Tunisi, tra gli ostaggi pure i dipendenti del Comune di Torino

Tra gli ostaggi anche un gruppo di dipendenti del Comune di Torino. Ecco i nomi

Tra gli ostaggi italiani finiti nelle mani dei terroristi che hanno attaccato il museo del Bardo di Tunisi, c'è anche un gruppo di dipendenti del Comune di Torino. Tra loro Carolina Bottari, 54enne impiegata all'ufficio Patrimonio dell’amministrazione comunale che durante il blitz del commando armato è riuscita a comunicare con l'esterno. "Qui stanno sparando a tutti - ha scritto - vi prego aiutateci". La comitiva era in crociera a bordo della Costa Fascinosa.

Fra i turisti coinvolti nella sparatoria al Museo del Bardo ci sono anche quattro italiani che fanno parte di un gruppo di trenta persone partite per una gita organizzata dal Cral. La Bottari, accompagnata in viaggio dal marito, è la sola ad essere riuscita a lanciare l'allarme all'esterno quando i media locali e la polizia tunisina non sapevano ancora cosa stesse succedendo. "Oltre alla 54enne torinese - ha spiegato l’assessore al Bilancio Gianguido Passoni - gli altri tre dipendenti dell’Ufficio patrimonio sono Antonella Fesino, Antonietta Santoro e Anna Bagnale".

Commenti
Ritratto di scandalo

scandalo

Mer, 18/03/2015 - 15:34

c'era una volta un porco comunista che parlava di primavera araba !

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 18/03/2015 - 16:15

Prepariamo una trentina di milioni.Serviranno per la consueta "intensa attività diplomatica".