Siria, gli Usa preparano l'offensiva via terra con i curdi e i combattenti arabi

Come anticipato dal New York Times la guerra contro l'Isis in Siria vedrà, a breve, una nuova potente offensiva su Raqqa, capitale del sedicente stato islamico

Peshmerga curdi in Siria

La coalizione internazionale a guida Usa che combatte in Siria contro l'Isis potrebbe iniziare, a breve, una potente offensiva via terra verso Raqqa, capitale del sedicente stato islamico. Come scrive il New York Times l’operazione prevede un'avanzata di 3-5mila combattenti arabi della Syrian Arab Coalition, a cui si aggiungeranno circa 25mila combattenti curdi. Trentamila uomini in tutto, sul campo, protetti dai raid aerei della coalizione. L’obiettivo non è di riprendere il controllo della città quanto di isolarla, tagliando ogni linea di rifornimento. Obama, secondo il Nyt, la settimana scorsa avrebbe ordinato al Pentagono (per la prima volta) di fornire munizioni e probabilmente anche armi a chi combatte sul terreno in Siria. Ed ha approvato l’idea di una campagna aerea rafforzata a partire dalla base turca di Incirlik.

L'offensiva si dovrebbe basare sullo stesso schema usato per Kobane, la città curda dove la combinazione di attacchi aerei e via terra, attraverso i peshmerga curdi, ha permesso di sconfiggere l'Isis. Per tranquillizzare i turchi, timorosi che i loro storici "nemici" curdi possano prendere troppo campo, ci dovrebbe essere la presenza, sul campo, dei 3-5mila combattenti arabi. Ma chi fa parte della Syrian Arab Coalition? Si tratta di 10-15 gruppi dell’opposizione moderata siriana, i cui leader sono stati valutati dai militari americani. Usa e Turchia lavorano, intanto, alla stesura di un piano dettagliato per impiegare milizie arabe nella chiusura del confine fra Siria e Turchia, lungo una striscia di un centinaio di chilometri fra il fiume Eufrate e la città turca di Kilis, in modo da tagliare importanti vie di rifornimento per lo Stato islamico.

Il piano per l’offensiva verso Raqqa, la cui preparazione è iniziata prima dell’escalation dell’intervento russo, non è stato coordinato con Mosca. E sul campo potrebbero esservi pericolose sovrapposizioni. Ma giovedi scorso alcuni funzionari del Pentagono hanno parlato in teleconferenza con le loro controparti russe per cercare di minimizzare i rischi.

Commenti
Ritratto di Giorgio Prinzi

Giorgio Prinzi

Lun, 05/10/2015 - 13:27

Poi magari l'iniziativa sfuggirà di mano e la Turchia, come da tempo ipotizzo anche da questo forum, verrà destabilizzata da curdi ed armeni Probabile a tal punto la formazione di uno Stato curdo a spese di Turchia, Iran, Iraq e Siria. Federazione Russa e Stati Uniti d'America non sono ai ferri corti, ma fanno un gioco della parti concordato e finalizzato.

carpa1

Lun, 05/10/2015 - 13:32

Siamo fritti. Ora l'abbronzato, dopo aver cannato tutti gli ultimi interventi in Siria, dopo Iraq e d Afganistan, cerca di entrare direttamente in conflitto con Putin.

Marzio00

Lun, 05/10/2015 - 14:05

Ormai è tardi!

sesterzio

Lun, 05/10/2015 - 14:05

Mio nonno diceva:"l'ultimo ad arrivar fu Gambastorta". Speriamo,almeno,non si perda per la strada.

Ritratto di alasnairgi

alasnairgi

Lun, 05/10/2015 - 14:11

Cosa fa fare la concorrenza di Putin ,eh? Per non perdere la sua credibilità e terreno di manovra ,ora Obama accelera! Spèeriamo solo che non vada a scontrarsi con i Siriani protetti dai Russi.

Ritratto di viktor-SS

viktor-SS

Lun, 05/10/2015 - 14:23

Ridicoli! Trentamila uomini "per isolare una città"! Questa non è guarda, è immobilismo ipocrita.

Ritratto di ALESSANDRO DI PROSPERO

ALESSANDRO DI P...

Lun, 05/10/2015 - 14:26

GLI USA O MEGLIO OBAMA, SANNO SOLO BUTTARE LE BOMBE AEREE ALLA CIECA. QUANDO SI TRATTA DI INVIARE PROPRIE TRUPPE PREFERISCONO , COME AL SOLITO, MANDARE AVANTI I CURDI E GLI ARABI. POI, FORSE ,ALLA FINE, QUANDO TUTTO SARA' POSSIBILMENTE TRANQUILLO, ARRIVERANNO LE TRUPPE USA E LA "VITTORIA" Sarà SEMPRE LA LORO.

Ritratto di marmolada

marmolada

Lun, 05/10/2015 - 14:26

hahahahah bravissimo Putin, con la sua offensiva ha COSTRETTO l'abbronzato a dover intervenire via terra in Siria contro l'Isis, altrimenti gli occidentali vengono tagliati fuori definitivamente dallo scacchiere. Comunque sia, enorme figura di m...a di Obama Erdogan e ruffiani vari!!

Ritratto di stock47

stock47

Lun, 05/10/2015 - 14:55

USA, arabi e curdi NON SONO STATI RICHIESTI DAI LEGITTIMI GOVERNANTI SIRIANI. La loro è un intromissione, per non dire invasione, in territorio siriano.

Ritratto di Gigliese

Gigliese

Lun, 05/10/2015 - 15:02

Lo cioccolatino USA ha perso la faccia a seguito dell'intervento di Putin ed adesso vuole rimediare.Che incapace e raglioso come un asino.

marcopg

Lun, 05/10/2015 - 15:05

Sono seriamente preoccupato. Le mosse di Obama sono di una pericolosità estrema. Prima per mesi non ha fatto nulla contro L'Isis facendo seriamente pensare che in realtà non lo vuole combattere, adesso che Putin sta raggiungendo importanti obiettivi muove le forze americane.Tutto(o quasi) il mainstream occidentale è muto, al guinzaglio della UE e dei nostri insesistenti leader occidentali. Dove sono finiti i fustigatori di Bush, appena cadeva una bomba fuori dal bersaglio in Ikak o in Afganistan. Abbiamo capito che Obama sta cercando un confronto frontale con i russi dalle possibili terribili conseguenze?

Un idealista

Lun, 05/10/2015 - 15:34

Attenzione! Attenzione! L'armata Brancaleone (per ben che dir si voglia) sta per partire! Riuscirà a buttare fumo e fango sui russi e sui siriani? La risposta alla prossima puntata.

giovanni PERINCIOLO

Lun, 05/10/2015 - 15:42

..."gli Usa preparano l'offensiva via terra con i curdi"... Ma l'abbronzato ha ottenuto il permesso di erdogan o questo annuncio sarà seguito dall'ennesima retromarcia??

Gianni11

Lun, 05/10/2015 - 16:26

Favole Americane. A Raqqa ci arriva l'esercito del governo Siriano con l'aiuto dell'aureonautica Russa. Il piano Americano di distruggere la Siria usando l'ISIS non ha funzionato, grazie alla Russia.

savior

Lun, 05/10/2015 - 19:08

Gli american mandano uomini via terra per salvare Al Baghdadi, loro burattino dell' ISIS. SE lo prendono i Russi o i Siriani, questo signore al soldo USA-EU, canterebbe alla grande.