Terroristi di Boko Haram travestiti da fruttivendoli per far strage nei mercati

Sempre più letale, sempre più spietato, il gruppo jihadista nigeriano Boko Haram

Sempre più letale, sempre più spietato, il gruppo jihadista nigeriano Boko Haram, sta affinando sempre più la sua strategia del terrore, cercando di elaborare delle tattiche di guerriglia che portino al minor utilizzo di uomini ma che producano il maggior numero possibile di vittime: militari ma anche e soprattutto civili.

A lanciare l'allarme e mettere in guardia il Paese più popoloso d'Africa è stata l 'intelligence nigeriana che ha informato del fatto che gli jihadisti di Shekau stanno utilizzando una nuova tecnica: travestirsi da venditori di frutta e verdura, entrare così indisturbati all'interno dei mercati del nord del Paese e nell'area del lago Ciad poi, una volta mimetizzatesi tra la folla e approfittando della caoticità dei mercati, azionare gli ordigni e provocare così stragi indiscriminate.

A diffondere la notizia è stato il Brigadiere Generale Rabe Abubakar, Direttore dell'informazione della Difesa. Il militare attraverso un comunicato ha scritto: '' I terroristi ora nascondono degli ordigni sotto i vegetali e la frutta, all'interno di carriole e carrelli. Una volta tra le bancarelle, approfittando della moltitudine di persone, azionano l'ordigno per causare il maggior numero possibile di morti e feriti''.

Il Brigadiere Generale ha poi proseguito dicendo: ''Essendo stato effettivamente allontanato da alcune roccaforti e avendo perso molti uomini, il gruppo terrorista sta affinando nuove strategie nella guerra del terrore. Occorre perciò che tutti i cittadini, la stampa e le forze di sicurezza si uniscano nel fronteggiare gli jihadisti, perchè la sicurezza continua ad essere la preoccupazione di tutti''.