Terrore a Maiorca, libico accoltella turisti in spiaggia

La scorsa notte un libico di 31 anni ha attaccato con un coltello dei turisti che si trovavano in un locale situato su una spiaggia. La polizia, intervenuta sul posto, è riuscita a fermare l’aggressore sparandogli ad una gamba. Al momento le autorità escludono il movente terroristico

Momenti di terrore si sono vissuti la scorsa notte in un bar situato su una spiaggia della rinomata località turistica di Maiorca. Secondo quanto ha riferito la polizia locale, intorno alle 1:30 un immigrato di 31 anni di nazionalità libica, armato di coltello, ha attaccato dei turisti che si trovavano nel Ballermann, un famoso locale del lungomare ancora pieno di gente nonostante la tarda ora, riuscendo a ferire due turisti tedeschi di 27 e 46 anni.

"Li ho uccisi, li ho uccisi!!" ha urlato in arabo lo straniero mostrando, quasi come un macabro trofeo, l’arma insanguinata. Il libico, però, non si è accontentato di colpire nel mucchio ma ha anche provato ad attaccare alcuni agenti intervenuti immediatamente sul posto, che lo hanno fermato sparandogli ad una gamba.

"L'ho visto colpire uno sulla pancia, l'altro dietro” ha raccontato un cameriere del bar al “Diario de Mallorca”. “E' stato terribile. I due feriti si sono dati alla fuga, tutti insanguinati, e, sfiniti, sono collassati sul marciapiede" ha concluso il testimone ancora visibilmente scosso.

La polizia ha subito avviato un'indagine per stabilire le circostanze esatte dell'attacco ma, al momento, non ritiene che si tratti di un’azione legata al terrorismo.