Tripoli, milizie armate prendono il controllo di tre ministeri

Secondo l'emittente al-Arabiya le milizie sarebbero fedeli al premier dell'ex esecutivo islamista libico, il Governo di salvezza nazionale, Khalifa Ghwell. Ma fonti diplomatiche smentiscono l'occupazione dei ministeri

Alcuni gruppi armati ostili al governo libico di Fayez al-Serraj dopo scontri con i lealisti hanno preso il controllo di tre ministeri a Tripoli: Difesa, Giustizia e Economia. Lo riferisce Al Arabiya in un tweet. Yannis Koutsomitis, analista politico di France 24, sul proprio account Twitter scrive che "è in corso un mini-golpe delle milizie fedeli al governo di salvezza nazionale di Khalifa Al-Ghwei", che già lo scorso ottobre avevano occupato la sede del Consiglio di Stato (il Rixos Hotel nella capitale libica) nato dopo l’accordo da cui è nato il governo di unità nazionale affidato al premier al-Serraj.

Sono diverse le fazioni che si fronteggiano a Tripoli. Le più forti stanno con Al-Serraj, ma il malcontento è sempre più forte, specie per la scarsità di carburante e gas per il riscaldamento e i tagli nella fornitura dell'elettricità. Così, approfittando della situazione, le milizie ostili al governo sono entrate in azione per tentare di dare una spallata all'esecutivo.

Ma qualcuno pensa che dietro ai disordini ci sia il generale Khalifa Haftar (sostenuto da Russia ed Egitto), che ha in mano la parte orientale del Paese e mira a conquistare anche Tripoli. Haftar però ha un problema di non poco conto: ha contro i Fratelli Musulmani, a cui fanno riferimento quasi tutti i gruppi armati di Tripoli e di Misurata.

Dopo alcune ore le forze speciali fedeli ad al-Serraj fanno sapere di aver ripreso il controllo dei tre ministeri. Lo ha annunciato un funzionario del ministero dell'Interno libico, Ashraf Soulsi, all'agenzia di stampa russa Sputnik. "Abbiamo preso il controllo di tutti gli edifici governativi che i miliziani avevano tentato di assaltare", ha assicurato Soulsi, senza fornire dettagli sui gruppi armati.

Smentita l'occupazione dei ministeri

Non risulta l’occupazione di ministeri a Tripoli da parte delle milizie dell’ex primo ministro libico Khalifa Ghwell. Lo riferiscono fonti diplomatiche qualificate all’agenzia Agi. La fonte spiega di aver parlato con i vertici della nostra ambasciata a Tripoli e aggiunge che Ghwell "sta girando indisturbato per la città con un gruppo di uomini, forse una ventina". "È possibile che gli uomini di Ghwell siano stati in vari posti della città, tra cui i ministeri", aggiunge la fonte, ma questi "non sono stati occupati", ribadisce. Il ministero della Difesa a Tripoli, in particolare, è un edificio vuoto, dove non c’è nessuna struttura operativa.

Commenti
Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 12/01/2017 - 17:29

Ma con chi era andato a parlare Minniti?

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 12/01/2017 - 17:55

LA ministra pinotti, in una intervista recente, vuole dare 51 pattugliatori a Tripoli,forse per velocizzare l'invasione...

pensaepoiagisci

Gio, 12/01/2017 - 18:00

ma che casino c'è li'...per forza che ci mandano i loro connazionali con i barconi..cosi' destabilizzano anche noi!

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Gio, 12/01/2017 - 18:11

Ma minniti con quale governo sta trattando?? Di tutto questo gran casino tre sono le persone da ringraziare: l'abbronzato, l'ungaro e l'albione.

tmarco

Gio, 12/01/2017 - 18:52

Direi che il governo italiano si sia scelto il cavallo sbagliato: Al-Serraj rischia di fare una bruttissima fine e Haftar ha la possibilità di arrivare fino a Tripoli. Peraltro è stata una scelta sbagliata a prescindere, perché l'unico che difende la laicità dello stato in Libia è proprio Haftar.

cangurino

Gio, 12/01/2017 - 19:06

un ringraziamento di cuore al premio nobel per la pace, che con l'appoggio dei francesi, ha reso possibile questo paradiso in terra. Ringraziamo anche per i frutti e le risorse che quotidianamente riceviamo, in enormi quantità, non dimenticando un caro pensiero ad Alf-gano e Renzi, anch'essi di enorme contributo alla riuscita dell'opera.

steacanessa

Ven, 13/01/2017 - 00:51

Per nostra sfortuna minniti è già rientrato.