Selezionava mogli per i miliziani dell'Isis: ora torna in Europa

Tooba Gondal era incaricata di reclutare le giovani mogli dei miliziani dell'Isis. Ora la Turchia vuole rispedirla in Francia, dove la donna è nata

Il nome di Tooba Gondal può non dire niente ai più, ma la donna in questione, che è nata in Francia e che nonostante tutta l'esperienza vissuta ha ancora meno di trent'anni, ha svolto un ruolo inconsueto nell'Isis: organizzava, e in qualche modo rendeva più semplici, i matrimoni degli appartenenti a Daesh, individuando, tra le giovani ragazze musulmane, le future mogli degli estremisti islamici. Ora, colei che a tutti gli effetti ha fatto parte del team ristretto delle persone deputate ad arruolare dei terroristi, ma anche delle compagne di vita per i fondamentalisti, sta per essere messa su un volo con destinazione il Vecchio Continente. Con buona pace di coloro che vorrebbero evitare uno scenario di questa tipologia.

La Turchia di Erdogan ha infatti deciso che undici persone, tra quelli appartenenti o che sono appartenute a Daesh, debbano fuoriuscire dai confini nazionali della nazione dell'Asia Occidentale. Bisogna che facciano ritorno nei loro paesi d'origine: ad Ankara non hanno dubbi. Tooba Gondal sarebbe cresciuta in Gran Bretagna, e nello specifico si sarebbe anche formata in un college di alto profilo economico, ma tra i suoi documenti è stato rinvenuto almeno un passaporto francese. Ed è per questo motivo che Parigi è la meta ventilata per il suo ritorno in Europa.

Stando a quanto riportato dall'edizione odierna di Libero, all'interno di un articolo ripreso da Dagospia, non si tratta dunque di un esponente qualunque dell'Isis, ma di uno di quelli che, in termini organizzativi, può essere appellata a mo' di un quadro-dirigente. Spiccano, peraltro, i compiti che le erano stati assegnati in relazione alla propaganda sui social network. Sappiamo quanto l'Isis abbia utilizzato quel mezzo mediatico per attrarre a se tanti foreign fighters provenienti dall'Occidente e da altri emisferi del mondo. A dire il vero, Tooba Gondal, che da quando si è schierata dalla parte del califfato si è fatta chiamare "Umm Muthanna al-Britaniyah", preferirebbe evitare un rientro in terra transalpina: la arruolatrice ritiene che sia più corretto, considerata la sua storia personale, essere trasferita in Uk. Ma il fatto che sia nata in Francia può giocare un ruolo decisivo sull'assegnazione geografica.

Il leader turco Erdogan, dopo l'offensiva messa in atto qualche settimana fa, è chiamato a risolvere anche questo problema: che fare con i miliziani dell'Isis che sono stati catturati? A causa di questo interrogativo è iniziata a circolare la voce secondo cui gli europei rinvenuti, ossia le persone che hanno combattuto con Daesh ma che sono nate all'interno di confini europei, possano essere sostanzialmente confinati nella terra da cui sono partiti. E la Gondal, ovunque finisca, pare comunque destinata ad essere sottoposta a una vicenda giudiziaria, che dovrà chiarire ogni sua responsabilità.

Curioso, infine, anche il soprannome con cui era stata etichettata durante la sua militanza con Daesh: "Matchmaker". Qausi come se Tooba Gondal avesse insomma aperto un'agenzia matrimoniale ad uso e consumo dei fondamentalisti, che forse le avanzavano richieste specifiche in vista della nuzialità.

Commenti

opinione-critica

Gio, 14/11/2019 - 18:26

Fanno bene i turchi, ci pensi la Francia ad educare la matrimonialista...

dagoleo

Ven, 15/11/2019 - 09:13

ma che bello. una risorsa importantissima da non perdere assolutamente. mandatela subito qui in Italia che la Boldri ha in mente di aprire una agenzia matrimoniale immigrazionista. ed anche la Bignarda vuole ospitarla nella sua trasmissione.