Se il muro è di sinistra

La sinistra ha rinnegato se stessa. Le forze progressiste da sempre aperte al "diverso" sono andate a sbattere contro una marea umana difficile se non impossibile da gestire

Distribuzione di cibo ai migranti nel campo di Idomeni, al confine greco-macedone

Se lo chiedi a uno come Nigel Farage ti dirà, come ha fatto al Parlamento Ue, che superare il problema dell'immigrazione facendo entrare la Turchia nel salotto europeo "è la cosa più pazzesca, stupida e pericolosa che l'Unione Europea abbia mai fatto dopo l'introduzione dell'euro". Da Strasburgo il problema umanitario sembra complicato. Complicato per i numeri, per le percentuali, per le quote, per gli hotspot, per una serie di motivi che senza girarci intorno monopolizzano il dibattito politico degli ultimi giorni. E ci si rende conto che la socialdemocrazia, quella spinta "sociale" di sostegno verso gli ultimi, quell'istinto intriso di umanitarismo verso il mondo, ha messo in crisi mezzo continente. In 4 parole: la sinistra ha perso.

Mentre l’Albania e l’Italia si preparano a fare i conti con la chiusura della rotta balcanica, fermandoci a spulciare le pagine di cronaca degli ultimi giorni, ci accorgeremmo che la posizione di alcuni governi europei sull’immigrazione, molto distanti tra loro, come può essere l'Ungheria di Viktor Orban e la Svezia di Stefan Löfven (prima in Europa per numero di rifugiati accolti), alla fine diventano molto simili se non uguali: entrambi vogliono alzare i muri.

La notizia è che la sinistra ha rinnegato se stessa. Le forze progressiste da sempre aperte al "diverso" sono andate a sbattere contro una marea umana difficile se non impossibile da gestire.L'ipocrisia della ragion di Stato della sinistra manda in malora anni di battaglie e ore di "chiacchiere" sul multiculturalismo, sul rispetto dei diritti umani a ogni costo anche quando ci si trova di fronte a un'emergenza come quella con cui la Ue sta facendo i conti.

Qualche esempio. Solo pochi mesi fa, come ricorda Goffredo Buccini sul Corriere della Sera, il premier socialdemocratico svedese aveva bacchettato la destra spiegando con veemenza che la Svezia avrebbe accolto tutti. Nessun problema, aveva detto. Il Paese scandinavo non avrebbe mai costruito muri. Che avrebbe spalancato le porte ai migranti. Peccato che poche settimane più tardi, a centri di accoglienza strapieni di migliaia di clandestini, è stato costretto a fare dietrofront. Imbarazzato ha spiegato ai suoi elettori che la Svezia avrebbe reinserito i controlli alle frontiere. Non finisce qui. Sempre qualche mese fa, anni luce prima dell'annuncio della chiusura del Brennero, l'Austria di WernerFaymann, cancelliere socialdemocratico, attaccò la risolutezza di Orban, il premier ungherese xenofobo, nel voler chiudere le frontiere. A fine gennaio la nemesi. In una botta sola: rottura con la cancelliera tedesca, Angela Merkel (favorevole agli ingressi), e sospensione di Schengen.

Le ondate di profughi stanno, insomma, colpendo un po' ovunque ciò che resta o restava di una certa idea di Europa, sospingendo persino socialdemocrazie collaudate e avanzatissime sotto lo scacco delle destre nazionaliste, xenofobe, populiste europee. Che sembrano aver sbranato ogni politica riformista degna di questo nome.

Un altro aspetto del problema riguarda la minaccia del terrorismo islamico che si annida tra i clandestini. La marea umana che dai paesi mediorientali e africani arriva in Europa, inutile negarlo, porta con sé lo spettro del terrore. E in questo contesto non è possibile non pensare alla Turchia, al suo presidente Erdogan e al problema della sicurezza per tutto l'Occidente. Anche in questo caso la sinistra ha perso la sua sfida. E guarda caso più si sforzi di mostrare il suo volto laico, moderno, inclusivo, aperto e multiculturale più i suoi cittadini soffrono la paura dell'integralismo islamico. Il motivo? Secondo molti pensatori, sociologi e politologi anche se non possiamo individuare una connessione di causa-effetto tra multiculturalismo e terrorismo islamico. Non possiamo certo dire che lo Stato laico “inibisca”l'integralismo e la guerra santa contro l'Occidente. Anzi.

In sostanza chi ha mandato, o tenti di mandare all'aria lo spazio Schengen, è proprio chi fino a qualche mese fa parlava d'integrazione. Chi si accorge solo ora che a volte l'immigratoislamista è il primo degli intolleranti e nemico della società aperta liberale. La socialdemocrazia europea è in crisi. E ciò che resta, forse, verrà spazzato via con le prossime elezioni.

Commenti

jeanlage

Dom, 13/03/2016 - 20:48

Dalle Alpi alle Piramidi, dal Manzanarre al Reno, se ti fidi dei rossi, sei veramente scemo.

Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 13/03/2016 - 21:23

IL TROPPO STROPPIA, diceva sempre mia nonna buonanima!!! Se vedum.

Una-mattina-mi-...

Dom, 13/03/2016 - 21:34

QUELLO MULTICULTURALE E' UN GRANDISSIMO NEFASTO ABBAGLIO-Lo sanno molto bene a sinistra e bene scriveva Sergio Romano sul CdS nel 2005, citando Romano Prodi. Ma che aveva scritto Romano Prodi, all'albore dell'immigrazione, in prima pagina del Corriere in quell'agosto 1977? E' presto detto: "Poiché ne aveva fatto a meno per la sua ricostruzione e il suo successivo sviluppo, scriveva Prodi, l' Italia avrebbe dovuto continuare a «mandare avanti una società senza "negri"» per non aggiungere ai suoi già gravi problemi «quelli di una difficile convivenza razziale». SIC!!!

venco

Dom, 13/03/2016 - 21:35

Stiamo per essere invasi dagli islamici senza che ci facciano guerre, ma con le guerre che si fanno fra loro nei loro paesi.

Ritratto di ioetu

ioetu

Dom, 13/03/2016 - 21:57

Un bel grazie a Carlo Marx e ai suoi apologeti.

WOLF63

Dom, 13/03/2016 - 22:25

Gli austriaci e gli svedesi davano lezioni di bon ton quando certe facce arrivavano in Italia, però appena sono arrivate anche in casa loro dimostrandosi per quello che sono, ecco il cambio.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Dom, 13/03/2016 - 22:28

Ma le guerre le ha ordinate il medico, o il solito "tutore" del mondo, che ha una missione da compiere? E perché i migranti devono venire per forza da noi? Non hanno vicino e più raggiungibili altri paesi che non sono in guerra? Perché non vanno là? La risposta logica è una sola: questi flussi, anche se disordinati, sono ben voluti, ben programmati e ben contingentati. E non da oggi.

Giorgio Mandozzi

Dom, 13/03/2016 - 23:04

Quelli che ci hanno portato alla disgregazione europea sono gli stessi che, per cieca ed ostinata affermazione dell'accoglienza senza confini, oggi si accorge di non riuscire a gestirla buttandoci nel baratro della paura e dell'insicurezza. I politici europei, tutti, sono stati incapaci di valutare correttamente l'entità di questa immigrazione di massa. Una massa che ha la pretesa di farci pagare colpe non nostre e in netto contrasto con la nostra storia e le nostre tradizioni.

routier

Lun, 14/03/2016 - 09:17

@ Giorgio Mandozzi, è ben vero che i politici europei sono stati incapaci di valutare l'immigrazione di massa, ma allora come si spiega che il il popolino di massa lo aveva intuito fin dall'inizio ? Fosse che il volgo abbia capacità previsionali molto maggiori dei "soloni" di Stato ? Ma allora perché li eleggiamo a governarci ?