensioni non ancora parte integrante del debito pubblico tedesco: evidentemente la signora Merkel spera di poter addebitare all' europa i suoi debiti ma è il caso che stia bene attenta perche un referendum in italia potrebbe permettere finalmente agli italiani di ricredersi sulla necessità di appartenere economicamente ad una unione europea in grado solo di intervenire sui millimetri delle cozze o dei piselli: anche l' italia infatti spero prima di quanto si creda, possa lasciare la germania ad organizzare colpi di stato nelle sue rewgioni e non in altri stati