Tripoli, miliziani assaltano la sede della National Oil Corporation

La sede della compagnia petrolifera pubblica è stata assaltata da miliziani armati di fucili e bombe. Nessuno ha rivendicato l'attacco

La National Oil Corporation di Tripoli è sotto assedio. In queste ore, alcuni uomini armati hanno assaltato la sede del compagnia petrolifera pubblica e si sono barricati nell'edificio. Secondo i media locali, non ci sono ancora notizie sui possibili autori dell'attacco. Non c'è stata rivendicazione e dalle fonti militari non trapelano ulteriori informazioni. Non è chiaro se ci siano vittime o feriti. L'emittente al-Ahrar parla di ambulanze giunte sul posto mentre il portale al-Wasat riferisce di dipendenti che sono riusciti a fuggire dall'edificio preso d'assalto dai miliziani.

Intanto, le forze di sicurezza hanno circondato l'edificio della Noc. Le operazioni per liberare il quartier generale della compagnia libica sono affidate al comando dell'area militare di Tripoli e alla Forza di deterrenza, una milizia locale che controlla una parte della capitale libica. I miliziani che hanno assaltato l'edificio sarebbero armati di bombe a mano e fucili mitragliatori e le agenzie riportano che sono stati uditi diversi spari nei pressi del palazzo.

Per Tripoli, l'assedio è particolarmente importante. La Noc rappresenta una delle uniche compagnie nazionali ad avere legami con tutte le fazioni libiche. Aver colpito il colosso pubblico del petrolio è un gesto importante per minare, dal profondo, il vero e proprio pilastro della Libia: il petrolio.