Toglie una zecca al gatto: donna resta invalida a vita

È successo in Inghiterra. La donna ha levato subito il parassita dal braccio, ma l'animale le aveva già trasmesso una grave infezione

Una zecca che aveva tolto dal gatto le si era subito attaccata al braccio. Così la 46enne inglese Joanne Baskett ha preso uno strumento apposito e ha levato l'animale dalla sua pelle.

Il parassita però le aveva già trasmesso una grave infezione. Come spiega il Messaggero, a seguito del morso la donna ha sviluppato un rossore. Il medico le ha così prescritto un medicinale che non ha avuto alcun effetto. Dopo alcuni giorni la donna ha iniziato a manifestare sintomi influenzali accompagnati da fabbre alta.

Solo a quel punto le è stata diagnosticata la malattia di Lyme, un'infezione batterica diffusa dalle zecche che può avere anche gravi conseguenze. Per la donna però era già troppo tardi: la malattia l'ha lasciata invalida a vita. Ora Joanne non può più camminare o mangiare da sola. Ha bisogno di un'aiuto costante per ogni piccola cosa.

"Mi sento devastata, se me ne fossi accorta in tempo sarei potuta guarire", ha raccontato ai giornali locali. Infatti, se la malattia viene diagnosticata subito, i pazienti possono essere curati con successo. Nel caso di Joanne invece sono passati troppi giorni prima che i medici capissero la gravità del problema.

Commenti
Ritratto di Clastidium

Clastidium

Mer, 12/06/2019 - 11:49

tipico esempio dei danni prodotti dall'ignoranza: la signora sapeva di essere stata morsa da una zecca, però non ha tenuto un comportamento adeguato ed ora purtroppo ne piange le conseguenze. storia che assomiglia tanto a quella dell'Italia che sa di essere stretta nella morsa del debito e della perdita di competitività ma non vuol tenere un comportamento prudente e virtuoso; prima o poi resteremo paralizzati anche noi, anzi in realtà è quello che sta già accadendo da qualche anno.

Marcolux

Mer, 12/06/2019 - 12:16

x Clastidium: Ma si deve infilare per forza la politica anche dove non entra per niente? Caro fenomeno, non è così scontato che una persona possa ricondurre una specie di influenza ad una zecca! Di zecche rosse ce ne sono tante in Italia, e fanno più danni di quella della signora inglese! Magari sei una di quelle, con un pingue stipendio pubblico? Visto? Se vogliamo, si politicizza qualsiasi cosa? Ma io l'ho fatto solo per provocazione.

dagoleo

Mer, 12/06/2019 - 12:35

da troppi anni l'Italia è infestata di zecche rosse che l'hanno infettata con morbi di ogni genere. Infatti ormai è un cadavere zombie.

Peppenappa61

Mer, 12/06/2019 - 12:46

Clastidium : grazie alle zecche rosse e ai loro complici in europa che hanno succhiato sangue e trasmesso l'infezione al Paese.E, in ritirata, hanno avvelenato i pozzi. Ci vorranno decenni per guarire.

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 12/06/2019 - 13:01

Sarà un caso ma è proprio rossa...

Raffaello13

Mer, 12/06/2019 - 13:06

Ma che c'entra il gatto nel titolo? Ha tolto la zecca dal suo braccio o no? Comunque da noi sono i greggi di pecore che pascolano lungo i fiumi a portare le zecche, che poi saltano sulle gambe di quelli che vanno a passeggio sull'erba.

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Mer, 12/06/2019 - 14:10

Già quello che viene pomposamente definito 'amore per gli altri' - quindi i sentimenti - è l'atto, azione o cosa più irrazionale che esista nell'Universo. Figurarsi che cosa debba essere legarsi a qualche insulso animale o addirittura agli oggetti. E già la Nuova Fenomenologia comincia giustamente a considerare gli individui per quello che essi inevitabilmente sono: 'cose tra le altre cose'. Ma so benissimo che si vive di illusioni. E una delle più grandi è quella di credere che l'amore per gli altri sia qualcosa di diverso dal mero egoismo.

Holmert

Mer, 12/06/2019 - 14:16

Mio figlio mi ha riportato un gatto,prelevato dalla strada. Aveva come minimo cinque zecche. Tutti i gatti di strada ne hanno. Ho usato una pinzetta apposita per toglierle, uncinandole alla base di impianto e girando in senso anti orario, in modo da svitare il loro rostro, con il quale si ancorano alla cute. La zecca resta incagliata nella pinzetta, io la tolgo con una carta e le do fuoco. Mai schiacciarla, si disseminerebbe l'ambiente di uova, per la riproduzione infestante. La zecca è portatrice di rickettsie,piccoli batteri che vivono all'interno delle cellule umane parassitate e se non si dà un antibiotico adatto, non si guarisce.Vanno bene macrolidi o tetracicline, che agiscono all'interno della cellula,dove stazionano le rickettsie. Io ne ho curati diversi, cacciatori in particolare,portatori di zecche, trasmesse da animali e del tutto guariti.

nerinaneri

Mer, 12/06/2019 - 15:03

...tipica komunista...

nerinaneri

Mer, 12/06/2019 - 16:35

...ho sempre saputo che l'alcool le stordisce immediatamente e fa loro mollare subito la presa...

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Mer, 12/06/2019 - 16:37

Ho fatto una scommessa con un amico sulla percentuale di persone che, in un'articolo che parla di complicanze mediche prodotte dall'inoculazione accidentale di un parassita attraverso il morso di un vettore, avrebbero evocato in comunismo. Il mio amico, più ottimista di me, ha detto "Ma ti pare che la gente è così scema?" Io ho risposto: "Per quello che ho capito delle persone che scrivono su questo spazio commenti, saranno più del 50 percento". Risultato? 5/9, ossia il 55 percento.

Holmert

Mer, 12/06/2019 - 17:36

Nerinaneri, è un vecchio metodo che non è riuscito mai a cacciare la zecca con tutto il rostro. Ci vogliono pinze adatte che la prendono e la girano in senso antiorario. Si fidi,si fa così. Altri metodi non sono buoni.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Mer, 12/06/2019 - 17:39

Anch'io, che da tempo vivo in zona collinare, anni fa mi trovai una zecca addosso, e, sapendo che qui la malattia di Lyme c'e', andai di corsa al pronto soccorso. Mi fu detto di non preoccuparmi e di tenere soto controllo le dimensioni dell'alone rosso intorno al punto di morsicatura. Nel caso, dopo una settimana si fossse ingrandito, si sarebbe dovuta intraprendere la terapia antibiotica... Tornato a casa, prudenzialmente convinsi il mio medico a partire IMMEDIATAMENTE con la suddetta terapia. Mi sono cuccato antibiotici per almeno due settimane, ma con la certezza di non aver lasciato alcuna possibiita' all'eventuale infezione. Ho visto come si era ridotto un poveretto infettato, e non volevo assolutamente fare la stessa tristissima fine.

Ritratto di Pictures

Pictures

Mer, 12/06/2019 - 17:44

Comunque, scherzi brambilleschi a parte, se vi morde una zecca dovete toglierla subito con una pinza e conservarla in un vasetto, quindi osservare il morso. Nella magior parte dei casi non succede nulla oltre al classico prurito, ma se si forma un alone esteso rosso, consultare un medico e portargli la zecca per un analisi. Le zecche, se esse stesse infestate, possono trasmettere meningite e borelliosi. Contro quest'ultima ci si può anche vaccinare, consigliabile per soggetti a rischio spesso in campagna o nei sottoboschi o quelli che vanno a dormire con cani e gatti. .

Ritratto di tomari

tomari

Mer, 12/06/2019 - 17:45

x staMinchia: In ogni tuo post tiri in ballo Salvini o Berlusconi...è del tutto ovvio che quando si parla di zecche ci si riferisca al 22,8% di zecche rosse che infestani l'Italia.

Ritratto di Pictures

Pictures

Mer, 12/06/2019 - 17:47

@nerinaneri è vero l'incontrario. Alcol, olio ecc. la innervosiscono e, per reazione, stringe ancora di più la presa. Levarla immeditamente "a secco" prima che vomiti il contenuto del suo intestino nei tuoi vasi sanguigni. Quuesto purtroppo è quello che fa e che causa l'infezione.

caren

Mer, 12/06/2019 - 17:55

Caro stamicchia, spiritoso come una patata, ti ricordi cosa dice il saggio a proposito? "Chi è causa del suo mal, pianga se stesso". Cordiali saluti.

Ritratto di bracco

bracco

Mer, 12/06/2019 - 18:02

Questo parassita mi ricorda tanto i movimenti della sinistra italiana

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Mer, 12/06/2019 - 19:30

@tomari, io Salvini e Berlusconi in vita non li ho mai incontrati, così come non ho mai incontrato nessun altro, dunque nessuna simpatia o antipatia personale verso chicchessia. Nel mio quotidiano (dunque non solo in questo forum dove passo in media 10 minuti al giorno) me la prendo con chi avvelena i pozzi della civile convivenza, creando odio e divisioni. L'odio che c'è oggi in giro è un prodotto degli ultimi 3 anni, non di più. È un'operazione studiata a tavolino da professionisti della comunicazione, che sono riusciti in così breve tempo a creare ansie e paure che prima sconoscevamo in Italia.

Ritratto di Pictures

Pictures

Mer, 12/06/2019 - 21:18

e, come ricorda giustamente la Brambilla, quando cuinate i gatti, cuoceteli per ben bene e mai al sangue come per la carne di manzo

caren

Mer, 12/06/2019 - 22:12

Stamicchia ha frequentato un corso accelerato di filosofia, studiando Seneca, Aristotele, Antistene, e Diogene di Sinope.

rino34

Mer, 12/06/2019 - 22:35

servivano degli antibiotici per venti trenta giorni...purtroppo nei paesi del nord ci sono zecche infette, Austria, Repubblica Ceca, Germania e ora scopro pure in Uk, In Italia pure anche se non in modo uniforme.

Ritratto di OdioITedeschi

OdioITedeschi

Mer, 12/06/2019 - 23:35

Leggendo un libro di Anne e Daniel Meurois-Givaudan, sembrerebbe che (attraverso una lettura dell'Akasha, l'archivio storico universale) le zecche siano state create artificialmente dagli atlantidei prima dell'inabissamento di questo continente, quando i suoi abitanti raggiunsero il massimo della corruzione morale e persero ogni forma di contatto con la spiritualità, un po' come stanno facendo quei deficienti di americani con tutti i loro esperimenti illegali come le scie chimiche, gli esperimenti batteriologici, militari, genetici e nucleari: quando si viene a spezzare quel senso etico/morale o si perde semplicemente il buon senso ecco che i risultati divantano verramente aberranti.

Ritratto di Arduino2009

Arduino2009

Gio, 13/06/2019 - 01:02

Le zecche, i parassiti come i komunisti.

Ritratto di Giancarlo09

Giancarlo09

Gio, 13/06/2019 - 09:33

Stamicchia se non coglie la vis polemica della maggior parte dei commentatori nei confronti del commento del Suo compagnuccio Clastidium, che si è affrettato a tirare in ballo a sproposito la politica, allora vuol dire che non ha solo qualche problema con la lingua italiana ("sconoscevamo"???) ma anche qualche problema di comprendonio. La prossima volta faccia una bella scommessa con il suo amico su quanti cxxxxxi di sinistra scriveranno sul forum di un giornale a loro ostile per provocare ed insultare, vedrà che vincerà ancor più facilmente.

Ritratto di Joyforall

Joyforall

Gio, 13/06/2019 - 10:33

beati coloro che non hanno mai avuto a che far con la sanità inglese. La società è anch'essa di pari passi... la realtà sembra una puntata dei simpsons.

Facciamofintache1

Gio, 13/06/2019 - 11:59

Stamicchia il piano kalergi è iniziato da più di 70 anni pensa un po' te e ha messo in ginocchio i popoli di mezzo mondo. Non è questione di odio si chiama esasperazione. Comunque non c'è ombra di dubbio voi zecche rosse siete proprio incapaci di comprendere pure per voi ci vorrebbero le pinzette per strapparti via finalmente da questa società che state infettando coi vostri ideali perversi da troppo tempo ormai.