Tensione altissima ad Idomeni: risse e violenze fra profughi

Un uomo accusato di violenze su una piccola di sette anni è stato aggredito dalla folla, venendo salvato solo dall'intervento della polizia

Torna alta la tensione al campo profughi di Idomeni, al confine fra Grecia e Macedonia, dove quindicimila persone giacciono nel fango in attesa di una decisione che ne stabilisca il destino, se verso l'Europa in direzione nord o verso la capitale greca Atene e la Turchia, a Sud.

Ieri pomeriggio è scoppiata una rissa fra i migranti quando un uomo è stato accusato di violenza sessuale nei confronti di una bimba di sette anni, sfuggendo al linciaggio della folla solo grazie all'intervento degli agenti di polizia ellenici.

L'episodio è sintomatico del clima assai teso che si sta sviluppando nel campo, dove settimana dopo settimana sempre più disperati si affollano in rifugi di fortuna fra fame e malattie, da quando la Macedonia ha deciso la chiusura del confine. Per ora sospesi in un limbo in attesa di conoscere la propria sorte, gli abitanti del campo di Idomeni tentano altre vie per proseguire verso nord, prima che il campo venga sgomberato.

Se l'accordo con la Turchia dovesse venire definito entro oggi, una delle opzioni potrebbe essere quella dei rimpatri "uno a uno": per ogni migrante rimpatriato dall'Europa in Turchia, Ankara farebbe entrare nell'Unione un siriano avente diritto alla protezione internazionale. Il tutto per un numero massimo di 72mila persone (in tutta la Grecia sono bloccati oggi più di 40mila migranti).

Per evitare questa possibilità molti migranti - soprattutto tra chi sa di avere poche probabilità di ottenere l'asilo - tentano già di attraversare il confine illegalmente, talvolta attraverso percorsi molti pericolosi, come è successo tre giorni fa, quando tre afghani sono morti guadando un fiume.

Sulla situazione dei profughi in Grecia è intervenuto oggi il ministro dell'Interno di Atene, Panagiotis Kouroumplis, che non ha esitato a descrivere il campo profughi di Idomeni, dove è in visita, come una "moderna Dachau": il primo campo di concentramento nazista mai costruito sul suolo europeo

."L'Europa, purtroppo - spiega Kouroumplis - vede ancora una volta la nascita di un nazionalismo particolare nei confronti delle persone perseguitate. Un'Europa composta da 580 milioni di abitanti esita ad assorbire 1-1,5 milioni di persone che sono state costrette a lasciare il proprio paese a causa di una guerra in cui l'Europa ha partecipato"

Annunci
Commenti
Ritratto di hardcock

hardcock

Ven, 18/03/2016 - 12:57

Anche in Grecia la polizia non si fa mai i cxxxi propri Molice Linyi Shandong China

Aegnor

Ven, 18/03/2016 - 13:23

Questo è in piccolo ciò che accadrà sul nostro territorio,quando le varie etnie e correnti religiose verranno ai ferri corti.

Malacappa

Ven, 18/03/2016 - 13:53

Ma cosa gliene frega alla polizia greca, che si scannino fra loro.

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 18/03/2016 - 13:53

so ragazzi...

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 18/03/2016 - 14:25

E prenderli, tutti quanti, e rimandarli a casa loro?

Ritratto di ohm

ohm

Ven, 18/03/2016 - 14:37

Ecco guardate bene in faccia questo individuo……..ha commesso un infame reato nonostante fosse attorniato da migliaia di suoi simili….figurati quando tutti questi entreranno nelle nostre terre e non saranno più controllati cosa mai potrà succedere….io non ci sarò più ma saranno c…i amari per i nostri figli e nipoti……questi hanno fame anche sessualmente e quindi non guarderanno in faccia più nessuno! Oltretutto non hanno un grdao di civiltà che potrà competere con le nostre più piccole norme di convivenza civile! Chi potrà insegnare loro come si vive in Europa? La boldrini ?????

Giorgio5819

Ven, 18/03/2016 - 16:41

A breve qualcuno dovrà rispondere dello schifoso progetto di invasione programmata dell'europa. Elementare sarebbe allestire campi di accoglienza sotto il controllo ONU, con truppe ONU a protezione, funzionari e personale ONU al controllo. Ma alla fine l'ONU cosa fa ? Osserva compiaciuta la transumanza di questi esseri, lo sfascio sociale che provoca il loro arrivo nelle nazioni civili, la morte di quelli che non ce la fanno, il prosperare di business di sfruttamento... o lavorano o aboliamo l'ONU.

ziobeppe1951

Ven, 18/03/2016 - 16:44

Ha solamente seguito l'esempio di maomatto

killkoms

Ven, 18/03/2016 - 17:27

@giorgio5819,sarà molto difficle se gli schifati non andranno a votare (quando ce lo permetteranno) quando gli utili idioti di comunisti e derivati ci vanno sempre..!

epc

Ven, 18/03/2016 - 17:28

E daje.... NON sono profughi. NON sono perseguitati da nessuno. Sono solo PARASSITI CLANDESTINI che sognano di venire in Europa per vivere a sbafo.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 18/03/2016 - 23:12

ci vorrebbe un esercito di mastini napoletani ben addestrati, sono silenziosi e.....

Georgelss

Sab, 19/03/2016 - 06:27

Quello pensava di essere gia'in Italia...

tazio63

Sab, 19/03/2016 - 06:45

uomini contro bestie disse Renzi... ma questa feccia a che categoria appartiene? ce lo spieghi il giullare toscano.

Ritratto di mircea69

mircea69

Sab, 19/03/2016 - 09:27

@Aegnor Sono completamente d'accordo!

pasquinomaicontento

Sab, 19/03/2016 - 11:00

Panagiotis il resto scrivetelo voi,:-Idomeni come Dachau- Che è 'na barzelletta? Là, la gente moriva, per "voluntas nazi" a Idomeni dove ancora non è morto nessuno,la voluntas casomai è loro,aridaje con:- sono scappati dalla guerra,è un ritornello che sà de rancico,sono scappati perchè non è "cascato"Assad come preventivato dalla Turchia (infilodiretto) con Obama che mirava ai pozzi petroliferi della Siria,e dagli ultra-democratici governi primo fra tutti quello dell'Arabia Saudita che bombarda lo Iemen senza che nessuno della combriccola ONU alzi un dito.Pensierino della sera,prima d'addormimme pe' capisse :-A quando un papa Nero?

Ritratto di Zohan

Zohan

Mar, 24/05/2016 - 12:12

Eliminazione totale senza appello di tutti questi schifosi trasportatori di islam