Tony Blair si dimette da inviato del quartetto

L'ex premier britannico lascerà il suo incarico per il Mediorente il mese prossimo

Le dimissioni arriveranno il mese prossimo, quando Tony Blair avrà chiuso tutti gli impegni ancora in corso. Allora lascerà il suo posto da inviato del Quartetto per il Medioriente, che comprende Nazioni Unite, Unione Europea, Stati Uniti e Russia.

Blair ha presentato le sue dimissioni con una lettera inviata a Ban Ki-moon, segretario generale delle Nazioni Unite. Lo hanno annunciato fonti vicine al Quartetto, anonime al momento, perché un annuncio ufficiale deve ancora arrivare.

L'ex premier britannico ha chiarito che rimarrà "attivo su questi argomenti e nella regione", perché "pienamente impegnato ad assistere la comunità internazionale nel suo lavoro con Israele e i palestinesi per ottenere progressi verso la soluzione a due Stati".

Commenti

Gaby

Mer, 27/05/2015 - 21:42

Cialtrone borioso.

amecred

Gio, 28/05/2015 - 21:31

Il suo contributo alla pace in mediorente passera' alla storia. nel giro di 4 anni ci sono stati disordini in praticamente tutti i paesi, dalla Tunisia fino all'Iran. viene il dubbio che forse era quello il suo obbiettivo, destabilizzare l'intera area. Un genio.